― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldIl riformista Pezeshkian vince il secondo turno delle elezioni presidenziali iraniane, sconfiggendo...

Il riformista Pezeshkian vince il secondo turno delle elezioni presidenziali iraniane, sconfiggendo la linea dura Jalili – Notizie dal mondo

Jon Gambrell e Amir Vahdat, Associated Press – | Storia: 495911

Candidato riformista Massoud Pezeshkian Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha vinto sabato il secondo turno delle elezioni presidenziali iraniane, sconfiggendo il intransigente Saeed Jalili promettendo di tendere la mano all'Occidente e facilitare l'applicazione della legge sull'hijab obbligatorio dopo anni di sanzioni e proteste che hanno messo sotto pressione la Repubblica islamica.

Pezeshkian ha promesso di non introdurre alcun cambiamento radicale nel sistema religioso sciita iraniano nella sua campagna elettorale, e da tempo considera il leader supremo, l'Ayatollah Ali Khamenei, l'arbitro finale di tutti gli affari di stato nel paese. Ma anche i modesti obiettivi di Pezishkian dovranno affrontare sfide con un governo iraniano ancora nella morsa degli estremisti, la guerra in corso tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza e i timori occidentali che Teheran stia arricchendo l’uranio a livelli prossimi alle armi.

I risultati del conteggio dei voti presentati dalle autorità mostrano la vittoria di Pezishkian con 16,3 milioni di voti, rispetto ai 13,5 milioni di voti di Jalili nelle elezioni svoltesi venerdì.

Sostenitori Pezishkian, chirurgo cardiotoracico e deputato veteranoÈ entrato nelle strade di Teheran e di altre città prima dell'alba per festeggiare mentre il suo vantaggio cresceva. Jalili, l’ex negoziatore intransigente sul nucleare.

Ma la vittoria di Pezeshkian pone l'Iran in un momento delicato, con le tensioni in aumento in Medio Oriente a causa della guerra tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza. Il programma nucleare iraniano sta avanzandoE le imminenti elezioni americane, che potrebbero mettere a repentaglio ogni possibilità di riavvicinamento tra Teheran e Washington.

READ  I capi di stato delle otto Unione Europea hanno chiesto negoziati per l'adesione dell'Ucraina

Il primo turno di votazioni si è svolto il 28 giugno Il tasso di partecipazione più basso nella storia della Repubblica islamica Dalla rivoluzione islamica del 1979. I funzionari iraniani hanno a lungo indicato l'affluenza alle urne come un segno di sostegno all'ordine religioso sciita del paese, che è sotto pressione dopo anni di sanzioni che hanno schiacciato l'economia iraniana, manifestazioni di massa e dura repressione di ogni forma. di dissenso.

Funzionari governativi fino alla Guida Suprema L'Ayatollah Ali Khamenei La Commissione elettorale nazionale si aspettava che i tassi di partecipazione aumentassero con l’inizio delle votazioni, poiché la televisione di stato trasmetteva immagini di modeste proteste in alcuni seggi elettorali in tutto il Paese.

Tuttavia, i video online hanno mostrato che alcuni seggi elettorali erano vuoti, mentre un sondaggio d’opinione che ha riguardato dozzine di località della capitale, Teheran, ha rilevato un traffico leggero in mezzo a una forte presenza di sicurezza nelle strade.

Le elezioni si sono svolte in un contesto di crescenti tensioni regionali. In Aprile, L’Iran lancia il suo primo attacco diretto contro Israele Allo stesso tempo, le milizie che Teheran sta armando nella regione – come gli Hezbollah libanesi e i ribelli Houthi nello Yemen – continuano a combattere e a intensificare i loro attacchi.

Anche l'Iran Arricchire l'uranio a livelli vicini a quelli delle armi L’Iran mantiene scorte abbastanza grandi da poter costruire diverse armi nucleari, se decidesse di farlo. Mentre Khamenei rimane il decisore ultimo in materia di affari di stato, l'uomo che alla fine vincerà la presidenza potrebbe orientare la politica estera del paese verso il confronto o la cooperazione con l'Occidente.

READ  L'RCMP sta indagando su un incendio "sospetto" in uno stabilimento chiuso dell'isola

La campagna ha anche più volte accennato a cosa accadrebbe se l’ex presidente Donald Trump, che si è ritirato unilateralmente dall’accordo sul nucleare iraniano nel 2018, vincesse le elezioni di novembre. L'Iran ha avuto colloqui indiretti con l'amministrazione del presidente Joe Biden, sebbene non vi sia alcuna mossa chiara per tornare a limitare il programma nucleare di Teheran al fine di revocare le sanzioni economiche.

Hanno diritto di voto più di 61 milioni di iraniani di età superiore ai 18 anni, e circa 18 milioni di loro hanno tra i 18 e i 30 anni. La votazione era prevista per le 18, ma è stata prorogata fino a mezzanotte per aumentare la partecipazione.

Ex presidente Ibrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero a maggioEra visto come una delle guardie del corpo di Khamenei e un potenziale successore del leader supremo.

Tuttavia, molti lo conoscono per la sua partecipazione alle esecuzioni di massa in Iran nel 1988 e per il suo ruolo nella sanguinosa repressione del dissenso che seguì le proteste per la morte di Khamenei nel 2022. Mahsa Amini, una giovane donna arrestata dalla polizia A causa delle accuse di aver indossato il copricapo obbligatorio o l'hijab in modo errato.