Il risveglio del panorama digitale

Il risveglio del panorama digitale

Selina Cameron è l'amministratore delegato di SJRuna pluripremiata azienda globale di tecnologia dei contenuti.

Se pensiamo al nostro panorama tecnologico in termini di… naturale Il paesaggio mostra molti fatti.

Nel caldo torrido del deserto di Sonora, ad esempio, i coyote entrano ed escono dalla boscaglia. In alto, i pellegrini fendono il cielo, le loro ombre veloci sulla terra bruciata dal sole, mentre gli ironwood ondeggiano i loro rami spinosi nel valzer del vento scricchiolante. Il luogo (anche il deserto) è vivo, in armonia e movimento.

Ma cosa succederebbe se il sole fosse sempre a mezzogiorno e i coyote fossero permanentemente bloccati in mezzo alla strada? E se i pellegrini fossero sospesi in aria e gli ironwood non si muovessero mai?

Questo mondo mummificato, anche con tutta questa luce solare, sarebbe freddo; Fisso.

La stagnazione è stata spesso lo status quo del nostro panorama digitale. Potresti non sentirti così mentre scorri i tuoi feed social e guardi gli ultimi video virali. Ma anche se il nostro mondo digitale si è espanso, pullulando di più entità e contenuti, è rimasto un ecosistema in gran parte congelato, come un deserto pieno di una collezione sempre crescente di statue.

Quindi, cosa accadrebbe se questi numeri fissi iniziassero a tornare in vita, a cambiare e a connettersi di nuovo? Come sarà quell’esperienza? Cosa dirà questa scena?

Risveglio digitale

Ci troviamo in una nuova era dell’informatica, dove ancora una volta una tecnologia emergente – l’intelligenza artificiale – non solo rispecchia il dinamismo del nostro mondo naturale, ma lo espande in territori nuovi e inesplorati.

In qualità di professionista del content marketing che sviluppa strumenti basati sull'intelligenza artificiale, la mia azienda SJR è convinta che l'impatto finale dell'intelligenza artificiale sulle aziende, sui consumatori e sul concetto di esperienze umane (per non parlare delle esperienze di marketing) sarà a dir poco trasformativo.

READ  Nuovo rollback dell'aggiornamento a breve, rivelate le note sulla patch

Poiché molte risorse digitali, in particolare i siti Web, sono statici, stiamo sfruttando la potenza dell’intelligenza artificiale per creare nuovi paesaggi digitali che siano organici, inclusivi e resilienti come il mondo naturale. Questo non accade solo nella realtà aumentata, virtuale o mista. Riteniamo invece che l’intelligenza artificiale contribuirà a sbloccare nuove categorie di esperienze digitali, che possono essere chiamate “esperienze generative”. Questi hanno il potenziale per determinare profondi cambiamenti nel mondo degli affari e dei consumi.

L’ascesa della competenza generativa

Le esperienze generative rappresentano un cambiamento di paradigma nel modo in cui interagiamo digitalmente e un nuovo modello operativo per l’intero web. Nuovi strumenti consentiranno livelli senza precedenti di esperienze utente personalizzate e reattive.

Immagina, ad esempio, un mondo in cui un visitatore del sito web di un'azienda può avere una conversazione intuitiva utilizzando funzionalità di intelligenza artificiale che forniscono le informazioni esatte che sta cercando, corrispondenti alla fase specifica del percorso del cliente. Per gli individui, ciò significa fornire contenuti che siano responsabilizzanti, pertinenti e intrinsecamente naturali nella risposta e nella comprensione.

Per le aziende, questo progresso apre le porte a una vera attenzione al cliente e a un marketing individuale su larga scala. La profondità e l’ampiezza dei dati generati da queste interazioni forniranno informazioni senza precedenti sul comportamento e sulle preferenze dei clienti, informando non solo su come le aziende migliorano i percorsi di acquisto, ma anche su come possono trasformare i propri prodotti e servizi per soddisfare meglio le esigenze dei propri clienti.

Questo è solo un esempio dei modi in cui l’“esperienza generativa” promette di rivitalizzare il panorama digitale e fornire un vantaggio competitivo ai primi utilizzatori.

READ  Amazon promette di riparare Comixology dopo aver reso il servizio quasi inutilizzabile

Come unirsi a

Quindi, come puoi salire a bordo e prepararti a creare esperienze di piattaforma digitale davvero rivoluzionarie per il tuo pubblico? Inizia a pensare all'intelligenza artificiale non come a uno strumento che ti aiuta a lavorare più velocemente o a creare più risorse su larga scala, ma piuttosto a riprogettare completamente la tua esperienza cliente. Pensa in grande!

Avvia il processo di valutazione critica delle informazioni sul tuo sito web e su altri canali del brand. Invece di affrettarti a creare più pezzi e pagine per riempire il tuo sito senza focalizzarti, inizia a pensare in termini di materiale strategico per una conversazione continua tra te e il tuo pubblico. Dovresti chiederti in che modo i contenuti possono ispirare, educare e influenzare le persone mentre si muovono su e giù nel tradizionale imbuto di marketing.

Ci sono molti modi per farlo. Ad esempio, in SJR offriamo ora un audit dell'intelligenza artificiale che aiuta i marchi a capire come l'intelligenza artificiale generale e i set di dati con addestramento personalizzato leggono i loro siti. Tuttavia, anche se non conosci i punteggi dei tuoi contenuti AI, rispondere a queste domande, in generale, offre l’opportunità di colmare le lacune nei contenuti.

Infine, ripensa le metriche che utilizzi ora quando misuri il tuo coinvolgimento con le persone. L’intelligenza artificiale può fornirti informazioni più approfondite che possano poi aiutarti a modellare paesaggi più interessanti (e rilevanti)?

Il passaggio dalla modalità statica a quella ostetrica non sarà facile. Come nel caso dell’evoluzione stessa, il cambiamento è lento e talvolta imbarazzante. Inizia ad alleviare le paure e le ansie legate all'intelligenza artificiale condividendo una visione con l'intero team, dai rappresentanti del servizio clienti ai programmatori fino ai dirigenti senior, sull'arte del possibile.

READ  Per qualche ragione, i fan stanno portando la PlayStation a casa

Consiglio dell'Agenzia Forbes È una community solo su invito per dirigenti di pubbliche relazioni di successo, strategia mediatica, agenzie creative e pubblicitarie. Sono idoneo?


Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x