Il ritiro dell’asso della MotoGP Dovizioso “davvero non si aspettava” una lotta per la Yamaha

In vista del Gran Premio di Gran Bretagna all’inizio di questo mese, Dovizioso ha annunciato che si ritirerà dalla MotoGP dopo il GP di San Marino di settembre.

INOLTRE: Perché il peggior nemico di Marquis Motorcycle si ferma in tempo

Il tre volte secondo classificato è tornato in MotoGP a tempo pieno con Petronas SRT – passato a RNF Racing – dalla gara di San Marino dello scorso anno dopo essersi preso una breve pausa dopo essere stato eliminato dalla Ducati alla fine del 2020.

Ma da allora ha segnato solo 22 punti e ha lottato per adattare il suo stile di guida a quelle che descrive come le “caratteristiche estreme” della Yamaha.

Dopo aver guidato una Yamaha nel 2012 per Tech3 e aver ottenuto sei podi quell’anno, Dovizioso dice che le sue difficoltà nell’ultimo anno sono state uno shock.

“Non mi aspettavo proprio di trovare questa caratteristica della moto, perché avevo già esperienza con la Yamaha”, ha detto ad Autosport in un’intervista esclusiva a Silverstone.

“Quindi, non ho trovato una bici completamente diversa.

“Ma il punto è che è cambiato il campionato, sono cambiate le regole, è cambiata la moto, sono cambiate le concorrenti e quello che ho trovato è assolutamente unico.

“E in questo caso ora viviamo in MotoGP, e questa caratteristica è molto estrema.

“Solo alla maniera di Fabio [Quartararo] Cavalcando, puoi essere competitivo. Pertanto, non mi aspettavo questa caratteristica estrema”.

Andrea Dovizioso, RNF MotoGP Racing

Foto di: Gold and Goose / foto di sport motoristici

In contrasto con le lotte di Dovizioso, l’attuale campione del mondo e leader di punti Fabio Quartararo ha vinto tre gare sulla M1.

READ  Gucci ospita la prossima sfilata di moda in Puglia, Italia

In un’intervista del 2021 ad Autosport, Quartararo ha parlato di come doveva guidare la Yamaha in uno stile per lui “innaturale”, poiché il francese è stato davvero in grado di sfruttare il forte avantreno della M1 per sopperire ad altre mancanze. .

Dopo aver guidato una Ducati per otto anni prima di sostituire la sua Yamaha, Dovizioso crede che nell’era attuale della MotoGP sia “impossibile” cambiare completamente il tuo stile di guida per adattarlo a una moto.

“Cambiare l’intero modo in cui guidi è impossibile”, ha spiegato.

“Nessuno può farlo, puoi adattarti un po’ alle caratteristiche della moto.

“Ogni pilota di alto livello può adattarsi un po’, ma non può cambiare completamente il DNA del tuo modo di guidare, perché è un livello molto estremo, tutti sono molto veloci.

“Quindi se provi a fare uno stile di guida competitivo o un modo per avvicinarti alla pista da vero concorrente, non sarai mai bravo come lui.

“Puoi essere vicino, ma non puoi mai essere bravo. Sei bravo in alcune aree, tutti hanno una cosa buona, quindi con alcune moto puoi usarne più o meno, ma non puoi cambiarla completamente”.

Dal GP di Aragon in poi, Dovizioso sarà sostituito dal tre volte vincitore della gara MotoGP e collaudatore Yamaha Cal Crutchlow.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x