Il rivale di Putin afferma che la maggioranza dei russi vuole porre fine alla guerra in Ucraina Notizie sulle elezioni

Il rivale di Putin afferma che la maggioranza dei russi vuole porre fine alla guerra in Ucraina  Notizie sulle elezioni

Il candidato presidenziale Boris Nadezhdin dice ad Al Jazeera che la decisione di impedirgli di candidarsi alle elezioni è stata “politica”.

Boris Nadezhdin, il candidato presidenziale pacifista della Russia, ha affermato che una “maggioranza” del popolo russo vuole la fine del conflitto con l'Ucraina e ha promesso di presentare ricorso contro la decisione del collegio elettorale che gli impedisce di candidarsi alle elezioni di marzo contro il presidente in carica Vladimir Putin.

In un'intervista con Al Jazeera venerdì, Nadezhdin ha affermato che la sentenza della CEC è una “decisione politica” che i suoi avvocati si stanno preparando a contestare davanti alla Corte Suprema.

“Non so chi abbia deciso esattamente [that] Riguardo a me, ma so esattamente perché… perché il mio indice elettorale e il numero di persone disposte a votare per me crescono del 5% ogni settimana.”

Nadezhdin ha criticato Putin, che secondo lui ha commesso un “enorme errore” lanciando l'invasione, e si è impegnato a porvi fine attraverso negoziati.

“[The] La comprensione ufficiale è che la società è tutta per Putin [the] “Un’operazione militare speciale, come la chiamiamo noi, ma non è così”. “La maggioranza delle persone in Russia vuole che il conflitto in Ucraina finisca”.

Le voci dissenzienti non erano tollerate in Russia e le persone venivano regolarmente criminalizzate in base a rigide leggi anti-diffamazione che rendono illegale parlare negativamente dell’invasione e del comportamento militare.

Coloro che saranno ritenuti colpevoli di aver diffuso “false informazioni” sull’esercito rischiano fino a 15 anni di carcere.

Alla domanda se fosse preoccupato di essere punito secondo le leggi sul controllo della guerra, Nadezhdin ha detto: “Il problema non è se ho paura o se non ho paura – francamente, sono pronto a tutto”.

READ  La masticazione di un uomo ha causato la formazione di una ciste dietro l'occhio: un caso clinico

Ha detto ad Al Jazeera: “Ma non critico mai Putin personalmente. Critico le sue politiche solo dal punto di vista giuridico. Aderisco sempre alla Costituzione russa e alle leggi russe.

“[For] Lavoro nella politica russa da 30 anni e conosco personalmente tutti i funzionari del governo russo, e loro conoscono me, motivo per cui probabilmente non sono in prigione.

Nadezhdin, consigliere comunale 60enne candidato per il piccolo partito di centrodestra Iniziativa Civica, ha dichiarato di aver raccolto in tutta la Russia più di 100.000 firme necessarie per registrarsi come candidato alle elezioni previste per il 15 marzo. -17.

Ma la Commissione elettorale centrale ha affermato di aver riscontrato che il 15% delle firme non erano valide.

Il Cremlino ha affermato di non considerare Nadezhdin un serio concorrente di Putin e che la decisione del comitato è in linea con le procedure stabilite.

Putin è quasi certo che vincerà la rielezione per estendere i suoi 24 anni di leadership in Russia, inclusi otto anni come primo ministro, per almeno altri sei anni.

Ma Nadezhdin è pronto a combattere.

Ha detto che se la Corte Suprema gli permettesse di candidarsi, ciò avrebbe “una conseguenza molto grande e sarebbe un grosso problema per il nostro governo”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x