Il rover Perseverance scopre prove di catastrofici cambiamenti climatici nel lontano passato di Marte

secondo Comunicato stampa del MIT, la prima analisi scientifica delle immagini scattate dal rover Persevering della NASA ha confermato che il Jezero Crater di Marte era un tempo un lago calmo, alimentato costantemente da un piccolo fiume circa 3,7 miliardi di anni fa.

Ma i fini strati di argilla e carbonato depositati nel lago fossile sono ricoperti di catrame, che è una roccia sedimentaria composta da una miscela di rocce grandi e piccole. Gli scienziati ritengono che le rocce siano state raccolte decine di miglia a monte e depositate nell’ex lago da occasionali inondazioni improvvise, indicando un catastrofico cambiamento climatico nel lontano passato di Marte.

nuova analisi, Pubblicato oggi sulla rivista Scienzae Si basa su immagini di rocce prominenti sul bordo occidentale del cratere. I satelliti avevano precedentemente dimostrato che questo affioramento, visto dall’alto, assomiglia ai delta dei fiumi sulla Terra., dove gli strati di sedimenti si depositano a forma di ventaglio mentre il fiume si immette in un lago.

Nuove immagini della perseveranza, prese dall’interno del cratere, confermano che questo affioramento era davvero un delta di un fiume. Le fotocamere del rover, la Mastcam-Z e la SuperCam Remote Micro-Imager (RMI), hanno catturato immagini da una distanza di 1,4 miglia (~2,24 chilometri).

Quando i ricercatori hanno esaminato più da vicino le immagini dell’affioramento principale, hanno notato i grandi massi e ciottoli incastonati nel più piccolo degli strati superiori del delta. Alcune delle rocce erano larghe fino a 3 piedi (1 metro) e si stima che pesassero diverse tonnellate. Il team ha concluso che questi enormi massi devono provenire dall’esterno del cratere, probabilmente come parte del substrato roccioso situato sul bordo del cratere o 40 miglia o più a monte.

A giudicare dalla posizione e dalle dimensioni attuali, il team afferma che le rocce sono state trasportate a valle e sul fondo del lago da un’inondazione rapida fino a 9 metri al secondo e si sono spostate in 3.000 metri cubi di acqua al secondo (come oggi ). Reno fiume in Europa).

La successione sedimentaria indica che l’antico lago all’interno del cratere Jezero è stato alimentato per la maggior parte della sua esistenza da un fiume che scorre dolcemente. Poi il clima è diventato più estremo e le inondazioni improvvise hanno depositato grandi massi sul delta. Una volta che il lago si è prosciugato circa 3 miliardi di anni fa, i venti hanno eroso il paesaggio, lasciando il cratere che vediamo oggi. Il motivo di questo cambiamento climatico non è ancora noto.

“La cosa più sorprendente che è risultata da queste immagini è stata la potenziale opportunità di catturare il momento in cui questo cratere è passato da un ambiente abitabile, simile alla Terra, a questa terra deserta che vediamo ora”, spiega. Benjamin Weiss, Professore di Scienze Planetarie presso il Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Atmosfera e Planetarie del MIT Un membro del team di analisi. “Questi letti di roccia potrebbero essere registrazioni di questa transizione, e non l’abbiamo visto altrove su Marte”.

Ora che i ricercatori hanno confermato che il cratere era un tempo un ambiente lacustre, credono che i suoi sedimenti potrebbero contenere tracce di antica vita acquatica.

READ  La "Luna piena di neve" di questo fine settimana dividerà in due il Nord America e darà vita al "Festival delle Lanterne" in Asia

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x