Il rover si affaccia sull’antico fiume Marte

Un anno fa, due robot sono atterrati su Marte e hanno cambiato per sempre il modo in cui esploriamo il Pianeta Rosso.

La gioia e l’eccitazione per l’atterraggio riuscito dell’elicottero Perseverance e dell’aereo Ingenuity, avvenuto durante un periodo di difficoltà per molti, si sono riverberati in tutto il mondo.

“Un anno fa, Perseverance è atterrato al cratere Jezero e ha iniziato il suo viaggio su Marte. Da allora, questo innovativo rover ha ispirato l’umanità e ha compiuto una serie di primi passi, dalla trasmissione della prima registrazione audio di suoni da Marte alla cattura di un elicottero Ingenuity “, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson. In una dichiarazione, la storia ha realizzato il primo volo a motore e controllato su un altro pianeta a produrre ossigeno su Marte per la prima volta in assoluto con l’esperimento MOXIE.

“Mentre ci prepariamo a trasportare il primo campione in assoluto di roccia marziana sulla Terra, è chiaro che le missioni della NASA continuano a spingere i confini in una nuova era di scienza e scoperta planetaria”, ha affermato Nelson.

Per Vandy Verma, ingegnere capo delle operazioni robotiche di perseveranza presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, il giorno dell’atterraggio era solo l’inizio.

Verma è specializzata nella guida a distanza di rover su Marte da qui sulla Terra e in passato ha manovrato abilmente i rover Spirit, Opportunity e Curiosity, oltre a scrivere programmi di volo per loro. Una volta che le ruote di Perseverance erano atterrate, Verma era pronta a preparare il rover per la sua nuova casa su un altro pianeta e ad aiutare l’elicottero a iniziare il suo viaggio autonomo.

READ  Il controllo della valvola Starliner continua a concentrarsi sulla reazione dell'umidità con il propellente

“Sembra che tu abbia avuto quell’enorme aggiornamento, è come se stessi guidando un’auto nuova ed è così fluido”, ha detto Verma alla guida del rover. “Ogni giorno su Marte c’è qualcosa di insolito o di inaspettato. Tuttavia, le cose sono andate straordinariamente bene, ben oltre le nostre aspettative”.

Il più grande selfie di sempre

The Perseverance Journey è iniziato con la condivisione del primo video di una missione di atterraggio su Marte e alcuni dei primi suoni che gli umani hanno sentito sul Pianeta Rosso, oltre a bellissime immagini dalla serie di telecamere Perseverance. Quelle stesse telecamere hanno aiutato a catturare il volo inaugurale di Ingenuity mentre si librava nell’atmosfera marziana.

Prima che la creatività si scatenasse, il team JPL sapeva di voler fare un selfie ai due robot. Era la loro migliore occasione prima che la perseveranza volasse al punto di osservazione come un padre orgoglioso, pronto a far girare la videocamera nel primo “momento” dei fratelli Wright su un altro pianeta.

Ma Verma ha detto che fare un selfie è stato uno sforzo così complesso che non è quasi mai successo. Sebbene Tenacity abbia un braccio robotico lungo 7 piedi (2,1 m), la giostra del rover, che memorizza gli esemplari storici che raccoglie, sporge dalla parte anteriore del rover, rendendo difficile ottenere la giusta angolazione. Il team del rover ha dovuto affrontare diversi problemi per capire come la perseveranza avrebbe organizzato il suo enorme braccio senza schiantarsi contro il suo corpo.

Alla fine, il team ha unito più foto per catturare gli esploratori preferiti di tutti in un selfie distintivo.

Dall’atterraggio, Perseverance ha registrato 2,45 miglia (3.944 metri) e raccolto sei campioni di roccia dalle intriganti rocce marziane. Il rover ha stabilito e battuto più volte record di distanza in auto in un giorno, percorrendo 1.050 piedi (320 metri) lunedì, con altri in arrivo.

Il Creativity Helicopter, progettato come un’esperienza su misura per soli cinque voli, ha effettuato 19 voli per il Pianeta Rosso da aprile. Durante l’estate, la creazione ha avuto un tale successo che si è laureato da un’esperienza per diventare un tenace esploratore, volando su diversi terreni e scoprendo i POI dei veicoli su cui indagare.

La storica missione in elicottero ha volato per 2,4 miglia (3.885 metri) per una durata totale di 34 minuti.

Questi risultati non sono stati senza sfide, inclusa la perseveranza con alcune rocce che non vogliono rinunciare a campioni e problemi tecnici nel software di Ingenuity. Verma ha affermato che qualsiasi problema ha contribuito a cementare i legami tra il team della missione mentre lavorava su soluzioni per mantenere sani i robot.

Partenza in Delta

La perseveranza e l’ingegnosità hanno trascorso la maggior parte dell’ultimo anno esplorando i terreni del cratere Jezero, un tempo sede di un lago marziano più di 3 miliardi di anni fa. Ora è giunto il momento per gli esploratori robotici di dedicarsi alla ragione principale per cui si trovano su Marte: studiare i resti di un antico delta fluviale che un tempo alimentava il lago.

“Quando abbiamo scelto il sito di atterraggio, è stato a causa del delta; ecco perché siamo qui”, ha detto Briony Horgan, professore associato di scienze planetarie alla Purdue University e uno scienziato della missione Perseverance. “Trascorreremo la maggior parte del prossimo anno nel delta, esplorando questo antico ambiente lacustre e fluviale e cercando segni di vita antica come materia organica e segni di microbi”.

Intrappolati tra strati di sedimenti conservati nelle rocce delta possono essere prove di microfossili o altri segni di vita, se esistessero sul Pianeta Rosso.

L’ambiziosa missione Mars Sample Return, una collaborazione in più fasi tra la NASA e l’Agenzia spaziale europea, si baserà su innovazioni, come il lancio dalla superficie di Marte per la prima volta, per recuperare campioni di roccia raccolti e conservati nella cache da Perseverance e restituirli alla terra. negli anni trenta.

Gli scienziati che studiano questi campioni possono rispondere alla grande domanda: c’era vita su Marte prima?

“I bambini generalmente vogliono imparare qualcosa perché avrà un impatto sul mondo”, ha detto Verma. “Quando i campioni marziani risalgono agli anni ’30, è molto probabile che gli scienziati che studieranno questi campioni saranno gli studenti della scuola ora”.

La perseveranza e la creatività sono solo il primo passo per esplorare Marte in nuovi modi, aprendo la strada a missioni future che potrebbero esplorare la possibilità della vita su altri pianeti del nostro sistema solare.

“È una missione incredibilmente ambiziosa, con obiettivi che vanno oltre qualsiasi precedente navicella spaziale su Marte e qualsiasi precedente missione spaziale che avrebbe dovuto fare: quanto lontano e veloce dovremmo guidare e quanti campioni dovremmo fare”, ha detto Horgan.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x