Il ruolo dell’Ontario settentrionale nel successo del telescopio James Webb

Colette LePage “è davvero entusiasta di ciò che riserva il futuro e delle scoperte che verranno rivelate. Voglio dire, questo potrebbe cambiare il modo in cui l’umanità vede l’universo.

Thunder Bay, Ont. Ventitré anni fa, Colette LePage si è laureata in ingegneria chimica alla Lakehead University.

Ora sta valutando in che modo ciò che ha appreso a Lakehead l’ha aiutata a lavorare sul progetto del telescopio spaziale James Webb.

Subito dopo la laurea, un nativo di Sudbury ha ottenuto un lavoro come ingegnere per il controllo dell’inquinamento presso il Goddard Space Flight Center della NASA nel Maryland.

Per anni, LePage ha gestito la grande “camera bianca” in cui era incorporato gran parte dell’hardware di volo di James Webb.

È qui che i contaminanti aerodispersi e particolati vengono tenuti lontani dai componenti dello spazio durante l’assemblaggio e il test.

Alla fine dell’anno scorso, Lepage è stata coinvolta nei preparativi per il lancio di JWST dallo spazioporto nella Guyana francese.

Questo progetto di tre mesi ha utilizzato accurati controlli dell’inquinamento.

Era presente nello storico giorno di Natale 2021 per il lancio del più grande osservatorio spaziale mai costruito.

Vediamo: Gli scienziati canadesi che partecipano al James Webb Space Telescope affermano che è un sogno diventato realtà

Ora, dopo aver visto le meravigliose foto che ha inviato sulla Terra, è stato difficile per lei realizzare ciò che il team internazionale che ha lavorato al progetto aveva realizzato.

“L’orgoglio, un senso di sollievo ovviamente dal fatto che funzioni, è davvero entusiasta di ciò che riserva il futuro e delle scoperte che verranno rivelate. Voglio dire, questo potrebbe cambiare il modo in cui l’umanità vede l’universo”, ha detto LePage in un intervista dal suo ufficio. nel Maryland.

READ  Gruppi di orche assassine invadono l'Artico, svelando segreti dal loro grasso

“Come è esilarante!” Lei ha aggiunto.

Guarda anche: Sorpresa e felicità: la sonda canadese sul telescopio James Webb supera i primi test

Come la maggior parte delle altre persone, ho ammirato la fragilità delle immagini, definendole belle e sorprendenti.

LePage attende con impazienza ciò che il telescopio insegna all’umanità sull’universo nei prossimi mesi e anni.

“Per me, saperne di più sugli esopianeti è una delle cose più eccitanti. Cosa possiamo imparare sui pianeti in orbita attorno ad altre stelle nella nostra galassia?”

JWST è una collaborazione tra la NASA, l’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese.

LePage ritiene che le persone di tutto il mondo debbano essere ispirate dal successo di questa partnership.

“C’erano molte persone che si sono riunite all’interno della NASA e da diverse parti del pianeta, e in qualche modo ce l’abbiamo fatta. È solo una testimonianza di ciò che l’umanità può fare quando ci mettiamo davvero la testa… Ci sono tempi difficili nel mondo in questo momento, ma possiamo anche fare grandi cose”.

Una delle lezioni che ha imparato andando a scuola a Thunder Bay, ha detto, è stato questo lavoro di squadra.

“Come ingegnere, conosci molte cose tecniche, ma c’è anche un elemento umano. Devi lavorare davvero bene insieme”, ha detto LePage. “Lavorare duro, lunghe ore, anche di notte fa avanzare la mia carriera”.

Vediamo: La tecnologia di fabbricazione canadese sul telescopio spaziale di Webb è fondamentale per le nuove immagini

Sebbene risieda negli Stati Uniti, torna ogni tanto nella sua città natale, l’Ontario settentrionale, per visitare la sua famiglia.

Durante un recente giro di shopping a Sudbury, un incontro fortuito con uno sconosciuto ha mostrato a Lepage come le persone ovunque suscitino l’interesse di JWST.

READ  SpaceX mira a riparare i bagni che perdono prima che gli astronauti decollino questo fine settimana | spazioX

Dopo che il ragazzo ha notato la maglietta della squadra di lancio di James Webb che indossava, ha iniziato una conversazione ed è rimasto colpito quando ha appreso che stava effettivamente lavorando al progetto.

Si scopre che il ragazzo aveva un telescopio nel suo cortile e sapeva molto di JWST.

“Ho trovato interessante che qualcuno fosse in grado di venire da me e parlarmene. Mi ha ispirato a sapere che il resto del mondo stava guardando mentre tutto questo accadeva, e che io facevo parte di esso”, ha detto.

“Sudbury è una piccola città nel nord dell’Ontario, ma ha raggiunto tutti, il che è molto interessante”.

Gary Anello Scrive di Village Media’s TBnewswatch.com

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x