Il russo Lavrov respinge la proposta americana di riprendere i colloqui sulle armi nucleari Notizie sulla guerra russo-ucraina

Il russo Lavrov respinge la proposta americana di riprendere i colloqui sulle armi nucleari  Notizie sulla guerra russo-ucraina

Il ministro degli Esteri ha anche avvertito che l’Ucraina deve porre fine al suo tentativo di aderire alla NATO prima che possano iniziare i colloqui di pace.

Il ministro degli Esteri russo ha respinto la proposta degli Stati Uniti di riprendere il dialogo sulla limitazione delle armi nucleari, affermando che ciò sarebbe impossibile mentre Washington fornisce sostegno militare all’Ucraina.

Giovedì, in una conferenza stampa, Sergei Lavrov ha accusato l’Occidente di alimentare i rischi per la sicurezza globale incoraggiando l’Ucraina a intensificare i suoi attacchi sul territorio russo, e ha avvertito che Mosca raggiungerà i suoi obiettivi nel conflitto indipendentemente dal sostegno occidentale a Kiev.

Commentando la proposta americana di riprendere i contatti nel campo del controllo delle armi nucleari, Lavrov ha detto che Mosca ha rifiutato l'offerta. Ha detto che per tenere tali colloqui, Washington deve prima rivedere la sua attuale politica nei confronti della Russia.

Lavrov ha affermato che la spinta di Washington per rilanciare i colloqui sul nucleare è stata guidata dal desiderio di riprendere le ispezioni dei siti di armi nucleari russi. Ha descritto tali richieste statunitensi come “inappropriate” alla luce degli attacchi lanciati dall’Ucraina contro le basi dei bombardieri russi con capacità nucleare durante il conflitto.

“Nel mezzo della 'guerra ibrida' che Washington sta conducendo contro la Russia, non vediamo alcuna base, non solo per eventuali ulteriori misure congiunte nel campo del controllo degli armamenti e della riduzione del rischio strategico, ma per qualsiasi discussione con la Russia su questioni di stabilità strategica. .” Stati Uniti”, ha detto. Ha aggiunto: “Noi associamo fortemente tale possibilità al completo abbandono da parte dell'Occidente del suo percorso dannoso volto a minare la sicurezza e gli interessi della Russia”.

READ  Un uomo muore mentre viene aggredito da pedoni dopo che un camion ha quasi urtato delle persone sul marciapiede

Il ministro ha affermato che la spinta di Washington per riprendere i colloqui sulle armi nucleari è radicata nel desiderio di “tentare di imporre il controllo sul nostro arsenale nucleare e ridurre i rischi nucleari”, ma ha aggiunto che “tali rischi derivano da una forte pressione sul nostro Paese”. “

Ha accusato l’Occidente di ostacolare qualsiasi dialogo sulla fine del conflitto e di incitare all’intensificazione degli attacchi contro la Russia.

“Tale incoraggiamento e trasferimento di armi correlate dimostra che l’Occidente non vuole alcuna soluzione costruttiva”, ha detto Lavrov. Ha aggiunto: “L'Occidente sta spingendo per intensificare la crisi ucraina, e questo solleva nuovi rischi strategici”.

Ha ribadito che la Russia continuerà quella che chiama “operazione militare speciale” indipendentemente dalla pressione occidentale.

Ha detto: “Perseguiremo costantemente e con insistenza gli obiettivi dell’operazione militare speciale e li raggiungeremo”. “Non dovrebbero avere alcuna speranza che la Russia possa essere sconfitta in alcun modo. Quelli in Occidente che immaginano ciò non sono riusciti a imparare le lezioni della storia.

I commenti del Ministro degli Esteri arrivano mentre le tensioni nel conflitto che dura da quasi due anni non mostrano segni di allentamento, con l'Ucraina che ha annunciato lo stesso giorno di aver colpito un terminale petrolifero a San Pietroburgo.

Un funzionario nominato dalla Russia nell’Ucraina sud-orientale occupata si era precedentemente opposto a ciò, affermando che l’Ucraina aveva tentato, senza riuscirci, di prendere di mira un terminal petrolifero russo nel Mar Baltico con un drone durante la notte.

L'attacco dell'Ucraina arriva sulla scia della sua continua spinta ad aderire alla NATO, con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj che ancora una volta ha chiesto l'adesione a Davos, il vertice annuale del World Economic Forum.

READ  Jeffrey Clark, che ha difeso le accuse di frode elettorale, blocca il comitato della Camera il 6 gennaio

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato durante il vertice che Kiev è “più vicina alla NATO che mai”.

Durante la sua conferenza stampa, Lavrov ha affermato che l'Ucraina deve porre fine al suo tentativo di aderire alla NATO prima che possa aver luogo qualsiasi discussione sulla pace.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x