Il senatore repubblicano non condannerà Trump per aver difeso “Hang Mike Pence” | Attacco al Campidoglio degli Stati Uniti

Un senatore repubblicano senior per quattro volte domenica ha rifiutato di condannare Donald Trump Difesa I tifosi cantano “hang Mike Pence” durante l’attacco mortale al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio.

briscola ha fatto commenti A proposito del suo vice, che si è rifiutato di cedere alle pressioni per annullare la vittoria elettorale di Joe Biden, in un’intervista con il principale corrispondente della ABC a Washington, Jonathan Carl.

John Barrasso del Wyoming, il terzo candidato repubblicano al Senato, è apparso questa settimana su ABC. Gli è stato chiesto: “Il tuo partito può tollerare un leader che difende canti omicidi contro il suo vice?”

“Va bene,” disse Barrasso. “Lasciami solo dire che il Partito Repubblicano è incredibilmente unito in questo momento e … penso che più democratici e stampa diventano ossessionati dal presidente Trump, penso che meglio sia per il Partito Repubblicano. Il presidente Trump porta molta energia al partito, è una forza duratura.”

Ha anche detto che il partito si stava concentrando sulle elezioni e discuteva di politica, non del passato.

“Quindi non hai problemi con il presidente che dice: ‘Hang Mike Pence’ è buon senso?” ha detto il suo ospite, George Stephanopoulos.

“Ero con Mike Pence al Senato il 6 gennaio”, ha detto Barrasso. “E quello che è successo è che hanno rapidamente portato via il vicepresidente Pence, sicuramente molto più velocemente di quanto abbiano rimosso i senatori. Penso che sia stato al sicuro per tutto il tempo.

Non ho sentito nessuno di questi canti. Non credo che l’abbia fatto neanche lui. Quella notte il vicepresidente Pence tornò nella stanza e ratificò l’elezione.

“Abbiamo appena suonato degli inni”, ha detto Stephanopoulos. “Ti sto chiedendo se puoi perdonare il presidente dicendo che ‘Hang Mike Pence’ ha senso”.

“Semplicemente non ha senso”, ha detto Barrasso, prima di passare alla bugia di Trump secondo cui le elezioni sono state oggetto di diffusi brogli elettorali.

“Ci sono problemi in ogni elezione”, ha detto. “Ho votato per ratificare le elezioni. E da quello che abbiamo visto in queste elezioni, ci sono aree da considerare, come quello che abbiamo visto in Pennsylvania. Tutti noi vogliamo elezioni eque e libere. È qui che dobbiamo andare in futuro. ” “

“Ma non criticheresti il ​​presidente Trump per queste opinioni?”, ha detto Stephanopoulos.

“Non sono d’accordo con il presidente Trump su tutto”, ha detto Barrasso. “Sono d’accordo con lui sulle politiche che ci hanno portato la migliore economia della mia vita. E continuerò a sostenere quelle politiche”.

Il dominio di Trump sul suo stesso partito e il corteggiamento della sua replica alla Casa Bianca hanno esposto i critici all’interno del Partito Repubblicano a sfide fondamentali, ostracismo politico e persino minacce di morte.

Anthony Gonzalez dall’Ohio Vota per mettere sotto accusa Trump All’attacco del Campidoglio. Come Adam Kinzinger dell’Illinois, uno dei due soli repubblicani nell’inchiesta della Camera il 6 gennaio, Gonzalez andrà in pensione il prossimo anno.

Ha detto alla CNN sullo Stato dell’Unione che teme che Trump formulerà piani per un colpo di stato di successo nel 2024, se non vincerà immediatamente la Casa Bianca.

Penso che qualsiasi osservatore obiettivo giungerebbe a questa conclusione. Ha valutato l’errore che si è verificato il 6 gennaio. Perché non è stato in grado di rubare le elezioni? Chi si è messo sulla sua strada?

Ogni istituzione americana è gestita solo da persone. E hai bisogno delle persone giuste per prendere la decisione giusta nei momenti più difficili. Va sistematicamente attraverso il paese e cerca di rimuovere queste persone e installare persone che faranno esattamente ciò che vuole che facciano, che crederanno alla grande bugia e che accetteranno qualsiasi cosa dica.

“Penso che tutto spinga verso uno dei due risultati. O vince legittimamente, cosa che potrebbe fare, o se perde di nuovo, cercherà solo di rubarlo ma proverà a rubarlo con la sua gente in quelle situazioni . Quindi questa è la sfida più difficile per il nostro Paese. È la domanda: le istituzioni resistono di nuovo? Resistono con un gruppo diverso di persone al loro posto? Lo spero, ma non puoi garantirlo”.

Gonzalez ha detto che “disprezza” la maggior parte delle politiche di Biden e non voterebbe mai per i democratici.

Ma ha detto: “Il paese non può sopravvivere al rogo della costituzione. Bisogna attenersi alla costituzione… Dobbiamo essere il partito delle idee, dobbiamo essere il partito della verità. La fredda e dura verità è Donald Trump Ci ha portato in una fossa il 6 gennaio. L’ex presidente ci ha mentito, ognuno di noi, e così facendo ci ha incaricato della Casa Bianca, del Senato e della Casa Bianca.

“Fondamentalmente vedo qualcuno che non dovrebbe essere in grado di tornare in carica a causa di quello che ha fatto intorno al 6 gennaio, ma vedo anche qualcuno che è un enorme perdente politico. Non so perché chiunque voglia vincere le elezioni dovrebbe segui l’esempio. Non lo capisco moralmente. Certamente non lo capisco politicamente. Se è di nuovo il candidato in 24, farò personalmente tutto il possibile per assicurarmi che non vinca.

“… Il 6 gennaio era la linea che non poteva essere superata. Il 6 gennaio è stato un tentativo incostituzionale condotto dal Presidente degli Stati Uniti di annullare un’elezione americana e ristabilirsi illegalmente al potere. Questo è il territorio di un caduto stato, è il territorio dei paesi del terzo mondo “La mia famiglia ha lasciato Cuba per evitare questo destino. Non lascerò che accada qui”.

“Posso fermarlo? Non ne ho idea. Ma credo che come cittadino di questo Paese che ama il suo Paese e rispetta la costituzione, questa sia una mia responsabilità”.

Trump ha rilasciato una dichiarazione domenica in cui ha ripetuto le sue bugie sulla frode elettorale e vi ha alluso L’accusa di venerdì Il suo ex stratega, Steve Bannon, è stato accusato di disprezzo del Congresso, per aver ignorato un mandato di comparizione della commissione del 6 gennaio, e il pericolo legale affrontato da altri, incluso il suo ex capo dello staff, Mark Meadows.

“I patrioti americani non permetteranno che questo vandalismo della giustizia continui”, ha detto Trump, aggiungendo: “Il nostro paese sta andando all’inferno!”

READ  I terremoti scuotono la regione di Goma nella Repubblica Democratica del Congo, dopo una mortale eruzione vulcanica | Notizie dalla Repubblica Democratica del Congo

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x