Il Sudafrica riceve più pioggia mentre le vittime delle inondazioni cercano rifugio

Le piogge che hanno ucciso quasi 400 persone e migliaia di sfollati in Sud Africa questa settimana hanno ricominciato a colpire la costa orientale sabato, minacciando ulteriori inondazioni e costringendo molti a cercare rifugio nei centri comunitari e nei municipi.

Le forti piogge nella provincia di KwaZulu-Natal hanno già interrotto le linee elettriche, interrotto i servizi idrici e interrotto le operazioni in uno dei porti più trafficati dell’Africa a Durban, la principale città portuale orientale.

A Umlazi, una delle città più grandi del Paese, a sud di Durban, le vittime delle inondazioni si sono ammassate sotto le coperte in una sala della comunità, mentre altre facevano lunghe file per ricevere aiuti alimentari e acqua donati da enti di beneficenza.

“Quello che mi fa incazzare è che questa situazione accade sempre”, ha detto a Reuters TV Mlongley McCukelwa, un uomo di 53 anni che è arrivato all’insediamento dieci anni fa per cercare un lavoro che non aveva mai trovato prima.

“La nostra proprietà viene costantemente distrutta dalle continue inondazioni che devono essere affrontate dalle autorità. Nessuno ha preparato un piano per risolverlo”.

Gli attivisti del cambiamento climatico chiedono investimenti per aiutare le comunità di tutto il mondo a prepararsi meglio al peggioramento del tempo, poiché si prevede che la costa sud-orientale dell’Africa subirà tempeste e inondazioni più violente nei prossimi decenni legate alle emissioni umane di gas che causano calore.

E mentre la costa orientale soffre di temporali più violenti, negli ultimi anni altre parti più aride del Paese sono state colpite da devastanti inondazioni, attribuite anche ai cambiamenti climatici, che hanno spazzato via i raccolti e portato al razionamento dell’acqua.

READ  Il giudice respinge il patteggiamento per l'uomo che ha ucciso Ahmaud Arbery

Le recenti piogge, che questa settimana hanno lasciato almeno 40.000 persone senza riparo, elettricità o acqua, dovrebbero durare fino all’inizio della prossima settimana.

Non abbiamo acqua, elettricità, anche i nostri telefoni sono morti. Siamo bloccati”, ha detto Gloria Linda, riparata sotto un grande baldacchino su una strada fangosa nella sua città natale di Kwandingezi, a circa 30 chilometri da Durban, prima di girovagare. Su una strada sterrata al funerale di un amico ucciso da un’alluvione.

La gente sta vicino alle macerie di un edificio distrutto durante l’alluvione che ha provocato diversi morti, a Kwandingezi, vicino a Durban, in Sud Africa, sabato. (Rogan Ward/Reuters)

Altrove a Kuandengizi, una famiglia è rimasta sotto la pioggia a guardare la loro capanna di metallo crollata, una delle numerose case demolite.

Sabato, la Saudi Broadcasting Corporation (SABIC) ha dichiarato che il bilancio delle vittime ha raggiunto 398, con 27 ancora dispersi. Nei luoghi devastati dalle inondazioni, molti parenti cercavano solo i corpi delle vittime da seppellire.

“Abbiamo chiamato la polizia, abbiamo chiamato l’ambulanza, abbiamo chiamato i vigili del fuoco e nessuno di loro ha risposto in tempo”, ha detto a Reuters Mozi Mzubi, 59 anni, un professionista di Kwandingezi davanti a un mucchio di macerie. Una casa ha affittato agli inquilini che sono stati uccisi in essa.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x