Il tribunale ruandese decide la possibilità di perseguire l’eroe degli hotel ruandesi | Notizie sui tribunali

Il giudice decide che Paul Rosapjena, un cittadino belga, possa essere processato con l’accusa di “terrorismo” presso il tribunale del Ruanda.

Il processo “terroristico” dell’uomo che ha ispirato il film Hotel Rwanda potrebbe svolgersi in Ruanda, come ha stabilito un giudice lì, respingendo l’argomento di Paul Rusapagina secondo cui il tribunale non poteva processarlo perché non era più cittadino.

L’avvocato di Rosapagina, Gatera Chapana, ha detto che il suo cliente farà appello contro la decisione sulla giurisdizione e presenterà ulteriori argomenti. “Non possiamo procedere con l’udienza del caso senza ascoltare la nostra obiezione”, ha detto venerdì.

Rospagina ha sostenuto che era un cittadino belga che era stato rapito e portato in Ruanda, il paese che ha lasciato nel 1996. Tuttavia, il giudice ha affermato che il tribunale non ha ritenuto importante parlare di come è stato detenuto.

Rasabagina è scomparso durante una visita a Dubai ad agosto ed è comparso giorni dopo in Ruanda, ammanettato, accusato di sostenere l’ala militare del suo programma politico di opposizione, che rivendicava gli attacchi mortali.

Affronta nove accuse, inclusa la formazione di un gruppo armato illegale. Appartenenza a un gruppo terroristico; Finanziamento del terrorismo; Omicidio, sequestro di persona e rapina a mano armata come atto di terrorismo. Se condannato, potrebbe rischiare più di 20 anni di carcere.

La sua famiglia dice che Rosapagina, che è stata elogiata per aver salvato l’etnia Tutsi durante il genocidio del 1994 in Ruanda e premiata con la medaglia della libertà presidenziale degli Stati Uniti, non ha alcuna possibilità di un processo equo a causa delle sue critiche esplicite al presidente ruandese Paul Kagame e alle violazioni dei diritti umani. Hanno paura che morirà dietro le sbarre a causa della sua cattiva salute.

READ  "Errore umano": nel rapporto dell'Iran sull'abbattimento dell'aereo ucraino | Notizie sull'aviazione

Rusapagina ha il merito di aver salvato più di 1.000 persone ospitandole nell’hotel che gestì durante il genocidio in cui furono uccisi più di 800.000 tutsi e hutu che cercavano di proteggerli. Il governo del Ruanda ha costantemente sostenuto che il ruolo di Rusapagina nel genocidio è esagerato.

Giovedì il Dipartimento di Stato americano ha dichiarato di essersi impegnato con il governo del Ruanda ai “massimi livelli” sul caso di Rosapagina, residente permanente negli Stati Uniti.

Venerdì la corte ha concluso che sia il Ruanda che il Belgio avevano giurisdizione per processarlo, ma che “non vi è alcuna giustificazione per trasferire il suo processo dal Ruanda al Belgio come richiesto”.

L’accusa ha sostenuto che Rosapagina è di origine ruandese e che le leggi locali consentono il perseguimento dei non cittadini che commettono crimini sul territorio ruandese.

Il tribunale ha concesso al suo avvocato fino a mercoledì, quando riprende il processo, per presentare eventuali nuove obiezioni. Il tribunale li giudicherà venerdì prossimo.

La corte ha anche sentito che alcuni degli altri accusati di Rusapagina sono stati portati dal vicino Congo in Ruanda senza un processo di estradizione.

Kagame ha confermato, in un’intervista alla CNN andata in onda questo mese, che Rusapjina è un cittadino che ha fatto qualcosa di “terribilmente sbagliato”. Il presidente ha aggiunto che era importante che lui e il suo coimputato ricevessero un processo equo.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x