Il “tribunale uiguro” si apre con presunti stupri e testimonianze di tortura | notizie sui diritti umani

La Corte del Popolo di Londra sta indagando se la presunta persecuzione cinese della minoranza uigura sia un genocidio, con testimonianze che descrivono in dettaglio torture di massa, stupri e una serie di altri abusi.

La “Corte uigura” non ha sostegno statale e nessuna sentenza sarebbe vincolante per alcun governo, ma ha ricevuto una risposta rabbiosa da Pechino, che ha liquidato le udienze come una “macchina che produce bugie”.

Le prime udienze si tengono nell’arco di quattro giorni, da venerdì a lunedì, e dovrebbero richiamare decine di testimoni. Una seconda sessione è prevista a settembre.

I nove giurati con sede nel Regno Unito, che includono avvocati ed esperti di diritti umani, hanno in programma di pubblicare un rapporto a dicembre sulla colpevolezza della Cina di genocidio.

Kilpinor Siddik, il primo testimone a testimoniare venerdì, è un’insegnante uzbeka di Urumqi, la capitale dello Xinjiang, che ha detto di aver ricevuto l’ordine dai capi del Partito Comunista Cinese di prendere lezioni di mandarino in due campi di “rieducazione” fetidi e affollati, un maschio e una femmina per gli uiguri.

Ha detto alla corte che i presunti studenti sono stati costretti a indossare le manette durante le ore di lezione.

Le guardie del campo non trattavano i prigionieri come esseri umani. “Sono stati trattati meno dei cani”, ha detto un amico tramite un interprete. “Si divertivano a vederli umiliati e la loro sofferenza era la loro gioia”.

È stato affermato che le prigioniere sono state maltrattate quando sono state portate per l’interrogatorio.

“Non sono stati solo torturati, ma anche stuprati, a volte stuprati di gruppo”, ha detto un amico. “Non posso mai dimenticare le cose che ho visto ed espresso.”

READ  Decine di ex funzionari repubblicani sono in trattative per formare un terzo partito anti-Trump

Un’amica ha detto che anche lei è stata sottoposta a sterilizzazione forzata.

Gli organizzatori sperano che la divulgazione pubblica delle prove di una presunta repressione statale sugli uiguri, un gruppo etnico in gran parte musulmano, nella provincia nordoccidentale dello Xinjiang, porterà a un’azione internazionale contro le autorità del paese. [Alberto Pezzali/AP Photo]

Gli organizzatori sperano che la divulgazione pubblica delle prove della presunta repressione statale contro gli uiguri costringerà a un’azione internazionale contro le autorità del paese.

Secondo le Nazioni Unite, almeno un milione di uiguri, un gruppo etnico musulmano, sono stati detenuti nei campi di internamento nella provincia cinese nordoccidentale dello Xinjiang, che confina con otto paesi tra cui Afghanistan, Pakistan e India.

Voglio che mio figlio venga rilasciato

Il tribunale è presieduto dall’eminente avvocato per i diritti umani Geoffrey Ness, che ha guidato il processo all’ex presidente serbo Slobodan Milosevic e ha lavorato su diversi casi dinanzi alla Corte penale internazionale.

È stato creato su richiesta del World Uyghur Congress, un’organizzazione internazionale di uiguri in esilio.

Gli organizzatori del tribunale hanno affermato che le autorità cinesi hanno ignorato le richieste di partecipazione alle udienze.

Ma l’avvocato della corte ha affermato che gli Stati Uniti e l’Australia si erano offerti di fornire materiale pertinente, da aggiungere alle migliaia di pagine di prove documentali già raccolte.

I critici, tra cui il Regno Unito e gli Stati Uniti, affermano che gli uiguri sono stati oggetto di violazioni dei diritti umani, tra cui detenzione arbitraria, lavoro forzato, tortura, sterilizzazione forzata e separazione familiare.

Il tribunale è presieduto dall’eminente avvocato per i diritti umani Geoffrey Ness, che ha guidato il processo all’ex presidente serbo Slobodan Milosevic e ha lavorato su diversi casi dinanzi alla Corte penale internazionale. [Alberto Pezzali/AP Photo]

Prima di testimoniare in tribunale tramite collegamento video, tre uiguri fuggiti dalla Cina in Turchia hanno raccontato le loro esperienze.

Una di loro, Rosie, ha detto di essere stata costretta ad abortire quando era incinta di sei mesi e mezzo. Il figlio più giovane è stato arrestato nel 2015, quando aveva solo 13 anni, e lei spera che un’azione giudiziaria aiuti a garantirne il rilascio.

READ  I pubblici ministeri del Wisconsin chiedono l'arresto di Rittenhouse, una cauzione più elevata

“Voglio che mio figlio venga rilasciato il prima possibile”, ha detto. “Voglio vederlo rilasciato”.

Un altro medico, un ex medico, ha parlato di rigide politiche contraccettive.

Un terzo, un ex detenuto, ha affermato di essere stato “torturato giorno e notte” dai soldati cinesi mentre era imprigionato in una remota area di confine.

Pechino denuncia le udienze

La Cina nega le accuse di abusi e sostiene che i campi siano centri di “rieducazione”.

I funzionari insistono sul fatto che “l’istruzione e la formazione collettiva” sono necessarie nello Xinjiang per combattere quelle che chiamano le “tre forze del male dell’estremismo, del separatismo e del terrorismo” e promuovere lo sviluppo economico lì.

A marzo, la corte era tra quattro entità britanniche e nove persone sanzionate da Pechino per aver sollevato preoccupazioni sul trattamento degli uiguri.

Anche la Cina ha condannato pubblicamente la corte.

“Non è nemmeno un vero tribunale o un tribunale speciale, ma è solo una macchina speciale che produce bugie”, ha detto la scorsa settimana il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian. “È stata fondata da persone con secondi fini e non ha peso o potere. Sta solo mostrando un’opinione pubblica goffa sotto le spoglie della legge”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x