Il triplo oro ha fatto la storia per gli orgogliosi l’ultimo giorno di nuoto a Roma

Ben Proud è diventato il primo uomo a vincere titoli mondiali, europei e del Commonwealth di nuoto nello stesso anno dopo aver conquistato il titolo dei 50 metri stile libero a Roma.

Nell’ultimo giorno di nuoto ai Campionati Europei di nuoto, Proud ha completato una storica tripletta dove ha vinto l’oro per la Gran Bretagna.

Dopo essere stato incoronato campione del mondo a giugno e campione del Commonwealth a luglio, il 27enne ha superato un’estate ricca di eventi con l’oro europeo.

È stato il giocatore più veloce nei playoff ad avanzare alla finale, ma è stato vicino al tocco.

Orgoglioso ha preso l’oro per 0,02 – e ha concluso la stagione in un tempo di 21,58, seguito dall’italiano Leonardo Diplano con l’argento con 21,60. Christian Zkolomev ha vinto il bronzo con il tempo di 21.75.

Il risultato ha visto anche il nuotatore britannico eclissare gli Europei lo scorso anno quando ha vinto l’argento.

Dopo la vittoria, Proud ha chiarito che non era contento del suo tempo ma che vincere era “tutto ciò che contava”.

Ha detto: “Ti dà molto rispetto per tutti coloro che fanno questa nuotata back-to-back. Il Caleb Dressel, Adam Petty, che ha detenuto i titoli più e più volte, perché è così difficile.

“Ho detto che sarebbe stato solo divertente, ma voglio vincere ed è stata una gara molto serrata. Il tempo non è molto buono, ma prima metti la mano sul muro ed è tutto ciò che conta.

“Ora ho 27 anni e ho appena deciso sai cosa, se voglio continuare a nuotare devo farlo per amore di questo sport e ho appena iniziato a fare ciò che mi piace ricreare le cose che ho ero solito fare in Malesia e prendere frammenti di tutti i miei programmi, tutta la mia esperienza e applicarli a me stesso.

READ  Punti di discussione Inghilterra: Alicia Rosso rivale Ellen White per la posizione di attaccante, Fran Kirby di nuovo in porta | notizie di calcio

“Penso che 12 mesi fa stavo iniziando a tornare in vita dopo le Olimpiadi. Non credo di potermi ritenere responsabile per aver cercato di vincere quelle medaglie.

“Finché amo lo sport, continuerò a nuotare, ma non ho intenzione di alzarmi troppo perché questo mi ha davvero buttato sotto l’autobus l’anno scorso cercando di ottenere qualcosa che non era mio”.

Il finale “sorprendente” di Clark per la stagione

Imogen Clarke porta a casa un bronzo europeo dopo aver nuotato nella finale dei 50 metri rana femminili.

Ha segnato un tempo di 30.31 da aggiungere alla sua medaglia d’argento nel Commonwealth a Birmingham.

La lituana Ruta Milutit ha vinto l’oro e l’italiana Benedetta Pelato l’argento.

Clarke ha descritto il suo podio come “un ottimo modo per concludere la stagione” e qualcosa che “non si sarebbe mai sognata”.

La vittoria dell’attaccante 23enne ha portato la Gran Bretagna al terzo posto nella graduatoria delle medaglie totali nel nuoto.

La squadra ha vinto un totale di quattro medaglie d’oro, cinque d’argento e sei di bronzo, portando il totale a 15.

Clarke ha detto: “È fantastico. Non ho mai sognato di farlo, quindi è solo un ottimo modo per concludere la stagione”.

“Penso che una volta che ho fatto una nuotata davvero dura, mi ha dato la fiducia per batterlo e non togliermi dalla gara. Ci sono stato e sono felice di ottenere quella medaglia”.

Stephens e Macinnis perdono le medaglie

Quarto e sesto posto per la Gran Bretagna nella finale dei 200 metri farfalla femminili.

Laura Stevens ha nuotato in uno sprint forte ma ha toccato il muro fuori dai posti medaglia con un tempo di 2:08.47.

READ  Il Galles servirà birra più debole e chiuderà i bar all'intervallo nelle partite del Sei Nazioni | Unione di rugby

Keanna Macinnes è arrivata a poco più di un secondo dal suo compagno di squadra in 2:09.59 per finire sesta.

Il nuotatore ungherese Jakapos Zsuzana ha separato i nuotatori britannici al quinto posto.

I quad a staffetta sono al quarto e quinto posto

La Gran Bretagna ha ottenuto il terzo miglior tempo di qualificazione prima della finale della staffetta maschile 4×100 m mista.

Il team di Luke Greenbank, James Wilby, Edward Mildred e Tom Dean è riuscito a finire quarto in 3:33.60.

Greenbank ha nuotato nella fase di apertura a 54.28 ed è stato quarto quando ha ceduto a Wilby che ha spostato GB al terzo dopo la sua gamba di 59.51.

La partita di ritorno ha visto il nuoto forte di Mildred, che ha segnato un tempo di 51,72 secondi. Era molto vicino tra i punti più alti quando ha toccato il muro in quinta posizione.

Dean ha poi colpito la gamba dell’ancora a 48.09 ma è appena uscito dalle medaglie.

Nella finale femminile, Midi Harris, Kara Hanlon, Kiana McInnes e Freya Anderson hanno fatto coppia con la Gran Bretagna.

Hanno toccato il muro in 4:00.05 per il quinto.

Solo 0,01 ha diviso i primi tre nel round di apertura e GB è arrivato secondo con la gamba di Harris che ha terminato in un tempo di 1:00.09.

Hanlon e McCains hanno fatto segnare rispettivamente i tempi di 1:07.49 e 58.62 davanti alla costola di ancoraggio di Anderson di 53.85.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x