Il tunisino Hafnawi vince l’oro a sorpresa nel nuoto | Notizie sui Giochi Olimpici

L’adolescente è entrato in finale per 14 millisecondi, atterrandolo nella corsia esterna più lontana.

Nessuno stava guardando Ahmed Hefnaoui nell’ottava corsia della piscina olimpionica, ma alla fine tutti gli occhi erano puntati sui giovani tunisini.

Hefnaoui è stato lo straordinario vincitore dei 400 m stile libero alle Olimpiadi di Tokyo di domenica, battendo un gruppo di nuotatori più veloci e più anziani.

Il 18enne ha concluso in tre minuti e 43,26 secondi, punteggiando la sua vittoria con un forte botto che si è riverberato nell’arena da 15.000 posti.

È stato il qualificato più lento ad iniziare la finale.

“Ci ho creduto quando ho toccato il muro e ho visto me stesso per primo”, ha detto. “Ero molto sorpreso.”

L’australiano Jack McLoughlin ha preso l’argento mentre l’americano Kieran Smith ha preso il bronzo. I primi tre sono stati separati da meno di un secondo dopo la gara di otto giri.

“Quando ho toccato l’acqua, pensavo solo alla medaglia e non al tempo”, ha detto Hefnawy.

Ha urlato in finale per 14 millisecondi, atterrandolo nella corsia più esterna. Il qualificato più veloce è stato nel mezzo del pool senza essere in grado di seguire El Hefnawy durante la gara.

Alla domanda su cosa sa di Hefnawy, Smith ha risposto: “Assolutamente niente”.

Hefnawy ha un’altra possibilità di sorprendere giovedì quando gareggerà negli 800 m stile libero [Jonathan Nackstrand/AFP]

Hefnaoui si è unito all’Aws Mellouli come l’unico tunisino a vincere una medaglia d’oro nel nuoto.

Mellouli ha vinto i 1500 m stile libero alle Olimpiadi di Pechino 2008, una delle sue tre medaglie olimpiche.

L’adolescente, che si sta allenando nella capitale Tunisi, è la quarta medaglia d’oro olimpica per un paese nordafricano. È il secondo atleta più giovane di un paese africano a vincere una medaglia d’oro nel nuoto.

READ  Coronavirus: il Regno Unito accetta di viaggiare per le vacanze in Portogallo e Israele; Non Francia, Canada

Hefnawi è salito sul podio, il suo allenatore ha alzato furiosamente le braccia sugli spalti, il momento è stato schiacciante per Hefnawi.

“Ero in lacrime perché quando ho visto la bandiera del mio paese e ho sentito l’inno nazionale in sottofondo, è stato fantastico”, ha detto. “Ne sono orgoglioso. Lo dedico a tutto il popolo tunisino”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x