Il video 3D sostituisce gli enormi set di Verona con un curriculum completo dell’opera

VERONA, Italia (AFP) – L’Arena di Verona nel nord Italia è tornata con spettacoli d’opera completi per la prima volta dopo la pandemia, ma con una grande differenza.

Le imponenti scenografie che normalmente riempiono il vasto palcoscenico dell’anfiteatro sono state sostituite con immagini dinamiche 3D trasmesse su enormi schermi LED, ricreando un villaggio siciliano o uno sfondo felliniano.

Le regole del distanziamento hanno fatto sì che i gruppi in movimento dei teatri dovessero limitarsi allo stretto backstage dell’anfiteatro all’aperto in epoca romana, reinventando il 98° Festival Lirico dell’Arena di Verona.

Per questa stagione, la tecnologia si distingue per i gruppi per cui l’arena è nota, abbastanza grande da riempire l’ampio palco e coinvolgere il pubblico seduto lontano nei loft.

“Abbiamo capito già a novembre dello scorso anno che avevamo bisogno di un altro piano, nel caso non fossimo stati in grado di utilizzare i grandi gruppi”, ha detto Cecilia Gasdia, direttore generale della piazza. “In fondo l’Arena di Verona è abituata a mettere in scena grandi spettacoli, piccoli faraonici, di grande qualità artistica”.

Il vicedirettore creativo Stefano Trespede ha beneficiato dei maghi dell’arte di DWOK, la società italiana di video design avanzato che ha contribuito a creare la prima della stagione della Scala 2020 completamente virtuale e a progettare set virtuali per la produzione di “Aida” all’Opera di Sydney.

“Sono sia un artista che un artista allo stesso tempo, il che non è un’impresa facile”, ha detto Trespede. “Questa è una grande innovazione; le innovazioni hanno bisogno di tempo per prendere piede. Il processo che abbiamo iniziato oggi non sappiamo dove ci porterà. Certamente, ci spingerà avanti”.

READ  Perché il New Jersey non dovrebbe avere la "Giornata del patrimonio italiano"

La premiere di apertura della stagione di venerdì è stata “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni e “Pagliacci” di Ruggiero Leoncavallo, una produzione prevista per la stagione 2020 che non è mai stata messa in scena a causa delle restrizioni che limitavano le esibizioni ai concerti. Infatti, i set in legno della “Cavalleria” dello scorso anno sono ancora incompiuti nella cavernosa officina dell’Arena ai margini della città, destinata a una versione forse futuristica.

È stato invece realizzato un villaggio siciliano su 400 mq di maxischermi a led, con proiezioni in collina, facciata di chiese e strutture rupestri, il tutto con profondità 3D. Le nuvole in movimento davano dinamismo alla scena, mentre cantanti e attori si muovevano su e giù per una scala fisica e attraverso un primo piano pieno di tavoli e sedie per creare una piazza centrale.

Mentre la “Cavalleria rusticana” nera, bianca e grigia è stata riportata nel passato, la troupe “Pagliacci”, vestita con costumi dai colori vivaci, su uno sfondo più scarno ispirato al set cinematografico di Fellini, sottolinea lo scontro tra vita reale e teatro all’opera.

Il video include anche brevi immagini dai musei italiani in ciascuna delle cinque nuove opere, tra cui anche “Aida”, “Nabucco” e “La Traviata”. Le collaborazioni, tra cui i Musei Vaticani, il Museo degli Uffizi e il Museo Egizio di Torino, sono intese come un gesto di solidarietà con un altro ramo culturale che ha subito anche le restrizioni durante la pandemia.

“Hanno trovato questa grande soluzione che funziona molto bene”, ha detto il tenore Yusef Aivazov, che interpreta il ruolo di Canio/Bagliacchio. “È davvero bello vederlo, non vedere che non è un vero set. E il pubblico può vedere un vero spettacolo, non solo un concerto”.

READ  Brighton e Rupture vincono il 4° Saudi Red Sea Film Festival

Gli schermi hanno un ulteriore vantaggio, ha affermato Evazov: “Sono molto comodi per il suono. È un muro che fornisce anche supporto vocale, e questo è molto importante nell’arena, perché cantiamo all’aperto. “

Le continue restrizioni sui virus significano che l’arena, per ora, può ospitare un massimo di 6.000 ospiti, invece dei 13.500 ospiti prima della pandemia. I musicisti dell’orchestra sono separati da due metri, il coro si allarga nel palco sinistro dell’anfiteatro seduto come un coro greco, mentre i membri del cast non sdraiato indossano maschere quando il palco si riempie.

Per molti tra il pubblico, solo guardare il teatro dal vivo è stato un piacere e la nuova tecnologia è stato un nuovo elemento da assorbire.

“Anche se sei abituato ai grandi gruppi sul ring, è comunque molto bello”, ha detto Gioia Veronese, un membro regolare del ring il cui figlio di 8 anni cantava nel Coro dei Ragazzi Pagliacci. “Sembra quasi reale a un certo punto.”

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x