Il video di New York Indie Film Temple Kim rianimato da Alamo Drafthouse – Deadline

Dopo aver ceduto alla scomparsa dell’home entertainment fisico e poi di una residenza in un villaggio di montagna in Sicilia, i video da collezione di Kim, un pilastro di New York City, sono tornati a casa.

L’Alamo Drafthouse ha lanciato Kim’s Video Underground, un nuovo sito di front-end per il tempio del cinema indipendente del centro, che ha chiuso definitivamente nel 2014 dopo anni di agitazione tra l’ascesa delle trasmissioni. Occupa una posizione nel seminterrato della nuova sede di Alamo a Lower Manhattan, aperta lo scorso ottobre sotto un edificio per uffici vicino al World Trade Center.

Tim Legge, fondatore di Alamo, si è unito al rivenditore Youngman Kim e ai funzionari di New York e Salmi, in Italia (popolazione: 10.000 abitanti) alla cerimonia di riapertura mercoledì sera. Circa un terzo della collezione totale di Kim di 55.000 dischi e nastri VHS è disponibile per il commercio, con l’intenzione di lanciare il resto nel tempo.

Annuì In una tradizione iniziata dai soldati dell’esercito di Napoleone nel 1700, Kim usò una spada per aprire una bottiglia di champagne. Al-Douri ha deriso: “Nessuno è morto”. “Il video di Kim vivrà per sempre!”

Come con progetti home video simili in North Carolina, Austin e Los Angeles, Alamo consente ai destinatari di noleggiare gratuitamente dischi o nastri, anche se devono inserire una carta di credito e accettare di coprire le tasse per il ritardo. I video, come le offerte di cibo e cocktail di Alamo, danno ai clienti un motivo per trascorrere più tempo negli spazi dell’azienda.

“Oggi è il ritorno a casa. Il video di Kim fa parte del film storico di New York e della cultura indipendente”, ha affermato Ann Del Castillo, commissario del New York City Bureau of Information and Entertainment. All’inizio della sua carriera, ha aggiunto, viveva in A Street , vicino alla sede di Kims nell’East Village. Ma poiché le mancavano le fessure della cintura professionale, in seguito avrebbe ottenuto una posizione di produttrice e CEO presso PBS, aggiungendo con una risata: “Ero così intimidita e non mi sentivo abbastanza a mio agio da fare un passo in Kim!” Ma so che ha davvero plasmato il mio senso della cultura e della comunità. Era un luogo in cui le persone creative si riunivano”.

READ  Le location dei film 'House of Gucci': i luoghi più cool delle Alpi italiane

Il trasferimento non ortodosso della spedizione di dischi e nastri in Italia, dove le posizioni finali di Kim hanno terminato le operazioni, ha solo cementato la colorata eredità del negozio. I collezionisti si sono subito allarmati quando i piani per un centro turistico e una sala espositiva in Sicilia hanno vacillato e le scatole sono state riposte in un magazzino.

Il ristorante originale di Kim è stato aperto per la prima volta nel 1986 in St. Marks Place nell’East Village e presto ha aggiunto alcuni luoghi aggiuntivi. Kim, che in origine era un droghiere e lavasecco, ha deciso di iniziare a fare video quando i videoregistratori hanno iniziato a diventare virali negli anni ’80. Nel suo periodo di massimo splendore, Kim Square era una piazza pubblica per gli amanti del cinema, accumulando una collezione che comprende un’impressionante gamma di stili, epoche e paesi di origine. Il personale, alcuni dei quali hanno partecipato alla festa del mercoledì, era noto per essere distinto e snob. La leggenda, Quentin Tarantino, dice che una volta è stato respinto perché non aveva la tessera e non riusciva a ricordare il numero.

L’ascesa del negozio ha coinciso con l’emergere di film indipendenti come segmento in forte espansione. Sono state mappate anche le ondate di gentrificazione che hanno cambiato le strade di Manhattan. Alla fine, Kim è stata vittima di una grave flessione nel settore dell’intrattenimento domestico fisico poiché lo streaming è diventato il sistema di consegna dei film predefinito. Incapace di trovare un sostituto accettabile che mantenesse intatto l’intero gruppo, Kim ha stipulato un accordo con Salemi.

In un’intervista con Deadline, ha detto che non è mai abbastanza a suo agio con i dischi e le cassette che ha trascorso decenni a collezionare in un luogo remoto e sconosciuto. “Ho visitato circa 10 volte nel corso degli anni”, ha detto. Ha detto che alla fine il gruppo non è stato influenzato dal viaggio.

READ  Questi registi sono felici di tenere tutto in famiglia

Legg ha detto di avere “molti dubbi, tutto il tempo” sul fatto che la collezione di Kim avrebbe suonato, e rimane preoccupato per la fragilità dei nastri VHS, che vengono gradualmente digitalizzati dal braccio di archiviazione senza scopo di lucro di Alamo. Ha detto che la posizione di Lower Manhattan si è rivelata una casa ideale perché aveva enormi quantità di spazio di archiviazione a temperatura controllata. Ricorda che una volta messo in atto il piano di rimpatrio, implementarlo è stato come risolvere un “puzzle da 100.000 pezzi. I wrapper non corrispondevano al supporto fisico, quindi stavamo solo cercando di accoppiarlo. Ci sono voluti quattro mesi di lavoro , da una squadra di cinque”.

Mentre Legg ammetteva prontamente che “aprire un negozio di video sarebbe un’idea pazza” come proposta generale, Alamo aveva il vantaggio di avere immobili e dipendenti esistenti. Vuole che le migliaia di acquirenti di biglietti che passano attraverso Alamo possano “prendere questa avventura” ed esplorare Kim, proprio come hanno fatto gli spettatori indipendenti nei decenni passati.

Allo stesso tempo, ha ammesso con un sorriso: “È tutto così strano. Non sapevo se l’intera faccenda fosse una truffa complicata”.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x