Il video mostra un colono israeliano che cerca di impossessarsi di una casa palestinese | Notizie di Gerusalemme Est occupata

La risposta di un colono israeliano a Mona Al-Kurd, una giovane donna palestinese che lo ha accusato di aver rubato la sua casa nel quartiere di Sheikh Jarrah nei Territori occupati: “Se non ti rubo la casa, qualcun altro la ruberà”. Gerusalemme Est.

L’intervista filmata dall’attivista palestinese Tamer Makleda sabato mostra la 22enne curda che affronta il colono nel giardino della casa della sua famiglia.

Nel video si sente il curdo dire al colono in inglese: “Yaakov, sai che questa non è casa tua”.

Il colono risponde, con un denso accento americano: “Sì, ma se vai non torni, qual è il problema? Perché mi sgridi?”

La risposta ha provocato la provocazione dei curdi, che gli hanno detto: “Mi stai rubando la casa!”

“Se non lo rubo, qualcun altro lo ruberà”, risponde Jacob. “Allora perché mi urli contro?”

“Nessuno può rubare la mia casa!” Grida dei curdi.

Poi Giacobbe dice in ebraico: “Non spetta a me tornare”.

“ Abusivi con accenti di Brooklyn. ”

Negli ultimi mesi, il quartiere di Sheikh Jarrah è stato testimone di una serie di sit-in palestinesi che protestavano contro l’ordine israeliano di evacuare le loro case, che hanno descritto come una continuazione della pulizia etnica iniziata con la Nakba nel 1948.

Lunedì sera, dozzine di forze israeliane hanno preso d’assalto il quartiere, picchiando famiglie palestinesi e sparando lacrimogeni e bombe sonore contro di loro. I media palestinesi locali hanno riferito che 20 persone sono rimaste ferite e almeno quattro uomini e una ragazza palestinesi sono stati arrestati e due sono stati rilasciati martedì.

I coloni israeliani si sono impadroniti della metà della casa della famiglia curda nel 2009. Il fratello gemello curdo, Muhammad, ha detto in precedenza ad Al-Jazeera che condividere la loro casa con gli “occupanti di Brooklyn accenti” era “insopportabile e intollerabile”. [and] disgustoso “.

READ  La PGA statunitense afferma che il campionato PGA 2022 non si giocherà nel torneo Trump

“Si siedono a casa nostra, ci torturano, ci molestano e fanno tutto ciò che è in loro potere non solo per costringerci a lasciare la seconda metà della nostra casa, ma anche per molestare i nostri vicini a lasciare le loro case come parte di un tentativo di sterminio Muhammad, che aveva 11 anni quando i coloni hanno fatto irruzione nel loro cammino.

Lo scorso marzo, la Corte centrale israeliana nella Gerusalemme est occupata ha approvato l’ordine per sei famiglie palestinesi – compresi i curdi – a Sheikh Jarrah di lasciare le loro case per fare spazio ai coloni. La stessa corte ha anche stabilito che altre sette famiglie devono lasciare le loro case entro il 1 ° agosto.

Domenica, la Corte Suprema israeliana ha rinviato la sentenza su queste famiglie che hanno minacciato di lasciare le loro case a favore di organizzazioni di insediamenti privati ​​per lo più finanziate dagli Stati Uniti. Il tribunale ha concesso alle famiglie fino a giovedì per raggiungere un “accordo” con i coloni, basato sul pagamento dell’affitto dei coloni e sul riconoscimento di loro come proprietari delle loro case.

Le famiglie palestinesi hanno condannato i termini dell’accordo del tribunale.

Una dichiarazione rilasciata dalle famiglie ha affermato che “il sistema intrinsecamente oppressivo dei tribunali coloniali israeliani non considera la possibilità di mettere in discussione la proprietà dei coloni illegali e ha già deciso di espropriare le famiglie”.

Le 28 famiglie palestinesi sono arrivate nell’area di Karm al-Jauni a Sheikh Jarrah come rifugiate nel 1956. In base a un accordo con il governo giordano e l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, le case sono state costruite in cambio della revoca dello status di rifugiato e della promessa. Che queste famiglie diventeranno proprietarie delle case dopo tre anni.

READ  Bill Bleschik rifiuta l'offerta di Trump per la medaglia della libertà presidenziale

La promessa non fu mantenuta e nel 1967 la Giordania perse il suo mandato sulla Cisgiordania e Gerusalemme Est dopo che Israele occupò i territori.

Gruppi di insediamenti israeliani hanno affermato che le famiglie palestinesi hanno costruito le loro case su terreni di proprietà di ebrei prima del 1948 e che dovevano evacuare queste case, ma il cartografo palestinese Khalil Tufakji ha negato le accuse.

Tufakçi ha detto di aver trovato l’atto di proprietà della terra che negava qualsiasi proprietà ebraica dell’area in quel momento dopo aver scavato l’archivio ad Ankara 11 anni fa.

“L’ho portato davanti al tribunale distrettuale israeliano, che l’ha respinto immediatamente”, ha detto Tufakji ad Al-Jazeera.

Negli ultimi anni, i palestinesi hanno evacuato tre case nel quartiere, a seguito di decisioni del tribunale israeliano. Sono 38 le famiglie palestinesi attualmente minacciate di sfratto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x