Il vino bianco in Italia ha abbastanza varietà da esplorare per tutta la vita

Questi vini bianchi rinfrescanti da gustare questa primavera sono tutti italiani, non per design ma perché sono stati protagonisti nelle ultime degustazioni. Tre di loro sono anche nuovi arrivati ​​e il quarto è un remake del mio vecchio preferito. Tutti e quattro contengono anche il 13 percento o meno di alcol.

L’Italia ha un’incredibile varietà di uve locali, rosse e bianche, molte delle quali sono specifiche della regione. Alcune uova iniziano con Grec, come in Greco, Grecanico e Grechetto, indicando l’eredità greca. Gli italiani hanno a lungo considerato il vino come qualcosa che accompagna e completa il cibo piuttosto che controllarlo. In passato, il vino bianco italiano tendeva ad essere leggero e fresco, un tipo di limonata per dare vita a pesce e crostacei cucinati semplicemente.

I vini bianchi con il 14% o più di alcol sono raramente alcolici e l’uso di botti nuove è generalmente limitato. In alternativa si può avere un vino rinfrescante leggero a volte con note erbacee, spesso terminando con un profumo di mandorla leggermente amara. Questa è un’ampia generalizzazione, ma penso che spesso sia vera. Ciò non significa che i vini manchino di sapore. Sono più sottili ma tutto è divertente come qualcosa con più corpo. Sono un’ottima scelta per chi si stanca di una dieta Sauvignon Blanc e Pinot Grigio.

Il Verdicchio è un’uva con un vero potenziale. Oltre alle Colline di seguito, JNwine importa anche il vino Sartarelli, uno dei produttori preferiti del Verdicchio. Difendo Soave da diversi anni ormai; La qualità è migliorata con l’inasprimento delle normative. Non è più il liquido dolce e insapore che i nostri genitori hanno riportato nel secolo scorso. Il Soave dovrebbe essere fatto con almeno l’80% di Garganega, la qualità varia nella regione. La frazione Classico è importante, in quanto indica che il vino è ottenuto da uve coltivate su pendii di montagne vulcaniche o calcaree, piuttosto che piane e copiose pianure.

READ  Lamont Jacobs, campione olimpico della staffetta dei 100 metri, respinge i dubbi sul doping

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x