Il virus del Nilo occidentale è stato rilevato in tre città del Niagara

Casi positivi del virus del Nilo occidentale sono stati confermati su tre lotti di zanzare da funzionari della sanità pubblica dell’area del Niagara.

I casi positivi sono i primi casi confermati per il Niagara nel 2022, ma la sanità pubblica ha finora affermato che non sono stati segnalati casi di infezione nell’uomo.

Stagni di zanzare positive sono stati trovati a Niagara Falls, St. Catharines e Thorold.

La dottoressa Joanne Quiron, medico di salute pubblica, ha avvertito i residenti di prendere precauzioni per prevenire la potenziale esposizione al virus.

“Questo è il periodo dell’anno in cui vediamo costantemente grappoli positivi e ciò che questo mostra davvero è che il virus del Nilo occidentale sta circolando tra le nostre zanzare, cosa che sapevamo già dagli anni precedenti”, ha detto Kiron in un’intervista.

In un anno tipo, il Niagara vede circa uno su cinque stagni di zanzara positivo al virus del Nilo occidentale.

In Ontario, Kiron ha detto che ci sono circa 31 cluster positivi, di cui tre sono il Niagara.

“Questo è il periodo dell’anno (fine estate, inizio autunno) in cui la posta in gioco è più alta”, ha detto.

Ciò significa che le persone dovrebbero prendere precauzioni, non solo immediatamente ma durante tutto l’anno, per ridurre il numero di zanzare. Ciò include la rimozione e la prevenzione dell’acqua stagnante dalla proprietà su base regolare, compresi bagni per uccelli, vecchi pneumatici, secchi, giocattoli e carriole; Oltre a utilizzare repellenti per insetti contenenti DEET o Icaridin e assicurarsi che le finestre e le porte di casa abbiano zanzariere in buone condizioni.

La sanità pubblica consiglia inoltre ai residenti di indossare abiti più lunghi per prevenire le punture, specialmente durante i periodi di alimentazione delle zanzare.

READ  Il "ghiacciaio del giorno del giudizio" in Antartide potrebbe aumentare il livello del mare globale di due piedi

Kiron ha detto che due residenti del Niagara sono risultati positivi al virus del Nilo occidentale l’anno scorso e sei nel 2020.

“Varia di anno in anno. Penso che il massimo che abbiamo visto nell’ultimo decennio sia 10 in un anno.

“L’ottanta per cento delle persone che contraggono il virus del Nilo occidentale non hanno sintomi, quindi le persone che identifichiamo sono persone che hanno richiesto cure mediche e sono quindi identificate dai test”.

I sintomi lievi da tenere d’occhio includono febbre, mal di testa, dolori muscolari, lieve eruzione cutanea e linfonodi ingrossati.

Sebbene si verifichi in “una minoranza di casi”, i sintomi più gravi includono una rapida insorgenza di forte mal di testa, sintomi gastrointestinali, febbre alta, sonnolenza e confusione.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x