Il volto mutevole dell’istruzione canadese

L’istruzione canadese è tornata. dopo, dopo Registrazione internazionale Nelle istituzioni canadesi è sceso in modo significativo nel 2020, da un anno ad agosto Numeri Per il 2021, le nuove iscrizioni per gli studenti internazionali sembrano essere tornate al punto in cui erano nel 2019 in questo periodo dell’anno.

questo è importante. I 600.000 studenti internazionali del Canada apportano nuove idee, nuovi modi di pensare e 24 miliardi di dollari all’economia canadese, contribuendo a sostenere le tasse universitarie per i cittadini canadesi. un studio 2017 delle università statunitensi ha rilevato che l’iscrizione di 10 studenti internazionali ha comportato l’iscrizione di altri otto studenti nazionali.

Da dove vengono gli studenti?

Circa il 75% dei permessi di studio annuali viene rilasciato entro la fine di agosto. Il quadro è chiaro: mentre il numero totale di permessi di studio rilasciati a studenti internazionali è tornato al suo apice nel 2019, gli studenti stessi non sono degli stessi luoghi.

In particolare, le nuove iscrizioni sono diminuite del 50% da Brasile, Cina, Taiwan e Corea del Sud.

Ciò avrà un grave impatto su molte istituzioni canadesi: all’Università di Toronto, un tempo rappresentavano gli studenti cinesi Quasi due terzi di tutti gli iscritti alle università internazionali (e il 18,5 per cento di tutti gli iscritti alle università).

Non esiste un modo semplice per sostituire gran parte dei documenti scolastici, motivo per cui l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign è esclusa Polizza assicurativa Per coprire 60 milioni di dollari di tasse universitarie versate dagli studenti cinesi all’università. Jeffrey Brown, preside della business school, aveva profeticamente temuto “il grande spavento per l’influenza che (che) avrebbe causato nessuno degli studenti a presentarsi al campus.

Mentre la Cina e i suoi vicini possono inviare meno studenti in Canada, il resto del mondo, guidato dall’India, ha aumentato il tasso di iscrizione in media del 20%. Numeri Non esattamente paragonabile: gli studenti stranieri cinesi tendono a iscriversi alle università, mentre gli studenti indiani hanno maggiori probabilità di iscriversi ai college.

Tuttavia, mentre l’India ha inviato il maggior numero di studenti in Canada anche prima della pandemia, le nuove iscrizioni sono aumentate del 10%. Le nuove iscrizioni di studenti provenienti da Francia, Iran, Messico, Colombia e Bangladesh sono aumentate dal 25 al 40 percento ciascuna. Le iscrizioni sono raddoppiate da Hong Kong, Filippine, Germania e Italia. L’effetto netto è che l’iscrizione complessiva fino ad oggi per i nuovi studenti internazionali è quasi esattamente dove era questa volta nel 2019.

READ  Lunedì CDP presenta il piano per l'acquisizione delle attività autostradali Atlantia - Risorse

L’aumento maggiore viene da Hong Kong, il che non è una sorpresa completa: anche i residenti di Hong Kong partire in fretta Il territorio dopo che la Cina ha imposto una legge sulla sicurezza nel 2020 e anche il Canada destinazione preferita. Il Partito Conservatore del Canada – che durante le elezioni di settembre ha chiesto un programma per incoraggiare i giovani di Hong Kong a studiare in Canada – potrebbe ora trovare un programma del genere non necessario.

Come possono adattarsi le organizzazioni?

Forse queste tendenze di iscrizione non sono un’aberrazione e le istituzioni canadesi devono adattarsi di conseguenza. Piuttosto che fare affidamento su un singolo paese studentesco, gli amministratori dovrebbero impegnarsi per una maggiore diversità nelle loro prossime classi.

Esiste un percorso familiare per gli studenti provenienti dalla Cina e dall’India che vengono in Canada per studiare, ma le istituzioni dovrebbero fare di più per sviluppare percorsi simili per studenti provenienti da paesi più piccoli e da quelli in cui gli studenti potrebbero avere maggiori necessità finanziarie. dove La rimozione delle barriere finanziarie è fondamentale per la registrazione degli studenti internazionaliLe istituzioni devono collaborare con gli studenti e le istituzioni finanziarie per fornire opzioni di finanziamento praticabili. Ciò contribuirà a migliorare le iniziative di marketing e fornirà un’alternativa al reclutamento basato sullo sfruttamento degli agenti.

Le università americane hanno sperimentato la condivisione di reddito e rischio con istituti di credito, che è stata esplorata anche da alcuni college canadesi privati. Le istituzioni statunitensi forniscono regolarmente anche un elenco di istituti di credito preferiti per l’istruzione che gli studenti possono prendere in considerazione. Nelle università canadesi, questo viene solitamente fatto nelle business school come Ivy (occidentale)e Smith (regine), E Schulich (York). Rotman (Toronto) va oltre Suggerire sovvenzioni e fornitori di prestiti in più di 30 paesi.

Ricostruire il pool di studenti internazionali di talento richiederà del tempo e la pandemia ha creato sfide e opportunità per le istituzioni canadesi che cercano di iscrivere studenti stranieri. Una strategia di internazionalizzazione post pandemia deve tenere conto di una maggiore diversificazione del corpo studentesco e del ruolo delle istituzioni finanziarie, anche se questo ruolo è limitato alle polizze assicurative.

Sacha Ramani è responsabile della strategia aziendale presso Finanziamento MPOWER, società che offre borse di studio e prestiti senza co-firma a studenti internazionali.


I punti di vista, le opinioni e le posizioni espresse da tutti gli editorialisti e collaboratori di politica sono esclusivamente quelli dell’autore. Non riflettono intrinsecamente o espressamente i punti di vista, le opinioni e/o le posizioni della politica.

Più politica

READ  La finale della Rainbow Cup non è una vacanza in Italia per i Bulls

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x