Il watchdog italiano afferma che ChatGPT di OpenAI viola le regole sulla privacy

Il watchdog italiano afferma che ChatGPT di OpenAI viola le regole sulla privacy
IMMAGINE DEL FILE: Il logo ChatGPT e le parole AI sono mostrati in questa illustrazione scattata il 4 maggio 2023. L'autorità italiana per la protezione dei dati ha dichiarato a OpenAI che la sua app AI ChatGPT viola le norme sulla privacy o sulla protezione dei dati. Reuters/Dado Rovik/illustrazione/foto d'archivio

MILANO – L'autorità italiana per la protezione dei dati personali ha dichiarato a OpenAI che l'app di intelligenza artificiale ChatGPT viola le norme sulla protezione dei dati, ha detto lunedì l'autorità di vigilanza mentre porta avanti un'indagine iniziata nel 2023.

L'organismo, noto come Garante, è uno dei più proattivi nell'UE nel valutare la conformità della piattaforma di intelligenza artificiale al regime di privacy dei dati del blocco. L'anno scorso ChatGPT è stato bandito per presunte violazioni delle norme sulla privacy dell'UE.

Il servizio è stato successivamente riattivato dopo che OpenAI ha affrontato questioni riguardanti, tra le altre cose, il diritto degli utenti di negare il consenso all'utilizzo dei dati personali per addestrare i propri algoritmi.

All'epoca, l'autorità di regolamentazione aveva dichiarato che avrebbe continuato le sue indagini. In una nota ha affermato di aver concluso che esistevano elementi che indicavano una o più potenziali violazioni della privacy dei dati, senza fornire ulteriori dettagli.

OpenAI non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Leggi: Navigare nell'onda dell'intelligenza artificiale: le promesse e le insidie ​​​​di ChatGPT sulla stampa

Il quotidiano Garante ha dichiarato lunedì che OpenAI, sostenuta da Microsoft, ha 30 giorni per presentare le sue argomentazioni di difesa, aggiungendo che la sua indagine terrà conto del lavoro svolto da una task force europea che comprende i supervisori nazionali della privacy.

L’Italia è stato il primo paese dell’Europa occidentale a limitare ChatGPT, il cui rapido sviluppo ha attirato l’attenzione di legislatori e regolatori.

sta leggendo: Il garante europeo della privacy crea il gruppo di lavoro ChatGPT

READ  Inter-Crotone, conferenza Giovanni Strupa alla vigilia di oggi

Secondo il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’Unione Europea introdotto nel 2018, qualsiasi azienda che violi le regole rischia multe fino al 4% delle sue vendite globali.

A dicembre, i legislatori e i governi dell’UE hanno concordato termini temporanei per regolamentare i sistemi di intelligenza artificiale come ChatGPT, facendo un passo avanti verso la definizione delle regole che governano la tecnologia.

Impossibile salvare l'abbonamento. Riprova.

La tua iscrizione è andata a buon fine.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x