Il whisky scozzese con una bottiglia di mitragliatrice fa arrabbiare l’Italia

Lo scotch whisky sta seminando il panico in Italia grazie al suo nome e al packaging insolito.

Cosa Nostra è pubblicizzato come un blended whisky di tre anni venduto in una bottiglia a forma di fucile con le parole “post proelia premia” – “Dopo le battaglie arrivano le ricompense” – blasonate in cima.

Lo spirito prende il nome dalla mafia siciliana ed è pubblicizzato come riferito all ‘”era di Al Capone o Lucky Luciano”.

Il whisky viene venduto come una novità, ma in Italia gli stereotipi sulla criminalità organizzata non fanno ridere. Come nota il quotidiano economico il Sole 24 Ore, “la parola mafia ci ricorda solo il dolore e la morte”.

Coldiretti, un’associazione di imprenditori agricoli e agricoltori, insieme a Fileria Italia, un’alleanza agricola e industriale, ha colpito il whisky e altri prodotti di Cosa Nostra usando immagini mafiose.

Araldo di Scozia: whisky Cosa NostraWhisky di Cosa Nostra (foto: Amazon)

Le due organizzazioni sono scese nelle strade di Palermo per esporre i prodotti, ponendo lo scotch su un tavolo in piazza del Teatro Politeama con un cartello con la scritta “A tavola con Cosa Nostra”.

In mostra anche le noci “Chilli Mafia” vendute nel Regno Unito, le noci al caffè “Maffiozzo” dalla Bulgaria e le noci “Palermo Mafia Shooting” dalla Germania.

La Coldiretti ha avvertito che tali stereotipi danneggiano l’immagine dei prodotti italiani all’estero, in un momento in cui stimano la perdita di circa 300.000 posti di lavoro a causa della “contraffazione e contraffazione” del cibo italiano.

Il gruppo stima che i falsi che non ricadono sotto l’ombrello del Made in Italy generino circa 120 miliardi di euro all’anno, e ha avvertito che i marchi della criminalità organizzata potrebbero causare “danni economici e di immagine” nei mercati emergenti.

READ  Il Rotary Club sponsorizza il Programma Scambi Giovanili dall'Italia | Notizie, sport, lavoro

Hanno accusato le compagnie di operare “senza riguardo per il dolore delle vittime e di danneggiare l’immagine del Paese”.

Il boss di Coldiretti, Ettore Prandini, ha dichiarato: “L’uso di nomi che rimandano alla mafia è un atto che arreca un grave danno all’immagine del Made in Italy sfruttando gli stereotipi legati alle organizzazioni mafiose, e sminuendo un fenomeno che provoca dolore e lutto in tutto il nostro Paese .”

Il whisky Cosa Nostra di Coldiretti è descritto come “dalla Scozia” e la bottiglia è etichettata “Scotch whisky”. Affinché questa affermazione sia legittima, devono essere soddisfatti una serie di criteri legali.

Per essere etichettato come Scotch, il whisky deve essere maturato per almeno tre anni in botti di rovere, avere una gradazione alcolica di almeno il 40%, essere prodotto in una distilleria in Scozia da acqua e malto d’orzo e non contenere additivi esterni. colorazione.

The Herald ha scoperto che Cosa Nostra è stato prodotto da un gruppo chiamato Bartex Wine & Spirits con sede in Polonia, da un whisky chiamato Glen Gate che viene venduto nel paese dell’Europa orientale.

Bartex non ha risposto a una richiesta di commento. La Scotch Whisky Association, l’ente commerciale, è stata contattata per un commento.


Leggi di più:

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x