In Oregon, gli scienziati hanno trovato una variante virale con una mutazione allarmante

Test del coronavirus presso la Virginia Garcia Clinic di Hillsboro, Oregon, 1 maggio 2020 (Ruth Fremson / The New York Times)

Scienziati dell’Oregon hanno scoperto una versione localizzata di un tipo di coronavirus a rapida diffusione che è apparso per la prima volta in Gran Bretagna, ma ora è combinato con una mutazione che potrebbe rendere l’alternativa meno vulnerabile ai vaccini.

Finora, i ricercatori hanno trovato solo un caso di questo enorme mix, ma l’analisi genetica ha indicato che la variante è stata acquisita nella comunità e non vista nel paziente.

“Non lo abbiamo importato da nessun’altra parte del mondo – è successo automaticamente”, ha detto Brian Uruk, genetista presso la Oregon Health and Science University che ha guidato il lavoro. Lui ei suoi colleghi sono coinvolti negli sforzi dei Centers for Disease Control and Prevention per monitorare le varianti e hanno depositato i loro risultati in database condivisi dagli scienziati.

Iscriviti alla newsletter del mattino del New York Times

La variante originariamente identificata in Gran Bretagna, chiamata B.1.1.7, si sta rapidamente diffondendo negli Stati Uniti, rappresentando almeno 2.500 casi in 46 stati. Questo tipo di virus è più contagioso e mortale della versione originale e si prevede che rappresenterà la maggior parte delle infezioni negli Stati Uniti entro poche settimane.

La nuova versione apparsa in Oregon ha la stessa spina dorsale, ma anche una mutazione – E484K, o “Eek” – che è stata osservata in vari tipi di virus circolanti in Sud Africa, Brasile e New York City.

Studi di laboratorio e studi clinici in Sud Africa indicano che la mutazione Eek rende gli attuali vaccini meno efficaci sopprimendo la risposta immunitaria del corpo. (I vaccini funzionano ancora, ma i risultati sono abbastanza preoccupanti che Pfizer-BioNTech e Moderna hanno iniziato a testare nuove versioni dei loro vaccini progettate per sconfiggere l’alternativa trovata in Sud Africa.)

READ  Serie internazionale "Plants for Life, Plants for Survival"

La variante B.1.1.7 è apparsa anche con Eek in Gran Bretagna e gli scienziati l’hanno classificata come “variante della preoccupazione”. Ma Uruk ha detto che il virus identificato in Oregon sembra essersi evoluto in modo indipendente.

O’Roak e colleghi hanno scoperto il contrasto tra i campioni di coronavirus raccolti dall’Oregon Public Health Laboratory in tutto lo stato, inclusi alcuni focolai in un ambiente sanitario. Dei 13 risultati dei test analizzati, 10 sono risultati essere B.1.1.7 da soli e uno era il gruppo.

Altri esperti hanno affermato che la scoperta non è sorprendente, perché la mutazione Eek è apparsa in forme del virus in tutto il mondo. Ma hanno detto che il verificarsi del boom in B.1.1.7 valeva la pena di essere guardato.

In Gran Bretagna, questa versione della variante rappresenta un piccolo numero di casi. Ma quando la formula si sviluppò lì, B.1.1.7 si era già diffuso in tutto il paese.

“Siamo al punto in cui B.1.1.7 è appena stato introdotto” negli Stati Uniti, ha affermato Stacia Wayman, esperta di genomica computazionale presso l’Università della California, Berkeley. “Man mano che si evolve, e man mano che diventa dominante, possono accumularsi più mutazioni”.

Le mutazioni virali possono rafforzarsi o indebolirsi a vicenda. Ad esempio, le varianti identificate in Sud Africa e Brasile contengono molte delle stesse mutazioni, inclusa Eek. Ma la versione brasiliana ha una mutazione, la K417N, non trovata nella versione sudafricana.

In uno studio pubblicato giovedì sulla rivista Nature, i ricercatori hanno confrontato le risposte degli anticorpi alle tre variabili preoccupanti: quelle identificate in Gran Bretagna, Sud Africa e Brasile. In linea con altri studi, hanno scoperto che la variante che ha colpito il Sud Africa era la più resistente agli anticorpi prodotti dal sistema immunitario.

READ  Progetto ISAE-SUPAERO "Cooperative Roamer and Drone", per facilitare l'esplorazione lunare

Ma la variante prevalente in Brasile non era resistente, sebbene porti la mutazione Eek. “Se hai la seconda mutazione, non vedi un cattivo effetto”, ha detto Michael Diamond, un immunologo virale presso la Washington University di St. Louis, che ha condotto lo studio.

È troppo presto per dire se la madre surrogata dell’Oregon si comporterà come quelle del Sud Africa o del Brasile. Wyman ha detto che l’idea che altre mutazioni potrebbero indebolire l’effetto di Eck è “un’ottima notizia”.

Nel complesso, ha detto, la scoperta dell’Oregon rafforza la necessità per le persone di continuare a prendere precauzioni, incluso indossare una maschera, fino a quando gran parte della popolazione non sarà vaccinata.

“La gente non ha bisogno di avere paura, ma piuttosto di continuare a essere vigile”, ha detto. “Non possiamo ancora abbassare la guardia mentre ci sono ancora più variabili trasferibili in circolazione”.

Questo articolo è originariamente apparso in New York Times.

© 2021 The New York Times Company

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x