In ricordo del muto club di rugby argentino نادي

Chiedi a qualsiasi appassionato di sport cosa significa la frase Argentina 1978 e probabilmente ricorderà l’indimenticabile vittoria della nazione ospitante in Coppa del Mondo durante il freddo e cupo mese di giugno alla fine di un decennio straziante in America Latina.

Ma gli argentini eccellono in più di uno sport e il rugby è al centro della potente narrativa di Claudio Fava. silenziosoOra disponibile in inglese.

Nello stesso periodo, questo eccellente libro è basato sulla vera storia del club di rugby La Plata, i cui giocatori furono presi di mira dall’esercito di destra che prese il controllo del paese nel 1976 e decise di eliminarlo da ciò che descrivevano. “Articoli fastidiosi.” Ufficialmente, almeno 8.961 e forse fino a 30.000 sono morti nell’orribile serie di omicidi.

Il rugby è uno sport borghese in Argentina, ma i ragazzi di La Plata hanno tendenze politiche che li mettono saldamente nel mirino della dittatura. Dopo che un giocatore viene ucciso per i suoi legami con un sindacato, i suoi compagni di squadra gli rendono un fatidico omaggio pubblico prima della prossima partita. Il loro prolungato momento di silenzio ha attirato l’attenzione sui ribelli e uno per uno i giocatori sono stati catturati, torturati e uccisi dai militari. Venti di loro sono stati uccisi. La maggior parte dei corpi non è stata trovata.

silenzioso È un tributo tardivo al coraggio dei giocatori che, secondo il racconto di Vava, furono fucilati, appesi agli uncini da carne e gettati dagli elicotteri nelle gelide acque del Río de la Plata. Anche dopo aver realizzato che erano stati scelti per morire, non scapparono. Data la possibilità di chiedere asilo in Francia, hanno preferito restare. Vincere la lega e onorare i compagni caduti era più importante della vita stessa.

READ  Nations League: Who's Next, Rickety - e conferma delle qualificazioni ai Mondiali 2022 | notizie di calcio

La maggior parte degli atleti è stata uccisa dai killer della giunta ju CalcioIl che è di per sé sorprendente data la passione dell’Argentina per il calcio, e la storia del club La Plata non viene raccontata da decenni. Ha guadagnato più fama negli ultimi anni, con libri e documentari sull’argomento, ma Vava, uno scrittore italiano il cui padre è stato assassinato dalla mafia in Italia, ha deciso di trasformarlo in un romanzo.

Ha scritto: “Ho preferito invece immaginare i pensieri e le azioni di quei ragazzi che hanno scelto di rimanere e morire”. Volevo registrare qualcosa di più dei loro nomi e della tragedia della loro morte. Ciò che conta è come hanno vissuto. E come si sono alzati e hanno detto “No”.

Il libro, pubblicato per la prima volta in Italia nel 2013, è breve, solo 172 pagine.

Ma gran parte della sua forza sta in questa brevità. Come le vite dei suoi giovani protagonisti, la storia è fugace. Difficilmente conosciamo i loro nomi, figuriamoci chi sono, prima che svaniscano. Di conseguenza, la prosa è tesa e i suoi dettagli sono ritagliati.

Vava presenta la storia in un prologo, quindi il senso del destino imminente è presente ad ogni voltare pagina. Questo rende la storia più seria, ma c’è una ricompensa nell’ardente indignazione degli atleti e nella loro stimolante storia di lealtà, sacrificio e integrità.

Inutile dire che non c’è un lieto fine. L’ultimo giocatore scompare alla vigilia della finale di campionato. La squadra esausta di La Plata lotta con i giovani magri invece diMancante, ma la squadra è schiacciata da avversari più vecchi e più forti.

READ  Inizia l'anteprima della griglia e corri il Gran Premio di San Marino

Pochi giorni fa, la squadra di calcio argentina ha vinto la Coppa del Mondo davanti a 71.000 fan estasiati all’Estadio Monumental. Il generale che ha supervisionato la maggior parte degli omicidi della giunta ha consegnato il trofeo ai vincitori. Ad appena un miglio di distanza nelle camere di tortura dell’esercitoCalcioE molti, come loro, furono massacrati.

Downey è un autore Il dottor Socrate: calciatore, filosofo, leggenda, biografia del calciatore brasiliano e attivista politico. Divide il suo tempo tra il Regno Unito e il Brasile.

Ti piace quello che leggi? Iscriviti ad AQ per saperne di più.

Le opinioni espresse in questo articolo non riflettono necessariamente quelle di America’s Quarterly o dei suoi editori.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x