In seguito all’attività di fusione e acquisizione, cambi di direzione in Italia – WWD

Milano I vaccini contro il coronavirus hanno iniziato ad essere introdotti in Italia il 27 dicembre, fornendo un barlume di speranza per un paese gravemente colpito dall’epidemia e, indicando le prospettive di ripresa del paese, l’Istituto nazionale di statistica italiano ha dichiarato a dicembre che il PIL del paese dovrebbe aumentare del 4% in un anno. 2021.

Nonostante le sfide dello scorso anno, l’epidemia non ha fermato l’attività di fusioni e acquisizioni nel settore della moda italiana, e alcuni nuovi conferimenti di capitale, oltre a modificare la struttura gestionale di una serie di marchi, anche a livello di stilisti. Ecco perché il 2021 gira per la prima volta per tanti designer, da Kim Jones in Fendi e Fausto Puglisi in Roberto Cavalli a Glenn Martens in Diesel.

Il gruppo madre di Diesel OTB sta cercando di espandere il proprio portafoglio di marchi – che include Maison Margiela, Marni, Viktor & Rolf e una quota di minoranza in Amiri, nonché i rami di produzione di Staff International e Brave Kids – e fonti a Milano affermano che il gruppo sta guardando Jill Sander.

Il marchio è controllato da Onward Holdings Co. Ltd. , Che ha acquistato Jil Sander nel 2008 dalla società di private equity londinese Change Capital Partners. A dicembre, il colosso dell’abbigliamento con sede a Tokyo ha venduto la sua controllata europea Onward Luxury Group, segnalando un possibile cambio di strategia.

Attraverso l’acquisizione del management, l’imprenditore Franco Binet, con Fabio Duchi e Antonello Oronso Priatta, rispettivamente CEO e CFO di OLG, ha assunto il controllo completo dell’azienda, ribattezzandola HIM Co SpA – High Italian Manufacturing. Bennet disse a WWD all’epoca di aver visto “un crescente interesse per le attività manifatturiere in Italia”.

READ  L'Irlanda rimuove l'Italia e l'Austria dall'elenco di quarantena degli hotel

In questo senso, in ottobre Francisco Trapani ha guidato la creazione di un nuovo magnate della produzione chiamato Florence SpA.

L’ex CEO di Bulgari e LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton è il principale azionista e presidente della neo nominata VAM Investments e, in collaborazione con Fondo Italiano d’Investimento, ha fondato Firenze acquisendo tre aziende manifatturiere italiane dai piani che hanno a lungo lavorato con i marchi Grande commerciale globale: Giuntini SpA, Ciemmeci Fashion Srl e Mely’s Maglieria Srl, tutte con sede in Toscana.

A novembre, il fondo di private equity Made in Italy italiano, gestito da Quadrivio e Pambianco, ha rivelato di aver acquisito una quota di maggioranza in GCDS, il brand di streetwear italiano fondato rispettivamente dai fratelli Giuliano e Giordano Calza, Direttore Creativo e CEO. Nell’ambito dell’accordo, Patrizio de Marco, ex presidente e CEO di Gucci ed ex presidente di Golden Goose, sta investendo nel marchio.

Si dice che un fondo Made in Italy stia esaminando il marchio di abbigliamento e abbigliamento in denim Dondup.

Due importanti accordi sono stati conclusi a dicembre, quando Moncler ha rivelato di aver acquisito Sportswear Company SpA, proprietaria del marchio Stone Island, in un accordo del valore di 1,15 miliardi di euro, e il proprietario di Ferrari Exor Shang ha preso la maggioranza del progetto cinese Hermès International, Shang Xia, con un investimento di circa 80 milioni di euro tramite aumento di capitale riservato. Hermès è destinata a rimanere azionista insieme al fondatore Jiang Qiong Er.

Sempre a dicembre, il fondo di investimento milanese Style Capital ha approvato un investimento nel marchio di moda di lusso australiano Zimmerman.

READ  Jeff Bezos è il beneficiario numero uno al mondo: nel 2020 ha donato 10 miliardi di dollari a una fondazione no profit e di solidarietà

Gli occhi sono puntati anche sul rivenditore italiano OVS SpA, che è in trattative esclusive per l’acquisto del marchio storico ma in difficoltà finanziarie Stefanel. L’amministratore delegato di OVS Stefano Peraldo ha dichiarato a dicembre di sperare di concludere l’affare a gennaio. La fornitura totale dovrebbe raggiungere i 3,2 milioni di euro. Il mese scorso OVS, che gestisce le reti di negozi OVS e Upim, ha rivelato un aumento di capitale fino a 80 milioni di euro finalizzato a supportare potenziali attività di fusione e acquisizione.

A livello manageriale, in accordo con il piano di successione entrato in funzione all’inizio di quest’anno, Yoox Net-a-porter vedrà Geoffroy Lefebvre come CEO il 4 gennaio, succedendo a Federico Marquetti, che rimane a capo del gruppo fino a quando non sarà assicurata una transizione graduale. Lefebvre è stato in precedenza Direttore della distribuzione digitale di massa presso la società madre di YNAP Compagnie Financière Richemont. Dallo scorso luglio Marchetti è anche amministratore non esecutivo e indipendente del Consiglio di Amministrazione della Giorgio Armani SpA, primo membro non familiare a far parte del Consiglio di Amministrazione.

A Roberto Cavalli, il direttore generale Ennio Fontana, entrato in azienda in ottobre da Philip Plein, ha definito i suoi piani affidandosi al consulente creativo Puglisi, il cui primo lotto del marchio sarà abbattuto a gennaio, e una serie di pilastri chiari in questa gamma di costruzione del business tradizionale del marchio. Il business del prêt-à-porter con più abbigliamento femminile del giorno ha portato allo sviluppo del business dell’abbigliamento maschile, sfruttando il fascino dei caffè e dei ristoranti Cavalli nelle principali località turistiche.

Trussardi aprirà l’anno anche con un nuovo CEO, con l’ex CEO di Valentino Sebastian Sohl e Marc Jacobs che succedono a Milla Mandelli lo scorso ottobre.

READ  Dan Martin torna al Giro d'Italia nel 2021 con `` affari in sospeso ''

Due mesi dopo, LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton ha ampliato la gestione ad Andrea Guaira, CEO di Hospitality Business. A gennaio Guerra rileverà anche l’attività di Fendi e Loro Piana.

Prima foto della sfilata di moda Fendi a Parigi il 27 gennaio Art director: Kim Jones
Direttore creativo: Ronnie Cook Newhouse
Fotografo: Paolo Roversi
Capelli: Sam McKnight
Trucco: Peter Phillips
Design della collezione: Jean Hugh de Chatillon
Modelli: hanno interpretato i suoi genitori, Thatcher Thornton
Stilista: Aleister Mackie
Con: Shelley Durkan
Paolo Roversi – Cortesia dell’immagine

Serge Bronschweig, CEO di Fendi, e Fabio D’Angelantonio, CEO di Loro Piana, riferiranno ora a Guerra, che è anche membro del Comitato Esecutivo di LVMH.

Guerra è entrato a far parte di LVMH lo scorso marzo dal negozio di alimentari italiano di fascia alta Eataly, di cui era CEO dal 2015. In precedenza, è stato consulente strategico senior dell’ex primo ministro italiano Matteo Renzi e, prima ancora, CEO del gruppo di occhiali Luxottica.

A Fendi, Jones svelerà la collezione haute couture del marchio il 27 gennaio a Parigi durante la settimana della Haute Couture della città. L’evento di gennaio è il primo su molti livelli: rappresenta la prima moda femminile e la prima collezione in assoluto di Jones, e sarà anche la prima volta che Fendi presenterà la Spring Collection. In passato, la maison ha creato solo la sua collezione di haute couture autunnale, che ha chiamato “haute fourrure”. Jones è ancora al timone di Dior Men.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x