― Advertisement ―

spot_img
HomescienceIncoraggiare gli agricoltori ad adottare misure per ridurre l’esposizione degli animali da...

Incoraggiare gli agricoltori ad adottare misure per ridurre l’esposizione degli animali da allevamento agli uccelli migratori

Incoraggiare gli agricoltori ad adottare misure per ridurre l’esposizione degli animali da allevamento agli uccelli migratori

Farmscape per il 17 maggio 2024

Un patologo veterinario del Western College of Veterinary Medicine incoraggia gli allevatori ad adottare misure per ridurre la potenziale esposizione degli animali da allevamento agli uccelli migratori. A marzo, l’USDA ha segnalato la scoperta del virus dell’influenza H5N1 di tipo A, o influenza aviaria ad alta patogenicità, nel latte e nelle vacche da latte in Texas e Kansas, e da allora le scoperte sono state confermate in allevamenti da latte in altri stati e in giovani capre e braccianti agricoli. È risultato positivo al virus. La maggior parte dei virus H5N1 sono classificati come a percorso basso e sono stati trasmessi sporadicamente dagli uccelli all'uomo, e un anno fa c'erano segni che questo ceppo a percorso alto stesse mostrando segni di adattamento per infettare i mammiferi, ha affermato la dott.ssa Susan Dettmer, professore associato presso il Western College of Veterinary Medicine nelle vacche da latte.

Citazione-D. Susan Detmer – Western College of Veterinary Medicine:
Gli uccelli che di solito sono i più sospettosi e quelli da cui temiamo maggiormente di essere infettati sono i polli.
E in termini di altri tipi di animali, francamente, le mucche da latte che sono state infettate dal nuovo virus H5N1 sensibile ai mammiferi che stiamo vedendo, le mucche da latte si stanno riprendendo.

Inizialmente sperimentano un calo significativo nella produzione di latte, ma questi animali si stanno riprendendo. E in termini di esseri umani che sono in contatto con bestiame infetto, ora stanno esaminando quegli esseri umani e testando gli anticorpi e nei prossimi sei mesi avremo molte informazioni sugli esseri umani che sono stati in contatto con quegli esseri umani. Bovini da latte. Finora non ci sono state segnalazioni di persone che si sono ammalate gravemente a causa del contatto con mucche da latte, ma non abbiamo ancora casi di infezione umana da segnalare e non abbiamo ancora avuto altre specie che siamo stati in grado di rilevare vedere che tipo di effetti ci sono stati.

READ  Ora è il momento di assicurarti che le tue vaccinazioni siano aggiornate

Il ceppo che ha colpito le mucche da latte americane è stato controllato, ma se è presente negli uccelli migratori che ritornano in Canada, i nostri animali da fattoria potrebbero essere a rischio, afferma il dottor Detmer.

Per ulteriori informazioni, visitare Farmscape.Ca. Bruce Cochrane.

*Farmscape è prodotto per conto di North American Pork Products