Indagine federale degli Stati Uniti: la protesta non si è dispersa sulla foto di Trump

Un’indagine interna ha stabilito che la decisione di sgomberare con la forza i manifestanti per la giustizia razziale da un’area di fronte alla Casa Bianca la scorsa estate non è stata influenzata dal piano del presidente Donald Trump all’epoca di organizzare lì un’opportunità fotografica.

Il rapporto pubblicato mercoledì dall’ispettore generale del ministero dell’Interno ha concluso che la polizia del parco statunitense ha assolto i manifestanti lo scorso 1 giugno in modo che l’appaltatore potesse iniziare a installare una nuova recinzione.

I manifestanti stavano protestando per l’uccisione di George Floyd, morto dopo che un ufficiale di polizia di Minneapolis si era inginocchiato sul suo collo ed era rimasto appeso a terra per circa 9 minuti e mezzo. Mezz’ora dopo che i manifestanti a Washington sono stati costretti a lasciare l’area con grani di pepe e frangetta, Trump ha attraversato Lafayette Park in mezzo al profumo di spray al peperoncino e ha tenuto un breve discorso tenendo una Bibbia davanti alla chiesa di San Giovanni.

In una dichiarazione che accompagna il rapporto, l’ispettore generale Mark Lee Greenblatt ha affermato che i funzionari di polizia del Parco avevano già pianificato di liberare l’area e “hanno iniziato ad attuare il piano operativo diverse ore prima di venire a conoscenza di una possibile visita presidenziale al parco”. “Abbiamo stabilito che le prove non supportano la scoperta che l’USPP ha ripulito il parco il 1 giugno 2020, in modo che il presidente Trump possa quindi entrare nel parco”.

Il rapporto ha stabilito che la decisione di allontanare i manifestanti era giustificata, ma che le forze dell’ordine presenti sulla scena non sono riuscite a comunicare efficacemente tra loro e non hanno avvertito i manifestanti dell’imminente giro di vite.

READ  'Storia correttiva': alleati di Trump e democratici litigano per le rivolte | Donald Trump News

Le conclusioni, che negano qualsiasi influenza politica sulle decisioni e indicano la confusione bellica di eventuali errori, rischiano di essere respinte come insufficienti dai critici della repressione della scorsa estate.

Lafayette Park, collegamento di Washington nell’ondata di proteste nazionali per la giustizia razziale la scorsa estate, è sotto l’autorità della Park Police; Questa agenzia è sotto il Ministero degli Interni.

Il nuovo rapporto si concentra sul processo decisionale della polizia del parco e sulle sue complesse interazioni con varie forze dell’ordine, inclusi i servizi segreti e il dipartimento di polizia metropolitana.

Egli osserva che “l’USPP e i servizi segreti non hanno utilizzato un canale radio comune per comunicare” e specifica che “debolezze nella comunicazione e nel coordinamento potrebbero aver contribuito alla confusione durante l’operazione”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x