Intelligence norvegese: l’attacco a Kongsberg si ripeterà

HELSINKI – Tali attacchi nella città di Kongsberg all’inizio di questo mese sono estremamente difficili da prevedere e prevenire, ed è probabile che si ripetano in una società aperta come la Norvegia, ha detto l’agenzia di intelligence nazionale norvegese, secondo l’agenzia di intelligence nazionale norvegese.

“Questo tipo di attacco effettuato da qualcuno che è motivato da mezzi semplici accadrà di nuovo”, ha detto sabato in un’intervista al quotidiano norvegese Aftenposten Arne Christian Haugstoel, capo dell’antiterrorismo dell’agenzia nota con l’acronimo PST. “Penso che forzi una discussione sui rischi con cui dobbiamo convivere in una società democratica e aperta”.

Cinque persone sono state uccise e altre tre ferite nella città di Kongsberg, nel sud della Norvegia, il 13 ottobre quando il sospetto Espen Andersen Bratten, un cittadino danese di 37 anni, ha attaccato le sue vittime con arco e frecce non identificati e armi da taglio.

Quanto catastrofico sarebbe il risultato in questi casi in futuro dipende più dal tempo di risposta della polizia che dal grado in cui l’agenzia di intelligence è stata in grado di prevederlo, ha detto Haugstoel ad Aftenposten. Ha aggiunto che “non si può essere certi di poter fermare” l’attacco in anticipo.

Nel 2017, PST ha riferito alla polizia norvegese che Andersen Braathen, che era nel radar dell’agenzia, aveva rilasciato un video minaccioso.

“Purtroppo, ci sono molte persone che rilasciano dichiarazioni di odio e minacce”, ha detto Haugstoel ad Aftenposten. “Ogni settimana riceviamo informazioni su un numero incredibile di video, commenti, foto e post più duri ed estremi di questo video”.

Era titubante quando Aftenposten gli ha chiesto se PST potesse fare qualcosa di diverso per prevenire l’attacco di Kongsberg e ha detto che avrebbe aspettato i risultati di un’indagine indipendente in corso sui ritardi della polizia nell’arresto di Andersen Braathen tra le critiche secondo cui la risposta era troppo lenta.

READ  Due ex leader di Hong Kong hanno fatto trapelare i documenti di Pandora | notizie di politica

Andersen Brathen si è dichiarato colpevole degli omicidi ed è stato inizialmente accusato di cinque omicidi. La valutazione della polizia norvegese è che l’apparente malattia mentale del sospettato fosse la probabile causa dell’attacco, mentre la dichiarazione di Andersen Brathen secondo cui si era convertito all’Islam è diventata una linea di indagine meno importante.

La polizia ha detto lunedì che le vittime della furia potrebbero essere state accoltellate a morte dopo che Andersen ha usato per la prima volta le frecce per ferirle.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x