Iran e Italia considerano il rafforzamento dei legami economici – Notizie politiche

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif, durante la sua permanenza a Roma, seconda tappa di un tour europeo, lunedì ha tenuto un incontro con il suo omologo italiano Luigi Di Maio.

Il massimo diplomatico iraniano ha sottolineato la necessità di rimuovere gli ostacoli alla cooperazione economica tra i due paesi e aprire la strada alla ripresa dell’interazione tra i settori economici.

Zarif ha elogiato la stretta cooperazione politica, economica e culturale tra Teheran e Roma, visti i 160 anni di storia di relazioni bilaterali, e Zarif ha affermato che il settore privato e le piccole e medie imprese dei due paesi hanno un grande potenziale per interagire con l’Iran. opinione pubblica. Ha una visione positiva della collaborazione con gli italiani.

D’altra parte, Zarif ha fatto riferimento all’incontro di emergenza tenuto domenica dall’Organizzazione per la cooperazione islamica sulla Palestina, condannando le azioni razziste e provocatorie del regime israeliano contro il popolo palestinese e rinnovando l’appello iraniano per un referendum in Palestina che include tutti i palestinesi.

Da parte sua, Di Maio ha espresso la volontà dell’Italia di espandere le relazioni economiche, politiche e culturali con l’Iran.

Ha inoltre espresso il sostegno dell’Italia o la piena attuazione dell’accordo nucleare del 2015, chiedendo consultazioni e scambi di opinioni con l’Iran su questioni regionali e internazionali.

I due alti diplomatici hanno discusso gli accordi del Golfo Arabo e la cooperazione tra i paesi della regione, la situazione in Yemen, Afghanistan e Iraq, oltre agli ultimi sviluppi relativi ai colloqui di Vienna per rilanciare il piano d’azione globale congiunto.

Zarif ha visitato l’Italia dopo un viaggio in Spagna.

READ  Last Day for Christmas Cashback: ecco come sono cambiate le regole da gennaio

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x