― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldIsraele e Hamas: sabato chiuso il valico di Rafah, secondo quanto confermano...

Israele e Hamas: sabato chiuso il valico di Rafah, secondo quanto confermano i federali

Funzionari del governo federale hanno confermato che sabato il valico di frontiera di Rafah tra Gaza e l’Egitto è stato chiuso, poiché centinaia di canadesi e le loro famiglie cercavano di lasciare i territori palestinesi assediati.

Un portavoce della Jolie ha confermato a CTV News che sabato il valico di frontiera di Rafah non è stato aperto ai cittadini stranieri o con doppia cittadinanza.

“Il valico di frontiera di Rafah da Gaza all’Egitto è stato chiuso tutto il giorno sabato”, ha detto in seguito a CTV News Jean-Pierre Godbout, portavoce del Dipartimento canadese per gli affari globali.

L’ultimo sviluppo arriva dopo che Global Affairs Canada ha inviato venerdì un’e-mail ai canadesi nei territori palestinesi affermando che “più di 400 cittadini canadesi, residenti permanenti e familiari aventi diritto potranno lasciare Gaza attraverso il valico di frontiera di Rafah nei prossimi giorni, e forse ad un certo punto.” Domenica prima.”

L’aggiornamento di sabato pomeriggio di Global Affairs Canada non includeva dettagli sulla chiusura del valico di frontiera di Rafah.

Tuttavia, l’aggiornamento afferma che Global Affairs è ora a conoscenza di notizie secondo cui due canadesi hanno attraversato il valico di Rafah con una terza persona. Mercoledì il ministero ha confermato la traversata di un canadese.

Global Affairs aveva precedentemente affermato di aver fornito ai suoi partner regionali un elenco di circa 450 cittadini canadesi aventi diritto, residenti permanenti e loro familiari che desiderano lasciare Gaza.

Wael Abu Omar, portavoce della Palestine Crossings Authority, ha affermato che le autorità di Gaza non consentono ai titolari di passaporti stranieri di partire perché Israele impedisce ai pazienti palestinesi di recarsi in Egitto per ricevere cure.

READ  Il più grande terremoto della storia è stato identificato in Cile

Venerdì, un alto funzionario americano dell’amministrazione Biden ha accusato Hamas di aver tentato di includere alcuni combattenti feriti nell’elenco delle persone autorizzate ad attraversare il valico di Rafah.

Il funzionario, che ha parlato con i giornalisti a Washington a condizione di anonimato secondo le regole fondamentali stabilite dalla Casa Bianca, ha detto che le autorità egiziane hanno trovato nella lista un certo numero di palestinesi feriti sospettati di essere attivisti di Hamas.

Hamas alla fine ha ritirato i nomi, ma il funzionario ha detto che questo ha rallentato gli sforzi per allontanare i cittadini stranieri e i palestinesi gravemente feriti da Gaza.

Diversi cittadini stranieri e palestinesi gravemente feriti hanno già lasciato il valico di Rafah, tra cui cittadini britannici, americani, australiani, francesi e bulgari.

Quasi 1.100 persone hanno lasciato la Striscia di Gaza da mercoledì attraverso il valico di Rafah, in base a un chiaro accordo tra Stati Uniti, Egitto, Israele e Qatar, che media con Hamas.

Un portavoce del Ministero degli Esteri del governo britannico ha espresso disappunto per la chiusura delle frontiere, chiedendo la continuazione degli aiuti umanitari e “il passaggio sicuro delle persone, compresi tutti i cittadini stranieri”.

Il portavoce ha dichiarato: “Siamo delusi dal fatto che il valico di Rafah sia stato temporaneamente chiuso oggi. Questa situazione rimane complessa e piena di sfide, e stiamo utilizzando tutti i canali diplomatici per premere per la sua riapertura in coordinamento con i nostri partner internazionali”.

Parlando sabato con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il primo ministro Justin Trudeau “ha espresso il sostegno del Canada a Israele e il suo diritto a difendersi in conformità con il diritto internazionale, di fronte ai brutali attacchi di Hamas”, in una lettura della conversazione fornita da Amnesty International. Ufficio del Primo Ministro (PMO) ha detto.

READ  Il leader della RDC esorta Macron a sostenere le sanzioni contro il Ruanda | notizie di conflitto

L’ufficio del primo ministro ha affermato che Trudeau ha discusso della necessità di proteggere i civili palestinesi e di consentire l’ingresso degli aiuti umanitari a Gaza, delle sue preoccupazioni per la “terribile crisi umanitaria”, del rischio di escalation nella regione, del crescente antisemitismo e dell’impatto dell’attacco del 7 ottobre. sugli ebrei canadesi. Il sostegno della società e del Paese alla soluzione dei due Stati.

“I due leader hanno concordato sulla necessità del rilascio immediato di tutti gli ostaggi detenuti a Gaza. I due leader hanno anche discusso gli sforzi in corso per rimuovere i cittadini stranieri da Gaza, e il Primo Ministro ha ringraziato il Primo Ministro Netanyahu per le assicurazioni di Israele che i canadesi a Gaza avrebbero essere evacuato.” “Possiamo partire nei prossimi giorni”, dice la lettura.


Con file della Canadian Press e dell’Associated Press