Italia: la statua proposta della prima donna a ricevere un dottorato solleva polemiche | Italia

Ha suscitato polemiche la proposta di inserire una statua della prima donna al mondo a ricevere un dottorato tra 78 dedicati a figure maschili di spicco in una piazza di spicco del nord Italia.

Elena Lucrezia Cornaro Pescopia conseguì la laurea in Filosofia presso l’Università di Padova nel 1678. Ma non fu inclusa quando i funzionari padovani idearono un progetto alla fine del XVIII secolo per erigere statue a Prato della Valle – le più grandi d’Italia – dedicate a personaggi storici di rilievo che provenivano dalla città o avevano collegamenti con essa.

In origine c’erano 88 statue che adornavano 90 metri2 Una piazza di forma ovale, tutta in onore di uomini, tra cui lo studioso italiano Galileo Galilei, lo scultore Antonio Canova e diversi papi. Ma 10 statue di cani veneziani furono distrutte dall’esercito di Napoleone dopo l’invasione della Repubblica di Venezia. Otto furono successivamente sostituiti da obelischi, mentre due dei pilastri rimasero vuoti.

Sebbene all’Università di Padova esista già una statua in onore di Biskobia, due rettori locali, Simone Peltieri e Margherita Colonello, hanno suggerito di celebrarla con un’altra su uno dei piedistalli vuoti di Prato della Valle. “Potrebbe non essere noto che le figure a cui erano dedicate le statue di pietra fossero tutte, senza eccezione, uomini”, ha scritto la coppia in una mozione al consiglio comunale.

La proposta è arrivata dopo che Mi Riconosci, un’associazione di professionisti che lavorano nel settore dei beni culturali, ha condotto un censimento di tutte le statue di personaggi italiani erette negli spazi pubblici in tutto il paese e ha scoperto che solo 148 sono per le donne.

READ  Un giudice italiano esclude il processo a un capitano di una nave migrante tedesca

Federica Arcoracci, storica dell’arte di Mi Riconosci, ha affermato che la formazione per soli uomini di Prato della Valle “ha avuto un impatto sulle nostre vite e sul nostro immaginario collettivo”. Ha detto: “La legge Prato della Value del 1776 ha vietato le statue di santi, persone viventi e persone senza legami con la città, ma non ha mai proibito le rappresentazioni di donne.

“Ovviamente questo è stato il risultato di una certa tendenza storica. Ma oggi è possibile realizzare un progetto legato alla storia dell’intera piazza”.

Tuttavia, la proposta ha immediatamente suscitato polemiche, con i critici che hanno sostenuto che collocare la statua di Piskobia nella piazza sarebbe “fuori contesto” rispetto alla sua storia. Carlo Fumian, professore di storia all’Università di Padova, ha detto che l’idea “stravagante e grottesca” è “un po’ alla moda, ma culturalmente incoerente”.

“Spostare i punti di riferimento come se fossero un Lego è un gioco pericoloso e poco intelligente”, ha detto al quotidiano locale Il Mattino di Padova. “Invece, dovremmo aiutare le persone a scoprire l’origine [statue], seduto trionfante nell’università.”

Lo storico dell’arte David Tramarin ha affermato che i due piedistalli dovrebbero rimanere vuoti perché sono il simbolo della distruzione storica da parte delle forze di Napoleone.

Fabrizio Magani, soprintendente ai beni culturali di Padova, è aperto all’idea, ma ha suggerito di celebrare in piazza una figura femminile della storia recente.

“È spaventoso che il solo suggerimento di acquisire una statua che rappresenta una figura così importante in città abbia causato tali polemiche”, ha affermato Leonardo Besson, giornalista con sede a Padova. “Ma sorprendentemente, Piscopia non è in giro mentre ci sono altri personaggi maschili meno importanti”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x