Jan van Eyck dipinse uno dei più grandi ritratti della visione estatica di San Francesco d’Assisi

Tutti noi abbiamo delle fantasie, ma è raro che abbiamo una vera “visione”, come quella che si dice abbia avuto Francesco d’Assisi durante un digiuno di 40 giorni sulla montagna della Verna in Toscana. Così raro che quando si verificano tali esperienze, portano con sé, come scrisse William James, “un tremendo senso di potere interiore e illuminazione”.

Allo stesso tempo, è molto difficile da condividere. Ed è ancora difficile connettersi con le nostre vite normali, con cui tendono a lottare.

L’arte della pittura è stata a lungo – e può essere ancora – un modo per mettere in relazione l’esperienza profonda con la vita quotidiana, preservando così il potere delle visioni, dell’ignoto e forse anche della morte.

Questo è incredibile piatto molto piccolo – Misura circa 27 pollici quadrati – L’incomparabile Jan van Eyck (c. 1395-1441) raffigura una visione vissuta da Francesco all’inizio del XIII secolo, verso la fine della sua vita. Francesco vide un uomo con sei ali apposte su una croce. Il suo biografo ha scritto: “Era assolutamente sbalordito”. Tommaso da Silano. “Non riusciva a capire cosa potesse significare questa visione.”

Il significato della visione è diventato più chiaro quando sono comparse ferite, o cicatrici, sulle parti del corpo di Francesco (i piedi e le mani) dove Gesù fu inchiodato alla croce. Quindi il ‘senso’ è sull’amore (le ferite erano un segno della sua profonda identificazione con Gesù) e intensamente (un segno della piena assimilazione da parte di Francesco dell’apocalisse).

Ma è facile confondere queste due cose!

Van Eyck ha disegnato questa versione della visione di Francis sullo schermo Nel Philadelphia Museum of Art, oltre a una copia circa cinque volte più grande, trovata a Torino, in Italia, intorno al 1430-1432. Per molto tempo, gli studiosi hanno differito su quanto di ciascuna delle opere dipinse Van Eyck e su quanto altri dipingessero nel suo studio. Ma l’evidenza che entrambi fossero solo di Van Eyck sembra piuttosto forte.

READ  Claudia Schiffer sull'organizzazione di una mostra fotografica degli anni '90 - e che vita era davvero una modella

La prima cosa che registri è il livello di dettaglio su una scala molto piccola. Nota le montagne innevate, il fiume serpeggiante, le verdi pianure e la città lontana che è allo stesso tempo fiamminga e, in alcuni dettagli, basata su Gerusalemme. C’è una barca. Ci sono tante piccole persone. La città si riflette nell’acqua. Tra le piante ci sono palme nane, fiori bianchi, una varietà di arbusti, alberi ed erbe. Gli uccelli si appollaiano su massi rocciosi, mentre altri vagano intorno a un albero. Gli scienziati hanno identificato rocce calcaree, vulcaniche e sedimentarie. A volte puoi vedere molluschi fossili.

La versatilità di questo display a specchio è sorprendente. La capacità di Van Eyck di utilizzare pigmenti, oli e vetro per simulare il modo in cui la luce si riflette sugli oggetti era senza precedenti e potrebbe non essere mai stata superata.

Quello che mi colpisce è la presenza enfatica di Fratello Liu, accucciato sotto il cappuccio del monaco. Leo era con Frances quando è avvenuta la visione, ma di solito è ritratto come più giovane (perché è meno importante). Van Eyck lo dipinge delle stesse dimensioni e nello stesso spazio di Francis, il che rende significativo il fatto che sia addormentato. Nota come il peso della testa di Fratello Liu sulla sua mano fa raggrinzire la pelle intorno agli occhi. Ovviamente, van Eyck vuole che pensiamo a lui.

Ci ricorda che quando alcuni di noi hanno visioni che cambiano la vita, altri, anche i nostri compagni più fedeli, possono essere ignari? O il punto è piuttosto legato al fatto che mentre Leo dorme, potrebbe anche sognare, cioè mettere alla prova la propria vista?

READ  La principale ballerina italiana, Carla Fracci, muore all'età di 84 anni

Uno dei grandi contributi di Van Eyck è stato l’incorporazione delle immagini della religione nella vita quotidiana. William James definì la religione non in termini sociali o istituzionali, ma come “sentimenti, azioni ed esperienze”. [people] nella loro solitudine [standing in] in relazione a tutto ciò che possono considerare divino». In altre parole, persone come san Francesco.

James si rese conto che l’esperienza religiosa aveva a che fare con il “mistero della resa di sé”. Uno degli aspetti più sicuri della vita quotidiana è l’enigma notturno della nostra resa al sonno e ai sogni. Come possiamo distinguere tra sogni quotidiani, malattie mentali e visioni religiose? È solo con prove, come le stimmate?

Ma queste cose non accadono tutti i giorni. Allora cosa ci resta da fare? Quanto peso dovremmo dare alle visioni se le abbiamo? Dovremmo cambiare le nostre vite in modo che corrispondano ai nostri sogni? O dovremmo restare aggrappati alla solida base del mondo materiale, fossili, fiori e tutto il resto?

Grandi opere al microscopio

Una serie che presenta le opere preferite del critico d’arte Sebastian Sme in collezioni permanenti negli Stati Uniti. “Sono cose che mi commuovono. Parte del divertimento è cercare di capire perché.”

Modifica le foto e cerca per mele Kelsey. Design e sviluppo Giovanni Alcantara.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x