Jenny Thomas ha inviato un’e-mail ai legislatori del Wisconsin, chiedendo loro di aiutare a ribaltare le elezioni del 2020 e “lottare contro la frode”

Almeno due legislatori statali del Wisconsin hanno ricevuto quelle che sembrano essere e-mail pre-generate da Jenny Thomas, un’attivista conservatrice, che rifletteva lettere che ha anche inviato a 29 legislatori dell’Arizona incoraggiandoli a interferire con le liste elettorali presidenziali dello stato.

Le lettere di Jenny Thomas alla senatrice del Wisconsin Cathy Bernier, allora presidente della commissione elettorale del Senato, e al rappresentante Gary Tauchin esortavano i legislatori a “combattere la frode” e ad esercitare il loro presunto potere costituzionale di scegliere unilateralmente “pulito”. Elenco degli elettori presidenziali.

Il testo di queste e-mail, ottenuto dal gruppo di monitoraggio e riportato per la prima volta dal Washington Post, è quasi identico ai messaggi inviati da Thomas ai legislatori statali in Arizona lo stesso giorno – 9 novembre 2020.

Il Post in precedenza aveva riferito che un’altra serie di lettere di Thomas – rivolte a 22 membri della Camera dei rappresentanti dell’Arizona e a un senatore dello stato – era uscita il 13 dicembre, il giorno prima che i rappresentanti delle camere statali di tutto il paese si incontrassero per votare a favore della ratifica. loro liste elettorali. In questa e-mail, Thomas ha affermato che le elezioni del 2020 sono state minacciate da una frode senza precedenti e l’ha esortata a scegliere gli elettori tenendo presente questo.

Quelle lettere chiedevano ai legislatori, prima di selezionare gli elettori, “di pensare a cosa accadrebbe alla nazione che tutti amiamo se non ti alzi e guida”.

Il sostegno di Jenny Thomas agli sforzi per invertire la sconfitta elettorale dell’ex presidente Donald Trump è stato esaminato a causa del coinvolgimento di suo marito in un caso davanti alla Corte Suprema riguardante l’indagine della Camera il 6 gennaio.

READ  Il Parlamento della Repubblica Democratica del Congo vota per l'impeachment del Primo Ministro Elonga | Notizie dalla Repubblica Democratica del Congo

I giudici decidono da soli se i casi costituiscono una controversia che richiede loro di farsi da parte. Il giudice Thomas ha rifiutato di commentare questa questione in passato.

Il giudice Thomas è stato l’unico giudice a opporsi pubblicamente alla decisione di gennaio della Corte Suprema di non bloccare un’ordinanza del tribunale che ha dato il via libera al rilascio dei documenti di Trump alla Casa Bianca davanti agli investigatori della Casa Bianca.

Da allora la CNN ha riferito Che sua moglie abbia scambiato messaggi di testo con il capo dello staff della Casa Bianca di Trump, Mark Meadows nel 2020, esortandolo a continuare a lottare per annullare la vittoria di Biden. (Questi testi sono stati presentati volontariamente al comitato ristretto della Camera da Meadows.)

Jenny Thomas ha criticato pubblicamente l’inchiesta della Camera il 6 gennaio, invitando i leader repubblicani della Camera a dimettersi dalla loro convenzione repubblicana facendo parte del comitato ristretto.

Ha partecipato alla manifestazione che ha portato all’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti, ha detto in un’intervista a The Washington Free Beacon, dove ha sottolineato che la sua carriera e quella di suo marito erano separate. Ha anche detto di aver lasciato la manifestazione prima che i manifestanti diventassero violenti.

Lo hanno affermato i membri del Comitato del 6 gennaio alla Camera dei rappresentanti Voglio ancora parlare con Jenny Thomas come parte della loro indagine. Uno dei suoi avvocati ha detto in a Lettera di giugno al Comitato Ristretto della Camera Egli “non crede che attualmente ci siano basi sufficienti per parlare con” l’attivista conservatore.
READ  La Russia dice che non può aiutare a riparare le turbine a gas di Nord Stream

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x