Jim Downing, un atleta che non dovremmo mai dimenticare

ATLANTA (AFP) – Ci sono campioni dello sport che si rompono la lingua.

Michele Giordano. Babe Ruth. Legno di tigre. Tom Brady.

Poi ci sono quelli che non sono del tutto chiari, nonostante la loro enorme influenza.

Sotto un cavalcavia sopraelevato su un’autostrada nel nord-est di Atlanta, si trova un anonimo magazzino di mattoni.

Qui è dove troverai Jim Downing, l’uomo che ha contribuito a salvare la corsa automobilistica.

Pilota di auto sportive di lunga data, è stanco della morte di molti suoi amici e rivali in pista. A questo proposito, Downing rimase sgomento per il suo violento incidente sulla pista Mossport su strada in Canada nel 1979.

“Sono stato fortunato”, ha ammesso Downing.

Quindi, ha studiato la questione, proprio come ci si aspetterebbe dal suo aspetto occhialuto, come il professore. Ha scoperto che molte delle morti sono state causate da fratture basilari del cranio: la testa stava battendo violentemente in avanti in un relitto ad alto impatto, mentre il resto del corpo era attaccato al sedile da imbracature e imbracature.

In uno sviluppo fortunato, il cognato di Downing, Bob Hubbard, insegnava ingegneria biomeccanica alla Michigan State University, lavorava con la General Motors e aveva anche un vivo interesse per le corse.

Downing portò le sue idee a Hubbard, che ideò uno strano e semplice dispositivo a forma di U che si avvolge intorno al collo e si attacca al casco, mantenendo la testa stabile in caso di incidenti ad alta velocità.

Lo chiamavano un dispositivo di supporto per la testa e il collo.

Hans, in breve.

Dalla sua introduzione diffusa due decenni fa, ha suscitato La scioccante morte del sette volte campione NASCAR Dale Earnhardt Nell’ultimo giro della Daytona 500 del 2001, l’HANS è diventato un equipaggiamento di sicurezza standard in quasi tutte le forme di corsa.

“Sento che è cambiato nelle gare di tutto il mondo”, afferma Chase Elliott, campione della NASCAR Cup.

In effetti, HANS è stato in prima linea in un’era impressionante di maggiore sicurezza in tutte le forme di corsa, insieme a pareti morbide, sedili più protettivi e hardware simile a un alone che protegge i conducenti della cabina di pilotaggio aperta dai proiettili volanti.

READ  Nomina di "Caro Evan Hansen" come apripista - Scadenza

Earnhardt è stato l’ultimo pilota in una delle migliori serie NASCAR a morire in un incidente. La Formula 1 ha perso solo un pilota negli ultimi 27 anni (Jules Bianchi, in un bizzarro incidente quando la sua auto è scivolata fuori da una pista bagnata dalla pioggia e ha colpito un trattore che ha raccolto un’altra macchina distrutta). Quattro conducenti IndyCar sono morti negli ultimi due decenni, ma il numero sarebbe stato più alto senza HANS e altri miglioramenti alla sicurezza.

All’età di 79 anni, Downing corre ancora di tanto in tanto e trascorre il resto del suo tempo a lavorare su un’impressionante collezione di macchine ad alta potenza in un negozio che funge anche da vero museo, mostrando di tutto, da una futuristica Lotus degli anni ’50 all’insegna originale che spiccava su Atlanta Strada dopo la sua apertura negli anni ’70.

“Di solito lavoro sei giorni alla settimana”, ha detto Downing, emergendo dall’officina ancora una cacofonia di foratura, levigatura e saldatura. “Siamo più occupati di quanto non lo siamo mai stati.”

Ma ogni volta che guarda la gara, Downing si ritrova ancora a considerare incidenti che sarebbero stati molto peggiori senza HANS.

“Diciamo tutti: ‘Oh, è un incidente di Hans’, ha detto.” “Se qualcuno colpisce completamente lateralmente, il sistema HANS non si applica molto”, ha detto. Ma qualsiasi cosa che vada avanti di 30-40 gradi a sinistra oa destra è un incidente HANS. Quindi prestiamo attenzione a quelli”.

Così fanno molti altri. Prima che Downing e Hubbard trovassero un modo per ridurre il numero dei morti, l’esistenza stessa delle corse automobilistiche era messa in discussione

Nella sola NASCAR, quattro piloti nelle prime tre serie sono stati uccisi in un periodo straziante di nove mesi che copre il 2000 e l’inizio del 2001, culminando con la morte della più grande star dello sport nella sua più grande gara.

READ  Partita Inghilterra-Italia: tornerai a casa o andrai a Roma per la finale di Euro 2020?

Earnhardt e gli altri – Adam Petty, Kenny Irwin Jr. e Tony Roper – sono morti per fratture basilari del cranio.

In uno sviluppo particolarmente tragico, Downing e Hubbard hanno praticamente sviluppato l’HANS a metà degli anni ’80, ma erano così in anticipo sui tempi che la maggior parte dei concorrenti si è fatta beffe del solo suggerimento di indossare un dispositivo dall’aspetto così strano.

A nessuno importava”, dice Downing con una risatina, aggiungendo un assaggio di quello che stava facendo in quel momento. “Ho sentito tutti gli argomenti del mondo sul perché ‘non voglio indossarne uno’. È quasi come le vaccinazioni. Ci sono così tante altre cose senza senso al mondo che ti stupisce”.

La resistenza iniziò a scemare dopo l’uccisione di Ayrton Senna, la più grande stella della Formula 1, e di un altro pilota, Roland Ratzenberger, lo stesso fine settimana del Gran Premio di San Marino del 1994.

IndyCar si è interessata dopo che l’astro nascente Gonzalo Rodriguez è morto per una frattura al cranio quando ha colpito un muro a Laguna Seca nel 1999. Michael Andretti ha aiutato con molte audizioni.

Ma non c’era fretta di abbracciare la macchina, specialmente in NASCAR, la serie di corse più popolare negli Stati Uniti.

“Abbiamo iniziato a metterli in vendita nel 1991”, ha detto Downing, “nei prossimi 10 anni ne abbiamo venduti 250, il che significa che abbiamo perso soldi su ognuno di essi”. “Ma noi credevamo in lui.”

Allora Earnhardt Ucciso, ucciso.

E tutto è cambiato.

“Questo, all’improvviso, ci ha messo al lavoro”, ha detto Downing. “La settimana successiva avevo 250 ordini. E ne avevo tre sullo scaffale”.

Downing ha incrementato la produzione nella sua struttura di corse e veicoli, l’edificio che occupa ancora oggi. Ha assunto altri lavoratori e ha liberato in fretta lo spazio nel retro per allestire una catena di montaggio per produrre HANS, ma per un po’ di tempo la domanda ha superato di gran lunga la produzione.

READ  Chi sta entrando San Marino in Eurovision 2020? Incontra il tuo Sunhet

“La gente è stata arrabbiata con me per un anno perché non siamo riusciti a rifornirli abbastanza velocemente”, ha detto Downing.

C’era ancora un po’ di resistenza da parte dei conducenti che pensavano che l’HANS fosse ingombrante, scomodo e limitato il loro campo visivo. La NASCAR ha resistito per diversi mesi dopo la morte di Earnhardt prima che HANS fosse finalmente reso obbligatorio.

Anche Kevin Harvick, che ha sequestrato l’auto di Earnhardt dopo la sua morte, era riluttante a vestirsi da Hans. Inizialmente, ha usato un altro sistema testa-collo approvato da Hutchens, perché lo trovava meno restrittivo.

“In quel particolare momento, nessuno di noi voleva usare nessuno di loro”, ricorda Harvick. “Ci stavano costringendo a cambiare, grazie a Dio.”

Il dispositivo Hutchens è stato infine bloccato dalla NASCAR, che ha affermato di non fornire lo stesso livello di sicurezza di HANS.

Ora, nessuno ha un secondo pensiero di legare questo dispositivo a forma di U al collo.

“Non so se salirei su una macchina senza”, ha detto Elliott. “Questo è un must.”

Downing alla fine ha acquistato Hubbard, quindi ha venduto i diritti a HANS nel 2012 al gigante dei componenti per sport motoristici Simpson, che era in una posizione molto migliore per produrre in serie la macchina.

Hubbard è morto due anni fa e da allora il brevetto per il loro dispositivo di punta è scaduto, sebbene Downing mantenga ancora un rivenditore HANS locale che vende ai corridori dell’area di Atlanta.

Ignora qualsiasi tentativo di inondarlo di lodi per le innumerevoli vite che il suo co-creatore ha salvato.

“È solo un progresso nel corso degli anni”, ha detto con nonchalance.

No, è molto di più.

Jim Downing è un vero campione dello sport.

Lì con quei nomi che conosciamo così bene.

___

Paul Newbery è un editorialista sportivo per l’Associated Press. Scrivigli su pnewberry(at)ap.org o su https://twitter.com/pnewberry1963 e dai un’occhiata al suo lavoro su https://apnews.com/search/paulnewberry

___

Altri sport motoristici AP: https://apnews.com/apf-AutoRacing e https://twitter.com/AP_Sports

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x