Jonny Evans: il difensore dell’Irlanda del Nord non considera il ritiro dalla nazionale

luogo: Parco Windsor Data: venerdì 12 novembre Di partenza: 19:45 GMT
copertura: Ascolta su Radio Ulster. Commento di testo in diretta sul sito Web e sull’app della BBC Sport; Highlights su BBC One Northern Ireland e BBC iPlayer 23:05 GMT

Il difensore dell’Irlanda del Nord Jonny Evans ha dichiarato di non aver preso in considerazione il ritiro dal calcio internazionale.

Il difensore centrale del Leicester, 33 anni, ha collezionato 91 presenze con la nazionale dopo aver esordito contro la Spagna nel 2006.

Evans è tornato in nazionale per le qualificazioni alla finale della Coppa del Mondo contro Lituania e Italia dopo aver saltato gli ultimi tre ritiri per un infortunio al piede.

Quando gli è stato chiesto se stesse considerando il suo futuro internazionale, ha detto: “Niente affatto”.

“Sono solo felice di essere tornato in campo e di essere di nuovo disponibile perché mi è mancato [playing for Northern Ireland] Da quando sei via.

“È stato davvero frustrante, ma è sempre bello tornare a casa e giocare al Windsor. È un posto speciale in cui giocare e non vedo l’ora di farlo di nuovo”.

Evans non gioca in questa gara di qualificazione ai Mondiali dalla doppietta di apertura contro Italia e Bulgaria

Se Evans giocherà con la Lituania al Windsor Park venerdì sera, supererà Mal Donaghy per il quinto posto nella lista delle presenze di tutti i tempi dell’Irlanda del Nord. Ha detto che sarebbe stato bello raggiungere 100 presenze, ma questo non avrebbe dominato i suoi pensieri.

Quando gli è stato chiesto se raggiungere il corno del cappello lo motiva, “Sì, lo è”.

“C’è questo piccolo traguardo lì e ho perso molte partite negli ultimi 18 mesi circa, il che è stato frustrante perché sarebbe bello avvicinarsi a questo.

“Non è tutto e la fine di tutto. Voglio vincere quante più partite possibile, sì, ma voglio anche giocare partite competitive di alta qualità, dove usciamo dal campo dopo aver gareggiato bene e vinto. Questa è la cosa più importante”.

Evans ha detto che inizialmente ha subito un infortunio al piede che lo ha trattenuto per diversi mesi nella sconfitta per 2-0 dell’Irlanda del Nord in casa dell’Italia nella prima gara di qualificazione ai Mondiali a marzo.

Tuttavia, è in buona forma da quando è tornato a Leicester il mese scorso e si dice soddisfatto delle sue condizioni fisiche.

Ha continuato: “Penso di essere stato in un posto negli ultimi mesi o due in cui mi sento bene, e spero che non ci siano problemi a indugiare lì e posso affrontarlo come al solito”.

“In un certo senso, è stato bello guardare le partite dell’Irlanda del Nord da una prospettiva diversa, ed è stato un vero piacere vedere i giovani giocatori coinvolti e fare delle buone prestazioni, c’è un chiaro orgoglio nel vederlo.

“Ovviamente, però, c’è frustrazione per non giocare e per alcuni risultati – e certamente per alcune decisioni arbitrali”.

Conor Bradley
Conor Bradley ha fatto il suo debutto con il Liverpool in Coppa di Lega a settembre

I tre campi che Evans ha mancato hanno visto juniores come Conor Bradley, 18 anni, con i giovani Ethan Galbraith e Dale Taylor nella formazione attuale.

Evans, che ha debuttato a sua volta a 18 anni, ha detto che alcuni giovani giocatori potrebbero ritrovarsi a iniziare i regolari prima di quanto pensassero.

“È sempre bello vedere i loro progressi, è qualcosa che mi entusiasma. È importante per noi come migliori giocatori dare loro quel supporto e aiutarli ad ambientarsi in modo che possano davvero prosperare.

“Potrebbero non sentirsi vicini in termini di partite iniziali, ma so per esperienza personale quanto velocemente può cambiare. Quando guardo alcuni di questi giocatori più giovani, saranno le fondamenta di questa squadra per molti anni.

“Prima che sappiano che saranno i titolari e la squadra sarà costruita intorno a loro. È bello vedere che hanno un grande futuro davanti a loro e speriamo che i tifosi li vedano giocare presto.

“Ian ha già lavorato con molti di questi giovani giocatori in passato, li conosce e li conosce. Forse questo gli dà fiducia nel coinvolgerli perché sa che possono competere”.

READ  Qualificazioni alla Coppa del Mondo: l'Inghilterra è al primo posto dopo essere arrivata quarta nella classifica mondiale FIFA

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x