La Banca d’Italia taglia le previsioni di crescita per l’Italia 2022 con l’aumento dei rischi al ribasso

ROMA (Reuters) – La Banca d’Italia venerdì prevede che l’economia italiana crescerà del 3,8% quest’anno, al ribasso della previsione del 4,0% raggiunta solo un mese fa, poiché il recente aumento dei contagi da coronavirus frena le aspettative.

La banca centrale ha affermato che il prodotto interno lordo nella terza economia più grande della zona euro è probabilmente aumentato di circa lo 0,5% nel quarto trimestre dello scorso anno rispetto ai tre mesi precedenti, rallentando bruscamente dal tasso del terzo trimestre del 2,6%.

“Le prospettive di crescita sono esposte a diversi rischi, in particolare al ribasso”, ha affermato la banca centrale nelle sue prospettive trimestrali, rilevando che il deterioramento della situazione del coronavirus emergente ha danneggiato la fiducia dei consumatori.

La banca ha lasciato invariate le sue previsioni di crescita per il 2021 al 6,3%, dopo una contrazione record dell’8,9% nel 2020, e ha affermato che il prodotto interno lordo sarebbe tornato al livello pre-pandemia a metà di quest’anno.

Per quanto riguarda i prezzi, il bollettino prevede che il tasso medio di inflazione UE-COC in Italia sarà in media del 3,5% quest’anno, rallentando all’1,6% nel 2023.

La situazione occupazionale in Italia è vista solo come un miglioramento marginale. Il bollettino prevede che il tasso medio di disoccupazione scenderà dal 9,4% dello scorso anno al 9,0% nel 2022 e all’8,9% nel 2023.

(Segnalazione di Gavin Jones)

READ  Italia vs Belgio: come guardare la partita del terzo posto della Nations League

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x