La borsa dell’energia italiana prevedeva un altro calo nella fornitura giornaliera di gas russa

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha elogiato il sostegno di Bruxelles alla candidatura del suo Paese all’Unione Europea, descrivendola come un risultato “storico”.

La Commissione europea ha raccomandato di concedere all’Ucraina e alla Moldova lo status di paesi candidati all’UE, un passo che segna l’inizio di quello che potrebbe essere un lungo viaggio verso la piena integrazione nell’UE.

La raccomandazione, annunciata dalla presidente della Commissione Ursula von der Leyen il 17 giugno, sarà discussa dai leader del blocco delle 27 nazioni durante il vertice della prossima settimana a Bruxelles. L’avvio dei negoziati di adesione richiede il consenso unanime di tutti gli Stati membri.

La mossa senza precedenti dell’organismo europeo arriva mentre Kiev è impegnata in una guerra devastante contro la Russia, che il 24 febbraio ha lanciato un’invasione non provocata del suo vicino che ha ucciso decine di migliaia di persone e causato una massiccia distruzione fisica.

Sebbene l’adesione all’UE possa essere ancora molto lontana, Zelensky, nel suo discorso video notturno, ha definito la decisione un “risultato storico” e ha affermato che “ci avvicinerà sicuramente alla vittoria” sulla Russia.

“Le istituzioni ucraine rimangono resilienti anche in condizioni di guerra”, ha detto Zelensky alla fine del 17 giugno. “Le usanze democratiche ucraine non hanno ancora perso la loro forza”.

Annunciando la mossa, von der Leyen ha elogiato l’attaccamento degli ucraini ai valori europei e il loro sacrificio nella lotta contro l’invasione russa non provocata.

“Sappiamo tutti che gli ucraini sono pronti a morire per la prospettiva europea. Vogliamo che vivano con noi il sogno europeo”, ha detto von der Leyen in una conferenza stampa a Bruxelles.

READ  Sulla fusione (e non solo) dei controlli del Vecchio

Con una mossa in gran parte simbolica, Zelensky ha anche annunciato che l’Ucraina cancellerà l’ingresso senza visto per i russi a partire dal mese prossimo.

“Secondo una decisione pianificata dal gabinetto, l’Ucraina introdurrà un regime di visti per i cittadini russi dal 1 luglio 2022”, ha affermato.

A Chisinau anche la presidente moldava Maya Sandu lodato Dichiarazione della Commissione europea, che ha promesso che i residenti moldavi “lavoreranno sodo” per ottenere l’eventuale adesione all’Unione europea.

“La raccomandazione si basa sulla consapevolezza che il nostro Paese farà di più in settori chiave come la riforma della giustizia, la lotta alla corruzione, la pubblica amministrazione e i diritti umani”, ha affermato Sandow.

“Questo è un momento importante per il futuro della Repubblica di Moldova, e questa è la speranza di cui i nostri cittadini hanno bisogno”, ha detto a Telegram, aggiungendo: “Sappiamo che il processo sarà difficile, ma siamo determinati a seguire questa strada .”

La commissione ha affermato che l’altra aspirante che ha presentato domanda di adesione questa primavera, la Georgia, riceverà lo status di candidata solo dopo aver soddisfatto determinate condizioni.

“Dovrebbe ottenere lo status di candidato una volta affrontate una serie di priorità”, ha affermato la commissione in una nota.

Un uomo a Tbilisi partecipa a una manifestazione a sostegno della candidatura di Geogia per l’adesione all’Unione europea il 16 giugno.

“Per avere successo, il paese deve ora unirsi politicamente, tracciare un percorso chiaro verso le riforme strutturali e l’Unione europea, un percorso che definisca concretamente le riforme necessarie, unisca la società civile e attinga a un ampio sostegno politico”, ha affermato von der Leyen alla conferenza stampa.

In risposta all’annuncio, il Cremlino ha affermato di seguire da vicino gli sforzi dell’Ucraina per diventare membro dell’Unione europea.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che la questione “richiede la nostra massima attenzione, perché siamo tutti consapevoli dell’intensificarsi delle discussioni in Europa sulla questione del rafforzamento della componente di difesa dell’Unione europea”.

“Ci sono vari cambiamenti che osserviamo nel modo più attento”, ha detto in una teleconferenza con i giornalisti.

La decisione rivoluzionaria di Bruxelles era in gran parte attesa dopo che era stata raccomandata dai leader delle tre maggiori economie dell’Unione europea durante una visita nella capitale ucraina il 16 giugno.

Il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il primo ministro italiano Mario Draghi hanno dichiarato dopo un incontro con Zelensky di sostenere lo status di candidato “immediato” dell’Ucraina.

La visita ha portato un forte simbolismo del sostegno dell’UE a Zelensky, che ha invitato l’UE a offrire l’adesione del suo paese attraverso misure abbreviate che equivarrebbero a una “risposta forte” all’invasione russa non provocata.

Zelensky ha presentato la domanda dell’Ucraina per entrare nell’Unione Europea poco dopo l’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio, e la Moldova e la Georgia hanno seguito l’esempio subito dopo.

Con segnalazione di Ricard Josuyak di RFE/RL, Reuters, AP e AFP

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x