La campagna di BLM nella moda italiana sta mostrando i primi risultati tangibili

Mercoledì ha aperto la Milano Fashion Week una sfilata digitale di cinque stilisti italo-afroamericani, risultato tangibile di una campagna lanciata la scorsa estate dall’unico designer italiano nero nel fashion room di Milano.

Dopo alcune resistenze iniziali e un inizio lento, la designer Stella Jane attribuisce alla Camera Nazionale della Moda Italiana “molta buona volontà” nel promuovere una migliore collaborazione con cinque giovani designer, inclusi finanziamenti e partnership con fornitori italiani.

“Quando vuoi fare qualcosa, puoi farlo subito”, ha detto Jean, co-fondatore della campagna Black Lives Matter nella moda italiana. “Ho lavorato duramente per superare questa gerarchia che fa parte della mentalità di una certa parte del mondo della moda italiana”. La campagna è stata lanciata con il designer Edward Buchanan e il fondatore della Milanese Afro Fashion Week Michel Ngomo dopo che le case di moda hanno espresso solidarietà al movimento Black Lives Matters su Instagram, chiedendo loro di agire dietro i loro impegni sui social media.

Jean, che si è preso una pausa quando Giorgio Armani l’ha invitata a esibirsi nel suo teatro nel 2014, ha detto che puntare i riflettori sugli italiani di origine africana è stato importante per combattere uno dei primi ostacoli che la campagna ha dovuto affrontare: le accuse secondo cui non c’erano designer neri. In Italia.

La collaborazione con l’Italian Fashion Council continuerà a settembre, con cinque nuovi designer provenienti dalle comunità di minoranze italiane che saranno presentati durante la settimana della moda.

Jane sta anche creando un evento con designer e artigiani africani, con l’obiettivo di creare partnership tra case di moda italiane che possono apprendere metodi di produzione sostenibili in cambio di formazione nel sistema della moda globale.

READ  La nostalgia di Cecilia Capriotti per la figlia - Grande Fratello VIP

“Stai parlando di sostenibilità fino alla nausea qui, e quello che vedo non è sostenibile, credimi. Nei paesi in cui lavoro, le persone lavorano al 99% in modo sostenibile, per necessità, restrizioni o desiderio”.

Jane sta anche lavorando a un database di tecniche, tessuti, motivi artigianali africani e altri riferimenti culturali. Lo stilista italo-haitiano vede la mossa come un baluardo contro l’appropriazione culturale che non giova economicamente agli africani e un mezzo per prevenire gli sbagli razziali.

Valerie Steele, direttrice del museo Fashion Institute of Technology, ha affermato che molte delle idee di Jan potrebbero essere replicate negli Stati Uniti e altrove.

Steele, che ha alcune delle creazioni di Jean sul set, ha registrato una conversazione con il designer italiano sul Black History Month, che sarà pubblicato giovedì sul canale YouTube di FIT per evidenziare il ruolo di Jean nel cambiamento della moda italiana.

Steele ha detto che anche i designer neri sono sottorappresentati negli Stati Uniti, nonostante il ruolo che la cultura nera ha svolto nell’ispirare la moda lì.

“Quando alcuni anni fa abbiamo fatto una sfilata di stilisti neri, che era una mostra internazionale a cui ha partecipato Stella, siamo rimasti così scioccati nel renderci conto che su Vogue.com c’è qualcosa di ridicolo, come l’1% degli stilisti mostrati erano neri “, Ha detto Steele.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x