La campionessa olimpica Simone Biles si ritira dall’evento all-around di Tokyo

TOKYO – Simone Biles non difenderà il titolo olimpico.

La star della ginnastica americana si è ritirata giovedì dalla competizione a tutto tondo per concentrarsi sulla sua salute mentale.

L’American Gymnastics Association ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione che il 24enne ha scelto di non gareggiare. La decisione arriva il giorno dopo che Biles è stata eliminata dalla finale a squadre dopo un giro perché sentiva di non essere mentalmente pronta.

Jade Curry, che è arrivata nona nei playoff, prenderà il posto di Biles in tutte le cose. Curry non si è qualificata inizialmente perché era la terza americana dietro Biles e Sunissa Lee. Le regole della Federazione Internazionale di Ginnastica limitano il numero di nazioni a due atleti per evento nelle finali.

L’organizzazione ha affermato che Biles sarà valutato quotidianamente prima di decidere se partecipare a singoli eventi la prossima settimana. Biles si è qualificata per le finali su tutte e quattro le macchine, cosa che non ha nemmeno fatto durante la sua vittoria di cinque medaglie a Rio de Janeiro nel 2016.

Il 24enne è arrivato a Tokyo come volto dei giochi dopo il ritiro del nuotatore Michael Phelps e del velocista Usain Bolt. Ha superato le qualifiche di domenica nonostante un accumulo di sconti obbligatori su volte, pavimento e traversa dopo un tuffo traballante.

READ  La Polonia dichiara lo stato di emergenza al confine bielorusso

Lunedì ha pubblicato sui social media che sentiva il peso del mondo sulle sue spalle. Il peso è diventato troppo pesante dopo aver saltato durante le finali a squadre. Si è persa in aria e ha completato 1 giro e mezzo invece di 2 giri e mezzo. Si è consultata con il medico della squadra statunitense Marcia Faustin prima di uscire dal campo di gioco.

Quando è tornata, ha allentato il pugno, ha abbracciato le sue compagne di squadra Sunisa Lee, Grace McCallum e Jordan Chiles e si è trasformata nella cheerleader della squadra mentre gli Stati Uniti hanno vinto la medaglia d’argento dietro il Comitato Olimpico Russo.

“Non appena sono uscito qui (per gareggiare), ho pensato: ‘Non c’è mentalità, non c’è, quindi devo solo lasciare che le ragazze lo facciano e concentrarmi su me stesso'”, ha detto Biles dopo la cerimonia di premiazione .

Questa decisione spalanca la porta a tutti, un titolo che per molto tempo è stato considerato una conseguenza imposta. La brasiliana Rebecca Andrade è arrivata seconda dopo Biles durante le qualifiche, seguita da Lee, dalla russa Angelina Melnikova e Vladislava Urazova. I quattro erano separati da tre decimi di punto domenica.

Curry ora si ritrova in finale, culminando in una fantastica cavalcata per la 21enne di Phoenix. Ha trascorso due anni in giro per il mondo cercando di accumulare abbastanza punti nel circuito della Coppa del Mondo per guadagnare lo status di nomination individuale, il che significa che sarà alle Olimpiadi ma tecnicamente non farà parte della squadra statunitense di quattro donne.

Curry ha segnato il suo secondo miglior punteggio di salto e il terzo miglior punteggio sul pavimento durante i playoff, guadagnando viaggi verso le finali dell’evento nel processo. Ora si ritrova a lottare per una medaglia a tutto tondo mentre sostituisce l’atleta considerato il più grande di tutti i tempi in questo sport.

READ  Covid oggi nel mondo, nuovi contagi record negli Stati Uniti, Germania e Regno Unito - stranieri

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x