La Casa Bianca afferma che i leader del G7 appoggeranno una proposta di imposta sulle società globale minima del 15%

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden cammina con il primo ministro italiano Mario Draghi, il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen dopo aver scattato una foto della famiglia del G-7 con gli ospiti al vertice del G-7, a Carbis Bay, in Cornovaglia, Gran Bretagna 11 giugno 2021. Patrick Simansky/Paul via Reuters

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha dichiarato su Twitter venerdì che i leader del Gruppo dei Sette riuniti in Gran Bretagna appoggeranno la proposta del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per una tassa minima globale di almeno il 15% sulle imprese.

Il Tesoro degli Stati Uniti a maggio ha proposto un’imposta sulle società minima globale di almeno il 15% per cercare di porre fine alla spirale discendente delle aliquote dell’imposta sulle società.

“L’America sta radunando il mondo per convincere le grandi multinazionali a pagare la loro giusta quota in modo da poter investire nella nostra classe media a casa”, ha scritto Sullivan su Twitter.

Sostenendo la mossa, le principali economie mirano a dissuadere le multinazionali dal trasferire i profitti – e le entrate fiscali – verso paesi a bassa tassazione, indipendentemente da dove si trovino le loro vendite.

Le attuali regole fiscali globali risalgono agli anni ’20 e affrontano giganti tecnologici multinazionali che vendono servizi a distanza e attribuiscono gran parte dei loro profitti alla proprietà intellettuale situata in giurisdizioni a bassa tassazione.

Giganti tecnologici statunitensi come Facebook (FB.O) e Amazon (AMZN.O) potrebbero trarre vantaggio dall’accordo per creare un’aliquota fiscale minima globale del 15% sulle imprese se l’accordo finale elimina anche le tasse sempre più comuni sui servizi digitali, secondo lobbisti del settore… https://reut.rs/359z1u1

READ  L'Italia ratifica l'accordo di zona economica esclusiva con la Grecia

La decisione era attesa dopo che i funzionari finanziari del G7 hanno sostenuto un’aliquota fiscale di almeno il 15% durante una riunione del 5 giugno. Il Tesoro degli Stati Uniti ha affermato che l’approvazione del G7 fornirà impulso per far avanzare i negoziati verso un più ampio incontro finanziario del G20 a luglio in Italia. Leggi di più

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen e le sue controparti di Germania, Indonesia, Messico e Sudafrica hanno approvato la mossa in un articolo pubblicato dal Washington Post mercoledì.

Hanno detto di essere fiduciosi che l’aliquota fiscale minima globale potrebbe alla fine essere spinta oltre il 15%, citando “l’ambizione delle discussioni finora”.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x