La chiusura di Stadia di Google ha completamente chiuso gli sviluppatori di Stadia

Sebbene sia un ottimo (e necessario) passo che Google ha scelto di fare Rimborso Tutti gli acquisti hardware e software dei giocatori effettuati tramite Google Stadia prima della chiusura del servizio di cloud gaming, una cosa a cui apparentemente non hanno pensato era il suo impatto sugli sviluppatori che, fino a questo punto, stanno ancora realizzando giochi per la piattaforma.

Google non sembrava dire nulla sulla chiusura in sospeso di Stadia di nessuno sviluppatore, probabilmente per evitare perdite, ma questo ha messo nei guai molti sviluppatori, grandi e piccoli.

Il gruppo principale interessato da questo è un grande gruppo di sviluppatori indipendenti che non hanno davvero le risorse per sviluppare piattaforme aggiuntive che improvvisamente non esistono più. Questo è stato un sacco di tempo, fatica e denaro che sarebbero stati risparmiati se avessero saputo che sarebbe successo.

Altri devono ancora soldi da Google e ora si chiedono se saranno risarciti:

Poi, ci sono gli sviluppatori più grandi. Il produttore di Destiny Bungie, che è stato recentemente acquisito da Sony, sta utilizzando Stadia per aiutare a sviluppare lavori su larga scala da casa nel gioco e, sebbene l’annuncio conclusivo di Stadia sembri indicare che potrebbero ancora lavorare con i partner sugli usi della tecnologia, non lo è chiaro quando potrebbero. Sta prendendo forma e quali piani immediati potrebbero dover essere modificati a causa della chiusura in sospeso. E c’è la stessa base di giocatori, con 5.000 giocatori di Destiny che giocano ogni giorno su Stadia, che un tempo era il gioco premium del servizio.

C’è anche Ubisoft, che non ha mai incontrato una piattaforma che non gli è piaciuta e ha scaricato un’enorme quantità di risorse per supportare Stadia nel corso degli anni. Non sembrano nemmeno essere avvisati di questo, tuttavia, dicendo ad Axios solo i loro giochi Stadia, “Avremo più dettagli da condividere sui nostri giochi su Stadia in un secondo momento”. Quindi, in pratica, niente. Hanno avuto il tempo di scoprire… nulla sul catalogo Stadia al momento

L’altra parte fastidiosa di questo è che solo un paio di mesi fa, Google stava negando le notizie sull’imminente scomparsa di Stadia.

Certo, il Sig. Google Stadia Social Media Manager potrebbe non essere stato a conoscenza di queste informazioni in quel momento, ma riflette un modello più ampio di Google che mantiene la massima fiducia in Google Stadia e, nonostante il ridimensionamento e la chiusura degli sviluppi proprietari, ha sempre insistito funzionerebbe sul soldato. Fino a un giorno, questo non era vero e tutti questi sviluppatori hanno dovuto scoprirlo dall’articolo di Breaking News di The Verge su Twitter.

Google ha affermato di voler continuare a utilizzare la tecnologia di streaming di Stadia in altri modi, ma per ora è un po’ disordinato. È solo una buona notizia per i consumatori, che recuperano tutti i loro soldi, ma gli sviluppatori? Questa è un’altra storia.

Seguimi su TwitterE il YoutubeE il Facebook E il Instagram. Iscriviti alla nostra newsletter settimanale gratuita sui contenuti, rotoli di Dio.

Prendi i miei romanzi di fantascienza Serie Herokiller E il Trilogia terrestre.

READ  Il miglior eroe della chitarra del mondo stava già barando

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x