La Cina invia 28 aerei da combattimento a Taiwan

Un caccia cinese PLA J-16 sta volando in un luogo sconosciuto.

Associated Press

Il ministero della Difesa dell’isola ha dichiarato che martedì la Cina ha diretto 28 aerei da combattimento verso l’isola autonoma di Taiwan, la più grande dimostrazione di forza da quando Pechino ha iniziato a inviare aerei quasi quotidianamente lo scorso anno.

Il ministero della Difesa nazionale ha affermato che l’aeronautica di Taiwan ha schierato le sue forze di pattugliamento aereo da combattimento in risposta e ha monitorato la situazione nella parte sud-occidentale della zona di identificazione della difesa aerea dell’isola con i suoi sistemi di difesa aerea.

Il ministero ha affermato che gli aerei includevano vari tipi di aerei da combattimento tra cui 14 J-16 e sei J-11, oltre a bombardieri.

La storia continua sotto l’annuncio

La dimostrazione di forza della Cina arriva dopo che i leader del Gruppo dei Sette paesi industrializzati hanno rilasciato una dichiarazione domenica scorsa chiedendo una soluzione pacifica ai problemi nello Stretto di Taiwan e sottolineando l’importanza della pace e della stabilità.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha dichiarato martedì che il G7 sta “interferendo deliberatamente negli affari interni della Cina”.

“La determinazione della Cina a salvaguardare la sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo è incrollabile”, ha affermato.

Taiwan e la Cina furono divise durante la guerra civile del 1949, ma la Cina continua a rivendicare Taiwan come parte del suo territorio. Taiwan è rimasta autonoma da allora.

Dall’elezione del presidente Tsai Ing-wen nel 2016, la Cina ha aumentato la sua pressione diplomatica e militare sul governo a causa del suo rifiuto di aderire all’insistenza della Cina sul fatto che l’isola sia considerata parte del territorio cinese.

READ  È stato arrestato e incarcerato per 4 mesi

La stragrande maggioranza dei taiwanesi rifiuta l’idea di unione politica con la Cina nell’ambito del quadro “un paese, due sistemi” utilizzato a Hong Kong.

Dall’anno scorso, la Cina ha pilotato aerei da combattimento verso l’isola quasi quotidianamente in quella che descrive come prova della sua serietà nel difendere la propria sovranità nazionale.

La storia continua sotto l’annuncio

In precedenza, la più grande esercitazione di questo tipo era a marzo, quando la Cina ha inviato 25 caccia da combattimento verso Taiwan.

Le nostre newsletter sugli aggiornamenti mattutini e serali sono state scritte dagli editori di Globe, fornendo un riassunto conciso dei principali titoli della giornata. Registrati oggi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x