La clonazione vocale basata sull’intelligenza artificiale di avvio dà voce al chatbot di Einstein – TechCrunch

Avrai bisogno di pungerti le orecchie per questa fetta di deepfake che emerge dallo strano mondo dei media composti: una copia digitale di Albert Einstein – con Suono composito È (ri) creato con tecnologia di riproduzione vocale di intelligenza artificiale basata sulle registrazioni audio della voce reale del famoso scienziato.

La start-up dietro il fonema profondo di Einstein è Afortmic (Di cui abbiamo parlato sui suoi semi per febbraio.)

Considerando che il motore video che alimenta i componenti di personificazione 3D in questa versione “umana digitale” di Einstein è il lavoro di un’altra società di media compositi – UneeQ – che ospita la versione del chatbot interattivo. Sul suo sito web.

Alforithmic afferma che “digital Einstein” ha lo scopo di mostrare ciò che sarà presto possibile attraverso il commercio sociale conversazionale. Ed è un ottimo modo per dire che i passi falsi profondi fanno sì che i personaggi storici probabilmente cercheranno di venderti la pizza presto, come hanno fatto gli osservatori del settore. Sinceramente avvertito.

La startup afferma anche di vedere il potenziale educativo nel portare personaggi famosi scomparsi da tempo nella “vita” interattiva.

O, beh, un’approssimazione artificiale ad esso – “Life” è puramente ipotetica e nemmeno la Digital Voice di Einstein è una riproduzione supportata dalla pura tecnologia; Alforithmic dice che ha anche lavorato con un attore per fare un modello audio del chatbot (perché altrimenti, il digitale Einstein sarebbe stato in grado di pronunciare parole che il vero affare non si sarebbe sognato di dire – come, ad esempio, “blockchain”?). Quindi c’è anche molto di più di un semplice trucco AI.

READ  L'esperienza delle applicazioni per smartphone a Singapore offre piccoli assegni | Reuters | Attività commerciale

“Questa è la prossima pietra miliare nella dimostrazione della tecnologia per rendere possibile il social commerce conversazionale”, ci ha detto Matt Lehman, Direttore delle operazioni di Alforithmic. “C’è ancora più di un difetto da risolvere e sfide tecniche da superare, ma nel complesso pensiamo che questo sia un buon modo per mostrare dove sta andando”.

a Post sul blog Discutendo su come ricreare la voce di Einstein, l’azienda emergente scrive dei progressi che ha fatto su un elemento complicato associato al rilascio del chatbot, dicendo che è stata in grado di ridurre la latenza tra la conversione del testo di input dal motore di conoscenza computazionale alla sua API per essere in grado di fornire l’espressione. Per la risposta, da 12 secondi iniziali a meno di tre (definito “tempo quasi reale”). Ma c’è ancora abbastanza ritardo per garantire che il robot non possa sfuggire all’essere un po ‘noioso.

Nel frattempo, le leggi che proteggono i dati e / o le immagini delle persone presentano una sfida legale e / o etica alla creazione di tali “copie digitali” di esseri umani viventi, almeno non senza prima chiedere (e molto probabilmente pagare).

Naturalmente, i personaggi storici non sono lì per porre domande imbarazzanti sull’etica di somiglianza che sono dediti alla vendita di cose (se solo la tecnica di clonazione stessa lo è, in questa fase emergente). Sebbene i diritti di licenza possano ancora essere applicati, in realtà lo sono nel caso di Einstein.

“I suoi diritti appartengono all’Università Ebraica di Gerusalemme, che è un partner in questo progetto”, dice Lyman, prima di “riconoscere la componente di licenza dell’artista nella performance di” riproduzione vocale “di Einstein.” In effetti, non abbiamo riprodotto la voce di Einstein in questo ma abbiamo trovato ispirazione nelle registrazioni, originali così come nei film. Il doppiatore che ci ha aiutato a plasmare la sua voce è lui stesso un grande fan e la sua interpretazione ha affascinato molto bene Einstein, abbiamo pensato “.

READ  Utente australiano di TikTok costretto a mostrare alla donna una gamba finta sul punto di disabilità

Si scopre che la verità sulle “bugie” high-tech è di per sé una torta a strati. Ma con i deepfake, non è lo sviluppo della tecnologia che conta tanto quanto l’impatto del contenuto e questo dipenderà sempre dal contesto. Non importa quanto sia buona (o cattiva) la falsificazione, il modo in cui le persone rispondono a ciò che vedono e sentono può trasformare l’intera storia – da una storia positiva (media complessi creativi / educativi) a qualcosa di molto negativo (un falso profondo e fuorviante) .

Cresce anche la preoccupazione che i deepfake possano diventare uno strumento di disinformazione, poiché la tecnologia diventa più sofisticata, contribuendo a guidare i passi verso la regolamentazione dell’IA in Europa, dove hanno sede le due principali entità responsabili di Digital Einstein.

All’inizio di questa settimana Bozza fuoriuscita Di una proposta legislativa in arrivo sulle norme dell’UE per le applicazioni “ad alto rischio” dell’intelligenza artificiale includevano alcune sezioni che prendono di mira specificamente i deepfake.

Secondo il piano, i legislatori sembrano disposti a proporre “regole di trasparenza armonizzate” per i sistemi di intelligenza artificiale progettati per interagire con gli esseri umani e quelli utilizzati per creare o manipolare contenuti di immagini, audio o video. Quindi il futuro chatbot digitale di Einstein (o presentazione di vendita) dovrà probabilmente pubblicizzarsi artificialmente in modo inequivocabile prima di iniziare a fingere, per evitare che i cittadini della rete abbiano bisogno di un’app predefinita. Test di Voight-Kampff.

Per ora, tuttavia, il chatbot digitale interattivo di Einstein ha ancora abbastanza ritardo per rinunciare al gioco. I suoi creatori stanno anche etichettando chiaramente la loro creatività nella speranza di vendere la loro visione per il commercio sociale basato sull’intelligenza artificiale ad altre aziende.

READ  Cars: CNH acquisisce Potenza Technology | Sedruep

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x