La corte americana respinge l'appello contro il signore della droga messicano El Chapo

La corte americana respinge l'appello contro il signore della droga messicano El Chapo

città del Messico –

Un tribunale statunitense ha respinto la richiesta dell'ex signore della droga messicano Joaquin “El Chapo” Guzman di rivedere una sentenza del 2019 che lo condannava all'ergastolo.

Guzman, che per anni ha guidato il potente cartello di Sinaloa accusato di migliaia di morti in Messico, ha presentato istanze di habeas corpus – cause civili utilizzate per valutare se la reclusione è legale – e ha richiesto rappresentanza legale in questo appello.

“Questo è stato forse il processo penale di più alto profilo del decennio, e le accuse per le quali il firmatario è stato condannato avrebbero comportato la pena di morte se non fosse stato per le condizioni della sua estradizione”, ha affermato il giudice Brian Cogan del distretto orientale di New York . Lo ha affermato nella sentenza che archivia il caso.

La sentenza respinge le argomentazioni secondo cui la difesa di Guzman non ha adeguatamente esplorato il patteggiamento e cita prove sigillate che suggeriscono che Guzman controlla ancora fino a miliardi di dollari in beni, anche se non sono a suo nome.

Cogan, che ha anche presieduto il processo e la condanna di Guzman nel 2019, ha rifiutato la richiesta di consulenza legale, affermando che Guzman aveva già ricevuto l'aiuto di Mariel Colon Miro, un avvocato che ha rappresentato Guzman e sua moglie negli ultimi anni.

Colon non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il giudice si è anche chiesto dove Guzman avesse preso i soldi per pagare i suoi avvocati e perché sua moglie, rilasciata dal carcere a settembre, non avesse accesso ai suoi beni.

READ  Un olimpionico bielorusso descrive il calvario di Tokyo dopo il suo arrivo in Polonia | Notizie sui Giochi Olimpici

Guzman (66 anni) sta scontando l'ergastolo in una prigione del Colorado conosciuta come “Alcatraz delle Montagne Rocciose”, dove i prigionieri vengono tenuti in isolamento per 23 ore al giorno.

Dopo essere fuggito due volte dalle carceri di massima sicurezza in Messico, inclusa la fuga attraverso un tunnel lungo un miglio dalla sua cella, Guzman è stato estradato nel 2017 negli Stati Uniti e condannato con l'accusa di traffico di droga nel 2019.

Il cartello di Sinaloa di Guzmán rimane una delle due organizzazioni criminali più potenti del paese, insieme al suo principale rivale, il cartello Jalisco New Generation.

Una potente fazione all'interno del cartello di Sinaloa è ora guidata dai quattro figli di Guzman, uno dei quali è stato anche lui estradato negli Stati Uniti.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x