La Corte dei diritti umani dell’UE condanna l’Italia per violazione dei diritti di un minore migrante

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha ritenuto l’Italia colpevole di aver violato i diritti di un giovane migrante gambiano.

Secondo la Corte europea dei diritti dell’uomo, il migrante ha ricevuto un trattamento inumano e degradante ed è stato ricoverato in un centro di accoglienza per adulti nonostante avesse informato le autorità di essere minorenne, riferisce SchengenVisaInfo.com.

Così, la Corte europea dei diritti dell’uomo si è pronunciata contro l’Italia per aver violato i diritti di un minore immigrato che ha provveduto a trattarlo come un adulto ed è stato trattenuto in un rifugio affollato per più di quattro mesi, spiega l’ANSA.

Il giovane è entrato in Italia dal Gambia nel 2016 e all’epoca aveva presumibilmente 17 anni. Il rapporto di un medico affermava anche che era minorenne, il che significa che non è stato trattato come tale.

Il comunicato stampa della Corte europea dei diritti dell’uomo rileva che le autorità italiane non hanno fornito immediatamente un rappresentante al minore immigrato, il che significava che gli è stato effettivamente impedito di presentare una domanda di asilo.

“Il tribunale ha osservato che a causa di carenze nelle garanzie procedurali dopo il suo arrivo in Italia, non gli sono stati forniti gli strumenti necessari per presentare domanda di asilo ed è stato collocato in un affollato centro di accoglienza per adulti per più di quattro mesi”, Legge parte della decisione del tribunale.

In aggiunta a quanto sopra, il tribunale ha affermato che le autorità italiane non avevano fornito garanzie al minore, anche qui, e l’accesso a un difensore, tra l’altro.

READ  Cipriani e un veterinario italiano della vita notturna aprono il più grande club di New York

“Le autorità nazionali non hanno applicato il principio della presunzione di minoranza e non hanno fornito garanzie. Sia nel diritto interno che nel diritto dell’UE, queste garanzie hanno incluso la nomina di un rappresentante legale o tutore, l’accesso a un difensore e la partecipazione informata a una procedura di valutazione dell’età ,” La corte ha aggiunto.

Il tribunale ha confermato che durante la sua permanenza nel centro di accoglienza, l’immigrato non aveva il diritto di sviluppare né stabilire relazioni con gli altri, rilevando che ciò avrebbe potuto essere evitato se fosse stato ricoverato in un centro specializzato o con genitori adottivi. .

Inoltre, in risposta alla denuncia dell’immigrato, la corte ha osservato che il governo italiano non aveva indicato alcun trattamento specifico attraverso il quale i ricorrenti potessero sporgere denuncia sulla situazione presso il centro di accoglienza per adulti.

Pertanto, è stato osservato che i rimedi menzionati dal Governo in merito alla valutazione dell’età del ricorrente sono stati ritenuti inefficaci.

Tenendo conto di tutti i fattori, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che l’Italia deve rimborsare 7.500 euro per danni morali e altri 4.000 euro per le spese legali in corso.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x