La Corte Suprema degli Stati Uniti divisa lascia in vigore la legge sull’aborto del Texas

WASHINGTON – Una Corte Suprema degli Stati Uniti profondamente divisa ha permesso che una legge del Texas che vieta la maggior parte degli aborti rimanga in vigore, perché ora priva la maggior parte delle donne del diritto di abortire nel secondo stato più grande del Paese.

La corte ha votato 5-4 per respingere un appello di emergenza da parte di fornitori di aborti e altri che hanno cercato di bloccare l’applicazione della legge entrata in vigore mercoledì. Ma i giudici hanno anche notato che il loro ordine probabilmente non è l’ultima parola sul fatto che la legge possa reggere perché può ancora essere presentata con altre sfide.

La legge del Texas, firmata a maggio dal governatore repubblicano Greg Abbott, vieta gli aborti una volta che i medici possono rilevare l’attività cardiaca, di solito intorno alle sei settimane e prima che molte donne sappiano di essere incinte.

È la legge più severa contro il diritto all’aborto negli Stati Uniti dalla storica decisione della Corte Suprema Roe v. Wade nel 1973 e fa parte di una più ampia campagna dei repubblicani in tutto il paese per imporre nuove restrizioni all’aborto. Almeno altri 12 stati hanno emanato divieti all’inizio della gravidanza, ma a tutti è stato vietato di entrare in vigore.

L’ordine della Corte Suprema di rifiutare di fermare la legge del Texas è arrivato poco prima della mezzanotte di mercoledì. La maggioranza ha affermato che coloro che hanno portato il caso non hanno soddisfatto il pesante fardello richiesto per fermare la legge.

“Nel giungere a questa conclusione, sottolineiamo che non pretendiamo di aver risolto definitivamente alcun contenzioso o azione sostanziale nella causa dei ricorrenti. In particolare, questa questione non si basa su alcuna conclusione sulla costituzionalità della legge del Texas, e in nessun modo limita altri ricorsi appropriati proceduralmente per la legge del Texas, compresi i tribunali del Texas.”

READ  L'ex pubblico ministero accusato di cattiva condotta per la morte di Ahmaud Arbery | Le vite dei neri contano per le notizie

Il giudice capo John Roberts non era d’accordo con i tre giudici liberali della corte. Ciascuno dei quattro giudici dissenzienti ha scritto dichiarazioni separate esprimendo il proprio disaccordo con la maggioranza.

Roberts ha osservato che mentre la maggioranza ha respinto la richiesta di soccorso d’emergenza, “l’ordinanza del tribunale è enfatica nel chiarire che non può essere intesa a sostegno della costituzionalità della legge in questione”.

Il voto nel caso mette in evidenza l’impatto della morte del giudice liberale Ruth Bader Ginsburg lo scorso anno e la sostituzione dell’allora presidente Donald Trump con il giudice conservatore Amy Connie Barrett. Se Ginsburg fosse rimasto in tribunale, ci sarebbero stati cinque voti per fermare la legge del Texas.

Il giudice Sonia Sotomayor ha definito “sorprendente” la decisione dei suoi colleghi conservatori. “Soddisfatto di una richiesta di una legge palesemente incostituzionale progettata per impedire alle donne di esercitare i loro diritti costituzionali e di eludere il controllo giudiziario, la maggior parte dei giudici ha scelto di nascondere la testa sotto la sabbia”, ha scritto.

I legislatori del Texas hanno scritto la legge per eludere la revisione della corte federale consentendo ai privati ​​cittadini di intentare azioni civili in tribunale statale contro chiunque sia coinvolto in un aborto, diverso dal paziente. Altre leggi sull’aborto sono applicate da funzionari statali e locali, con possibili sanzioni penali.

Al contrario, la legge del Texas consente ai privati ​​cittadini di citare in giudizio i fornitori di aborti e chiunque sia coinvolto nel facilitare gli aborti. Tra gli altri casi, questo può includere chiunque porti una donna in una clinica per abortire. Per legge, chiunque faccia causa con successo a un’altra persona ha diritto ad almeno $ 10.000.

READ  Lightning sospetta la morte di 18 elefanti trovati in una riserva della foresta indiana

Nel suo dissenso, la giustizia Elena Kagan ha definito la legge “manifestamente incostituzionale”, affermando che consente “ai privati ​​di attuare restrizioni incostituzionali per conto dello stato”. Il giudice Stephen Breyer ha affermato che “una donna ha il diritto costituzionale federale di ottenere un aborto durante” il primo trimestre.

Dopo che una corte d’appello federale si è rifiutata di consentire un’immediata revisione della legge prima che entrasse in vigore, gli oppositori della misura hanno chiesto una revisione della Corte Suprema.

In una dichiarazione rilasciata giovedì all’inizio dell’azione della Corte Suprema, Nancy Northup, presidente del Center for Reproductive Rights, che rappresenta i fornitori di aborti che sfidano la legge, ha promesso di “continuare a combattere questo divieto fino a quando non sarà ripristinato l’accesso all’aborto in Texas”.

“Siamo rimasti scioccati dal fatto che la Corte Suprema si sia rifiutata di bloccare una legge che viola palesemente Roe v. Wade. In questo momento, le persone che cercano aborti in tutto il Texas sono sbalordite: non hanno idea di dove o quando potranno abortire, se del caso “Ha funzionato. I politici del Texas stanno attualmente deridendo lo stato di diritto, determinando un cambiamento nella cura dell’aborto in Texas e costringendo i pazienti a lasciare lo stato – se ne hanno i mezzi – per ottenere un’assistenza sanitaria costituzionalmente protetta. Fa venire i brividi lungo il spina dorsale di tutti coloro che hanno a cuore la Costituzione in questo Paese”.

Il Texas ha da tempo imposto alcune delle più severe restrizioni all’aborto nel paese, inclusa una legge radicale approvata nel 2013. La Corte Suprema alla fine ha annullato quella legge, ma non prima di aver chiuso più della metà delle oltre 40 cliniche dello stato.

READ  Tempesta di sabbia porta l'inquinamento a Pechino al massimo Notizie sull'ambiente

Anche prima che il caso del Texas raggiungesse la Corte Suprema, i giudici avevano pianificato di affrontare la questione del diritto all’aborto in un caso importante dopo che la corte aveva ricominciato a sentire le argomentazioni in autunno. Questo caso riguarda il Mississippi, che chiede di poter imporre il divieto di aborto dopo 15 settimane di gravidanza.

——

Lo scrittore dell’Associated Press Paul J. Webber ad Austin, Texas.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x