La Corte Suprema degli Stati Uniti esamina il caso dei “segreti di stato” sulla sorveglianza musulmana | Notizie sui tribunali

La Corte Suprema approva un secondo caso “segreto di Stato” sulla possibilità di portare avanti la causa per spionaggio dell’FBI sui musulmani statunitensi.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso di decidere se sia possibile intentare una causa contro un gruppo di musulmani residenti in California Nel mirino dell’FBI Devono essere osservati a causa della loro religione.

Questo è il secondo caso accettato dal tribunale durante l’autunno che coinvolge una rivendicazione del governo di “segreti di stato”, l’idea che il governo possa bloccare il rilascio di informazioni che secondo lui danneggerebbero la sicurezza nazionale se divulgate.

Questo precedente legale deriva dal caso United States v. Reynolds del 1953, secondo il quale la Corte Suprema ha confermato il segreto di stato dopo che le vedove di tre uomini morti in un incidente aereo hanno cercato rapporti sull’incidente per citare in giudizio il governo degli Stati Uniti. Il governo ha affermato che la pubblicazione dei rapporti avrebbe messo a repentaglio la sicurezza nazionale.

Come al solito, lunedì il tribunale non ha commentato dopo aver detto che avrebbe ascoltato il caso, che dovrebbe essere ascoltato dopo che il tribunale avrà preso la sua pausa estiva e avrà ricominciato a sentire le argomentazioni a ottobre.

Nell’altro caso sui segreti di stato, i giudici hanno convenuto che avrebbero deciso se un uomo palestinese catturato dopo gli attentati dell’11 settembre e detenuto in una prigione nella base americana di Guantanamo Bay, a Cuba, avrebbe avuto accesso a informazioni che il governo classifica come segreti di stato . .

Spesso, il privilegio viene invocato nelle cause civili. Questi casi vengono archiviati quando al querelante viene negato l’accesso a informazioni privilegiate, che di solito è necessario per continuare il caso.

READ  USA 2020, Pence dice no al parlamentare chiedendo di annullare il voto

I giudici raramente esaminano le informazioni privilegiate, anche in segreto.

Il caso, che è stato accettato in tribunale lunedì, riguarda tre musulmani che vivono nel sud della California, i quali affermano che dal 2006 al 2007 l’FBI ha pagato un informatore sotto copertura per raccogliere informazioni riservate sui musulmani nella contea di Orange, in California, basate esclusivamente sulla loro religione.

Un tribunale distrettuale ha archiviato il caso dopo che il governo federale ha invocato il privilegio dei segreti di stato. La corte ha convenuto che continuare il caso avrebbe “rischiato significativamente di rivelare informazioni riservate”. Ma la corte d’appello ha ribaltato la decisione.

Bloomberg News riporta che la Corte d’Appello di San Francisco ha stabilito che i privilegi dei segreti di Stato non superano il Foreign Intelligence Surveillance Act del 1978.

Questa legge consente al giudice di rivedere le informazioni contestate in un’udienza a porte chiuse per decidere se la sorveglianza è giustificata.

L’FBI ha affrontato a lungo critiche per la sua sorveglianza delle comunità musulmane negli Stati Uniti. Al Jazeera ha indagato sulla sorveglianza delle società musulmane sulle operazioni antiterrorismo nel documentario del 2014 The Informants.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x