La diciottesima edizione di ZagrebDox annuncia la sua selezione

– Il principale raduno croato ospiterà 86 documentari nei suoi vari campi e presenterà una serie di anteprime di film regionali

107 madre di Peter Kereks

Il Festival Internazionale del Film Documentario di Zagabria Docs Svelata la formazione completa dei 18y L’edizione, che si svolgerà dal 3 al 10 aprile nella sua consueta sede al Cinema Capitol di Zagabria. Il principale evento documentario di quest’anno ospiterà 86 documentari in 11 divisioni cinematografiche. Un totale di 35 film parteciperanno ai due concorsi ufficiali – internazionale e regionale – per vincere il Big Stamp del festival, mentre i registi emergenti di età inferiore ai 35 anni potranno anche beneficiare del Small Stamp Award. Il programma del festival di quest’anno è stato presentato dal direttore del festival e dal programmatore principale Nenad Bohovsky e il prodotto Hervoy Boxic.

(L’articolo continua di seguito – informazioni commerciali)

Durante la proiezione, Bohovsky ha dichiarato: “Stiamo entrando nell’età adulta e siamo felici e orgogliosi di essere uno dei pochi festival ad aver proiettato esclusivamente film nei cinema negli ultimi anni difficili. Con una selezione dei migliori film recenti, ZagrebDox continua per aprire la porta, offrendo l’opportunità di esplorare e comprendere il mondo che ci circonda, nella sua interezza, attraverso il mezzo del film, gli incontri al cinema, le conversazioni e la condivisione dei sentimenti.

Il ZagrebDox International Competition è composto da 18 documentari che trattano diversi punti focali della mappa geopolitica del mondo. Gli indirizzi di lunghezza caratteristica sono: 107 madre [+see also:
film review
trailer
interview: Peter Kerekes
film profile
]
di Peter Kereks (Slovacchia/Repubblica Ceca/Ucraina), 1970 [+see also:
film review
trailer
interview: Tomasz Wolski
film profile
]
di Tommaso Volsky (Polonia), Una casa fatta di schegge [+see also:
film review
trailer
film profile
]
di Simon Lering Willmont (Danimarca / Ucraina / Svezia), La notte di chi sa qualcosa [+see also:
film review
film profile
]
di Payal Kapadia (India/Francia), Imbarco di Jessica Kingdon (Stati Uniti d’America), Il film sul balcone [+see also:
interview: Paweł Łoziński
film profile
]
di Paweł Oziński (Polonia), Bambini della nebbia di diam ah lo (Vietnam), L’infanzia di Emad [+see also:
film review
film profile
]
di Zahavi Sanjavi (Svezia / Lettonia / Iraq), Giulia ed io [+see also:
film review
film profile
]
di Nina Hubert (Svezia/Danimarca), Fantastico Les Enfants [+see also:
film review
trailer
film profile
]
di Ahmed Necdet Jobor (Francia/Germania/Turchia), la mia vecchia scuola [+see also:
film review
film profile
]
di Giunone McLeod (Regno Unito), ragazze [+see also:
film review
interview: Hogir Hirori
film profile
]
di HOGGER HORRI (Svezia), Storia dell’apparenza [+see also:
film review
film profile
]
di Marco Cugini (Regno Unito) La pandemia di Portmanteau L’anno dell’eterna tempesta.

READ  Le celebrità non possono smettere di commentare la carta famiglia 2021 di Kelly Ripa su Instagram

Ci sono anche 17 titoli inclusi nel concorso regionale ZagrebDox, sette dei quali sono produzioni o coproduzioni croate di varia durata. In dettaglio, include lungometraggi maggiore dello shock di Vedrana Pribacic (Croazia), Fratelli [+see also:
film review
trailer
interview: Francesco Montagner
film profile
]
di Francesco Montagner (Italia / Repubblica Ceca), bolla [+see also:
film review
trailer
film profile
]
di Valerie Blankenbell (Svizzera/Austria), Costruzione di Goran Devich (Croazia), Le macchine che abbiamo guidato nel capitalismo [+see also:
film review
film profile
]
di Georgy Bogdanov E il Boris Meserkov (Bulgaria/Croazia/Repubblica Ceca/Danimarca/Germania), Dida [+see also:
film review
trailer
film profile
]
di Corina Schoengruber Illich E il Nikola Ilic (Svizzera/Serbia), dive [+see also:
film review
film profile
]
di compagno Korosi (Ungheria), Quattro stagioni in un giorno [+see also:
film review
trailer
film profile
]
di Annabelle Verbeke (Lituania/Croazia/Belgio/Norvegia), Mlongo – Il re bianco di David Lucic (Croazia), madre sudore [+see also:
film review
trailer
interview: Matteo Tortone
film profile
]
di Matteo Turton (Francia / Italia / Svizzera), riconciliazione [+see also:
film review
film profile
]
di Maria Zedar (Slovenia / Serbia / Montenegro / Kosovo), le radici [+see also:
film review
trailer
interview: Tea Lukač
film profile
]
di Tè Lokai (Serbia), Soldt Ahmed [+see also:
film review
film profile
]
di Janis Lenz (Austria) e Tu sei Ceausescu per me [+see also:
film review
film profile
]
di Sebastian Mihailescu (Romania).

Come sempre, ZagrebDox offrirà più delle sue divisioni competitive e quest’anno le barre laterali includono Masters of Dox, Controversial Dox e State of Affairs, insieme a una divisione Road Dox sponsorizzata. Vladan Petkovic Il filone ha sponsorizzato le visualizzazioni Jelena Basic. Direttore serbo Celnik più sottile Avrà una retrospettiva dedicata ai suoi film realizzati in Germania a metà degli anni ’70, mentre “Serata d’autore” è per il regista Katrina Zrinka Matjevicpresidente della giuria internazionale dell’anno, con una selezione di film curati Diana Ninadic.

READ  Una balena morta, che si dice sia "una delle più grandi" mai scoperte, è stata ritrovata al largo delle coste italiane

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x