La European Film Academy ha ospitato il secondo Summit del pubblico giovanile

– I giovani e gli amanti del cinema di 20 paesi diversi hanno partecipato a un evento ibrido e hanno discusso questioni importanti come la diversità, la rappresentazione di genere e il razzismo nel film

Il Accademia Europea del Cinema Promuove la sua iniziativa per promuovere il cinema e la cultura europea tra le giovani generazioni utilizzando il programma European Film Club come uno dei suoi mezzi più importanti. Il Film Club riassume i suoi obiettivi come segue: “The European Film Club mira a essere una piattaforma cinematografica e una rete di cineforum in tutto il continente in cui i giovani possono riunirsi per guardare e discutere i film europei e realizzare i propri film. Le persone costruiranno un catalogo diversificato di film scelti dai giovani e costruire un amore per il cinema europeo per la prossima generazione”.

(L’articolo continua di seguito – informazioni commerciali)

Per preparare la partecipazione e il contenuto del programma, dal 2020 sono state organizzate diverse sessioni di brainstorming con attori internazionali. Dopo la prima edizione dello scorso anno, anche quest’anno EFA ha organizzato con lo Youth Audience Summit un ampio evento che ha permesso di discutere e approfondire alcuni temi di interesse per i giovani. Si è tenuto a Berlino il 19 giugno come evento ibrido ed è stato trasmesso in diretta dalla Konrad Wolff Film University di Babelsberg. Ospitato da undici membri del Consiglio dei giovani per l’educazione per tutti e raggiunto online da un totale di 70 giovani provenienti da più di 20 paesi.

L’attenzione si è concentrata sul tema della rappresentazione e su come il cinema europeo riflette e rappresenta i giovani e modella l’identità e il sentimento della cultura europea. Le questioni di diversità, sessismo e razzismo vengono discusse utilizzando due cortometraggi come esempi. I film erano documentari Mariam dal regista olandese curdo Mietitore Oscuroche segue le donne soldato contro l’ISIS in Siria e lungo addio dal regista britannico Anil Kariya e rapper Riz Ahmed (Mogul Mowgli [+see also:
film review
trailer
interview: Bassam Tariq
film profile
]
), racconta la storia di un gruppo paramilitare che attacca e uccide membri in un quartiere di immigrati.

READ  Il primo studio cinematografico sarà costruito nello spazio entro il 2024

Le reazioni ai film sono state numerose e intense. Lo stereotipo dei ruoli femminili, l’importanza dei film femministi e le aspettative dannose della maternità, tra gli altri aspetti, sono stati un livello di controversia, come mostrano alcune testimonianze: “In molti film che presentano una donna forte, alla fine si innamora di qualcuno e non consentono che un film debba finire con una donna forte dopo la sua carriera e che deve sempre incontrare un uomo”, o “Le donne non devono essere madri o casalinghe o altro, ma allora perché sono ritratte così in la maggior parte dei film?” Ci sono parecchi film che mostrano donne forti e donne forti. Con l’attuale progresso che vediamo come società, personalmente mi aspettavo di vedere molti film femministi, ha commentato Raluca, dalla Romania.

Da queste e altre affermazioni, risulta chiaro quanto i giovani siano consapevoli delle importanti questioni sociali del nostro tempo. Mostrano la volontà di partecipare al dibattito pubblico e desiderano ritrovare se stessi e il loro mondo nelle storie raccontate nei film. Un partecipante, Sania dall’Italia, ha dichiarato: “Nel mondo ci sono così tante storie non raccontate perché pensiamo che ci siano cose negative. Invece, è la nostra storia, tutto di noi fa parte di noi e può farci pensare al nostro futuro .”

Per quanto possa sembrare banale, questi ragazzi sono letteralmente il futuro del cinema europeo ed europeo. Sono parte del pubblico che i narratori dovranno persuadere e attraverso il quale il cinema si svilupperà e crescerà. Quindi sarà sicuramente necessario ascoltare i loro bisogni e input. Uno degli strumenti che usano davvero per esprimersi attivamente è il Young Audience Award, che seleziona annualmente tre film vincitori. L’anno scorso il premio è andato a Pinocchio [+see also:
film review
trailer
interview: Matteo Garrone
film profile
]
di Mathieu GarronE il il passaggio [+see also:
trailer
interview: Johanne Helgeland
film profile
]
di Johan Helgeland E il Wolfwalker [+see also:
film review
trailer
film profile
]
di Tom Mor E il Ross Stewart. Si può essere curiosi delle risoluzioni di quest’anno.

(L’articolo continua di seguito – informazioni commerciali)

READ  La coppia di Huff madre e figlio ha raccolto 3 milioni di sterline dall'asta di lavoro italiana

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x