La fiera preferita in Italia sta provando un nuovo modo per attirare i turisti

(CNN) – Commissionarono e collezionarono alcune delle più importanti opere d’arte del Rinascimento, costruendo una collezione di opere d’arte che è oggi uno dei musei più famosi al mondo.

Ma la famiglia dei Medici a Firenze collezionava anche opere d’arte di altre culture. E ora la Galleria degli Uffizi, nata come sede della famiglia ai tempi del governo della città e oggi il museo più visitato d’Italia, apre una galleria nella galleria per esporre una di queste collezioni.

lo scopo? Per attrarre un tipo di turismo più diversificato.

Il Museo delle Icone Russe, che aprirà il 2 gennaio, si svolgerà a Palazzo Pitti, il vasto palazzo della famiglia Medici da cui controllavano gran parte della Toscana.

Al museo sono dedicate quattro sale, mai aperte al pubblico, con i suoi affreschi seicenteschi restaurati, che gli danno una scenografia teatrale di colonne trompe l’oeil, soffitti a cassettoni e misteriose statue velate in agguato nelle nicchie.

Farà parte del museo anche la Cappella Palatina, una cappella privata della famiglia Medici, aperta solo una volta all’anno per la messa.

La collezione, che si dice sia la più antica del suo genere al di fuori della Russia, contiene 78 icone dal XVI al XVIII secolo.

L’ambientazione teatrale ha icone che interagiscono con l’arredamento sontuoso.

Gallerie degli Uffizi

Alcune delle icone sono state dipinte da artisti che di solito lavoravano con gli zar russi e sono state inviate direttamente dal Cremlino di Mosca.

Fu iniziato dalla famiglia Medici, prima continuato dalla Casa di Lorena, la famiglia reale austriaca e governanti del Sacro Romano Impero, che governò la Toscana dopo la morte della famiglia Medici.

Le icone furono menzionate per la prima volta all’inizio del XVII secolo in un inventario dei possedimenti medicei, e poi di nuovo nel 1761, quando si trovavano a Palazzo Pitti, con l’imperatore del Sacro Romano Impero Francesco I che ampliava la collezione.

READ  L'eco-friendly Italian Expo Pavilion è fatto con scorze d'arancia e chicchi di caffè

Ma per la vastità della collezione degli Uffizi – che contiene decine di migliaia di opere conservate – è in mostra dal XVIII secolo.

I punti salienti della collezione includono la Madonna della famiglia Medici e il Minologio – un calendario delle feste ortodosso, diviso in più di 100 scene individuali dipinte con dettagli microscopici.

Menologio è un punto culminante finemente dipinto.

Menologio è un punto culminante finemente dipinto.

Gallerie degli Uffizi

Il direttore degli Uffizi Eck Schmidt pensa che questa sia una collezione più intima di altre opere d’arte commissionate dai Medici.

si distingue dagli altri gruppi perché [the icons are] Principalmente di piccole e medie dimensioni, destinato al culto familiare privato e progettato per essere portatile.

Il personale crede che il museo trarrà beneficio dal desiderio post-pandemia di uscire dal tipico percorso turistico e vedere qualcosa di diverso.

Le quattro sale non erano precedentemente aperte al pubblico.

Le quattro sale non erano precedentemente aperte al pubblico.

Gallerie degli Uffizi

“Risponde all’attuale necessità di ampliare la nostra offerta culturale a un pubblico più diversificato, che desidera esplorare luoghi meno conosciuti”, ha affermato Daniela Parenti, curatrice del Museo delle Icone.

Schmidt ha aggiunto che il museo aprirà la strada all’apertura dell’intero piano terra del Petit Palace, le cui sale affrescate non furono mai aperte al pubblico.

“Sono camere splendide, e i Granduchi [of Tuscany] Un tempo abitavano all’interno ma oggi sono principalmente utilizzati come uffici e locali di servizio”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x